laRegione
festival-film-diritti-umani-vince-after-a-revolution
Keystone
14.03.22 - 08:13
Aggiornamento: 15:36
Ats, a cura de laRegione

Festival film diritti umani: vince ‘After a Revolution’

La pellicola, del produttore cinematografico italiano Giovanni Buccomino, racconta la ricostruzione della Libia

"After a Revolution", documentario sulla ricostruzione della Libia del produttore cinematografico italiano Giovanni Buccomino, ha ottenuto il premio principale della 20esima edizione del FIFDH, Festival del film e forum internazionale sui diritti umani di Ginevra.

Girata sull’arco di sei anni la pellicola racconta la storia di un uomo che ha combattuto per Gheddafi e di sua sorella che si è unita ai ribelli. La donna ha cresciuto i suoi figli, si è candidata alle elezioni e si è recata in Svizzera per partecipare ai processi di pace, mentre suo fratello si è trovato a lottare con i suoi traumi.

Il film di Buccomino ha vinto il Grand Prix de Genève, dotato di 10’000 franchi. Il riconoscimento Gilda Viera de Mello (7’000 franchi) è invece stato assegnato ex aequo a "Angels of Sinjar" di Hanna Polak e a "El Silencio del topo" di Anaïs Taracena. Il primo lavoro evidenzia il destino del popolo Yezidi in Iraq, mentre il secondo è un appello per porre fine alla cultura dell’impunità in Guatemala.

Nella categoria grandi reportage, "White Torture" di Narges Mohammadi ha ricevuto il premio dell’Organizzazione mondiale contro la tortura (5’000 franchi). Il regista, che ha realizzato il documentario basato su interviste con ex prigionieri, è detenuto nella prigione di Evin in Iran dal novembre 2021.

Il Gran Premio di fiction (10’000 franchi) è stato assegnato congiuntamente a "Vera Dreams of the Seas" di Kaltrina Krasniqi e "Freda" di Gessica Généus. "Vera Dreams of the Seas" è il ritratto di una donna della Nouvelle Vague cinematografica fiorita in Kosovo. "Freda" racconta la storia di una giovane donna di Haiti che rifiuta di arrendersi davanti alle difficoltà.

Dopo due edizioni sospese a causa della pandemia il FIFDH è tornato alla ribalta per un’edizione che è cominciata il 4 marzo e si concluderà il 13. Durante dieci giorni oltre 28’000 persone hanno partecipato ai 118 eventi nell’ambito della manifestazione. Gli organizzatori hanno accolto 257 ospiti, fra registi, artisti e attivisti.

"In un mondo in tensione abbiamo bisogno più che mai di luoghi per riunirci, per ascoltare storie potenti, per esprimere la libertà di parola e per interrogare nuove forme di attivismo", ha affermato Isabelle Gattiker, direttrice generale del FIFDH.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti umani festival festival film film italiano giovanni buccomino libia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
3 ore
‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’
Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
L’intervista
5 ore
Juliette Binoche, attrice e camionista
Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
5 ore
Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.
Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
7 ore
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
19 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
1 gior
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
1 gior
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
1 gior
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
1 gior
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
© Regiopress, All rights reserved