laRegione
27.01.22 - 18:29

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.

Ats, a cura de laRegione
fotografo-il-flamenco-rene-robert-morto-per-il-freddo-a-parigi
Era nato il 4 marzo 1936 a Friburgo (foto: Mstyslav Chernov)

Il fotografo svizzero René Robert, noto per i suoi ritratti del mondo del flamenco, è morto d’ipotermia a Parigi all’età di 85 anni dopo aver passato nove ore su un marciapiede in seguito a una caduta, senza che nessuno lo aiutasse. L’incidente è avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 gennaio: l’artista passeggiava a vicino alla centrale Place de la République quando è inciampato cadendo rovinosamente a terra, intorno alle ore 21.30. È stato il suo amico e giornalista francese Michel Mompontet a raccontare l’accaduto alla radio France Info. Un senzatetto ha poi chiamato i soccorsi l’indomani, alle 6 del mattino: Robert è stato portato in ospedale, dove poco dopo è morto a causa di una grave ipotermia.

Nato il 4 marzo 1936 a Friburgo, René Robert aveva iniziato la sua carriera nella fotografia nel campo della pubblicità e della moda, conquistandosi la fama con gli scatti dedicati ai ballerini di flamenco. Le sue immagini, sempre in bianco e nero, per più di cinquant’anni hanno esaltato l’arte del flamenco. Robert ha fotografato tutti i più grandi spettacoli di flamenco tra Spagna e Francia e le più straordinarie figure di questo mondo come Paco de Lucia, Fernanda de Utrera, Pastora Galván, Sara Baras, La Susi, Tomatito, El Torombo, El Torta, Vicente Amigo, Eva La Yerbabuena, coniugando l’autenticità con la grazia.

I ritratti di Robert realizzati dal 1967 al 2009 sono stati al centro di numerose mostre in giro per l’Europa e un’esposizione di 75 immagini si è tenuta a Roma per iniziativa dell’Istituto Cervantes. Le sue foto sono state raccolte in vari volumi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Distopie
6 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
16 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
18 ore
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
2 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
2 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
© Regiopress, All rights reserved