laRegione
a-storie-le-ragioni-del-respingimento-di-liliana-segre
Ti-Press
20.01.22 - 19:44

A ‘Storie’ le ragioni del respingimento di Liliana Segre

La vicenda è al centro del documentario di Ruben Rossello prodotto dalla Rsi, in programma domenica 23 gennaio

L’8 dicembre del 1943, alla frontiera svizzera di Arzo, Liliana Segre venne respinta. Lunghe ricerche e nuovi studi storici hanno consentito di ricostruire quanto avvenne al confine in quel giorno e durante tutto l’autunno 1943, quando gli ebrei italiani cercavano rifugio in Svizzera per salvarsi dalla persecuzione nazista e fascista. Domenica 23 gennaio, a pochi giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria, alle 20.40 su Rsi La1 ‘Storie’ presenterà un documentario sul tema diretto dal regista Ruben Rossello.

Come è noto, il Ticino venne direttamente coinvolto nel dramma degli ebrei italiani, i quali nell’autunno del ’43 tentarono in massa di entrare in Svizzera per sfuggire alla persecuzione nazista e fascista. La frontiera tra Italia e Svizzera, che durante i quattro anni di guerra visse lontana da qualunque coinvolgimento, dopo l’armistizio tra Italia e Alleati dell’8 settembre 1943 e l’immediata occupazione tedesca del Nord Italia, divenne la meta agognata di antifascisti, militari sbandati, disertori, ex prigionieri alleati e soprattutto – dopo che nel volgere di pochi giorni si diffusero le notizie della persecuzione e delle prime stragi naziste – di ebrei. La frontiera svizzera diverrà allora la frontiera della speranza: a migliaia vennero accolti, ma come ben noto ci furono anche periodi di severi respingimenti, tra cui quelli di Liliana Segre e del padre Alberto. Perché i Segre vennero respinti? Quanti furono gli accolti e quanti i respinti? E la popolazione come reagì di fronte al dramma di questi uomini e donne in fuga?

Nella puntata vari ospiti porteranno la loro testimonianza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
liliana segre rsi storie
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Sulla Croisette
8 ore
Quello che il cinema può raccontare
‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
8 ore
‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar
Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Culture
13 ore
Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’
Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Spettacoli
21 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
1 gior
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
© Regiopress, All rights reserved