laRegione
e-morto-lo-stilista-italiano-nino-cerruti
keystone
16.01.22 - 15:57
Aggiornamento : 19:13

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani

Ansa, a cura de laRegione

Addio a Nino Cerruti, stilista e imprenditore biellese, tra i grandi protagonisti della moda italiana del secolo scorso. A questo maestro di stile ed eleganza, un vero “signore” della moda, che ha rappresentato l’eleganza di alta qualità e lo stile per decenni nel jet set mondiale, da Hollywood alla Formula 1, si deve l’invenzione della giacca maschile decostruita. Nata proprio nel periodo, a metà degli anni Sessanta, in cui Cerruti aveva assunto tra i suoi collaboratori giovani emergenti talentuosi, come Giorgio Armani, che della giacca decostruita farà in seguito il capo iconico portabandiera di un inconfondibile stile.

Era nato a Biella il 25 settembre del 1930, da una famiglia di industriali tessili. Giovanissimo, a soli 20 anni, perse suo padre ed ereditò l’attività. Evento che lo costrinse a interrompere bruscamente gli studi di filosofia e giornalismo. Seguendo la tradizione familiare, il giovane, molto intuitivo, cominciò a investire nella ricerca e nello sviluppo dei tessuti, aggiungendo così alla qualità dei suoi capi eleganza e design. In pochi anni, nel 1957, cominciò a ottenere un successo internazionale confermato con la presentazione a Milano della sua prima linea di abbigliamento, la Hitman.

Nel 1967 inaugurò la prima boutique ‘Cerruti 1881’ a Place de la Madeleine a Parigi. Era proprio in quel periodo che nel suo Lanificio Fratelli Cerruti, a metà degli anni Sessanta, si avvaleva della collaborazione di nuovi nomi e talentuosi della moda italiana, assumendo come designer un esordiente Giorgio Armani. Così, negli anni Settanta nasceva la prima giacca decostruita, morbida, priva di quelle rigidità che l’avevano caratterizzata per diversi decenni. La visione della moda di Nino Cerruti era internazionale. Stabilì accordi di licenza in Giappone e Stati Uniti per aumentare la visibilità del brand a livello internazionale e per mantenere i prezzi competitivi, dimostrando di essere oltre a un creativo geniale anche un imprenditore lungimirante. Negli anni Sessanta arrivava anche la linea donna. Nel 1975 la Hitman inizia la produzione e la distribuzione della maglieria, delle camicie e della linea casual, con il marchio ‘Cerruti 1881 Brothers’. Il primo profumo maschile legato al marchio, dal nome ‘Nino Cerruti’ arrivava negli anni Settanta. Negli anni Ottanta, Cerruti lanciava la linea sportswear, che comprendeva l’abbigliamento dedicato al tennis e allo sci, due sport dove sponsorizza campioni come il tennista statunitense Jimmy Connors e lo sciatore svedese Ingemar Stenmark. Il marchio ha un successo globale e nel 1994 il brand diventa designer ufficiale della squadra di Formula1 della Ferrari. Sempre negli anni Novanta vengono lanciati due nuovi profumi, ‘Cerruti 1881 Pour Homme’ e ‘Cerruti 1881 Pour Femme’, prodotti e distribuiti da Elizabeth Arden. Inoltre vengono aperti negozi monomarca in Cina, Hong Kong, Thailandia e Indonesia. Nel 1995 comincia la produzione della linea femminile ‘Cerruti Arte’. Nel 1998 viene presentato il nuovo profumo maschile ‘Cerruti Image’ e nello stesso anno viene aperto il negozio Cerruti a Madison Avenue a New York. Nel 2000 Cerruti apre un flagship store ad Hong Kong. Nello stesso anno viene lanciata la versione femminile del profumo ‘Cerruti Image’. Sempre nel 2000 Nino Cerruti viene nominato Cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
moda nino cerruti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
1 ora
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Culture
2 ore
Quando il cinema racconta la storia e taglie le speranze
Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra.
Spettacoli
11 ore
Cyrille Aimée: ‘vivo il momento presente, come gli zingari’
La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
15 ore
Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’
I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
15 ore
Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso
Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
1 gior
‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi
Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
1 gior
Fabio Andina vince il Prix du public Rts
L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
2 gior
Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini
Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Musica da camera
2 gior
Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria
Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
© Regiopress, All rights reserved