laRegione
19.12.21 - 17:27

Covid, Suisseculture auspica aiuti a lungo termine

Gli aiuti dell’ordinanza Covid cultura saranno in vigore finché rimarranno le restrizioni. Ma serve più tempo, secondo le associazioni culturali

covid-suisseculture-auspica-aiuti-a-lungo-termine
Pubblico mascherato a un concerto dell’Osi (Ti-Press)

Nei giorni scorsi il parlamento federale ha deciso di prorogare fino alla fine del 2022 gli aiuti per il settore culturale previsti dalla legge Covid-19 e il Consiglio federale ha quindi esteso la validità dell’ordinanza Covid cultura fino al 31 dicembre 2022. Con alcune modifiche importanti: mentre gli aiuti finanziari d’emergenza per gli operatori culturali e i contributi per i progetti di ristrutturazione saranno concessi sino alla fine del 2022, le indennità per perdita di guadagno saranno sospese una volta aboliti i provvedimenti a tutela della salute, tra cui il certificato Covid.

Tuttavia la sospensione dei provvedimenti segnerà soltanto l’inizio del ritorno alla normalità, per il settore culturale e degli eventi, afferma in un comunicato stampa Suisseculture, l’organizzazione ombrello dei lavoratori culturali professionisti della Svizzera. Nel complesso l’associazione accoglie con favore il prolungamento delle misure di sostegno e comprende le ragioni della decisione del Consiglio federale ma ribadisce che per riprendersi dalla crisi dovuta alla pandemia, il settore culturale e degli eventi avrà bisogno come minimo di uno o due anni dalla cessazione delle restrizioni. Un periodo durante il quale Confederazione, Cantoni e Comuni dovranno assumersi la responsabilità di adempiere al mandato costituzionale di tutelare la diversità culturale.

Nel suo comunicato, Suisseculture sottolinea un’altra criticità a proposito dell’indennità di perdita di guadagno (Ipg) per il coronavirus: nelle ultime settimane è emerso che le casse di compensazione cantonali sostengono sempre più spesso che “una situazione economica generalmente critica” non dà diritto a ricevere l’Ipg Corona. Un tale atteggiamento, afferma l’associazione, non è comprensibile né corrisponde alle realtà economiche del settore. Il fatto che il pubblico si astenga dal partecipare a eventi pubblici per prudenza – in linea con le raccomandazioni del Consiglio federale – non può e non deve portare ad abbandonare a sé stessi gli organizzatori e le imprese culturali colpite dalla crisi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
15 ore
I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’
L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Musica
22 ore
Abul Mogard nella cattedrale del suono
Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
1 gior
Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura
Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Cinema
1 gior
Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’
È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Società
1 gior
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
2 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
2 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
3 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
4 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
4 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
© Regiopress, All rights reserved