laRegione
l-arte-della-calligrafia-araba-e-patrimonio-umanita-unesco
© Fabos
Su ceramica
17.12.21 - 17:48
Ats, a cura de laRegione

L’arte della calligrafia araba è patrimonio umanità Unesco

Originariamente utilizzata per rendere la scrittura chiara e leggibile, si è gradualmente trasformata in una vera e propria arte

La calligrafia araba, l’arte di scrivere in maniera esteticamente ricercata usando l’alfabeto arabo, è da oggi Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco. Il riconoscimento è arrivato dal Comitato dell’Organizzazione mondiale per l’educazione, la scienza e la cultura, riunito a Parigi. Questa pratica artistica, diffusa in Arabia Saudita, Algeria, Bahrain, Egitto, Giordania, Iraq, Kuwait, Libia, Mauritania, Marocco, Oman, Palestina, Sudan, Tunisia, Emirati Arabi e Yemen, utilizza le ventotto lettere dell’alfabeto arabo, scritte in corsivo da destra a sinistra per esprimere armonia, grazia e bellezza.

Originariamente utilizzata per rendere la scrittura chiara e leggibile, si è gradualmente trasformata in una vera e propria arte che impreziosisce sia opere tradizionali che moderne. Le tecniche tradizionali utilizzano materiali naturali, come steli di canna e bambù. L’inchiostro è composto da ingredienti naturali come miele, fuliggine e zafferano. La carta è fatta a mano. La calligrafia moderna utilizza, invece, spesso vernici sintetiche e per calligraffiti dipinti su pareti, pannelli ed edifici gli artisti preferiscono la vernice spray. Artigiani e designer usano anche la calligrafia araba per realizzare ornamenti artistici, ad esempio su marmo, sculture in legno, ricami e incisioni su metallo. Praticata da uomini e donne di tutte le età questa arte viene trasmessa in modo informale o insegnata nelle scuole.

Durante tutta la storia dell’Islam, il lavoro dei calligrafi venne ricercato e apprezzato. Data la convinzione che l’arte figurativa fosse una forma d’idolatria, la calligrafia e le rappresentazioni astratte divennero i principali mezzi di espressione artistica nelle culture islamiche. Gli artisti contemporanei del mondo islamico sfruttano tuttora l’eredità dell’arte calligrafica per inserire iscrizioni o figure astratte nelle loro opere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calligrafia araba patrimonio unesco
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
12 ore
Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’
La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
14 ore
Pomeriggio valdostano
Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
16 ore
Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare
Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
17 ore
Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%
Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
17 ore
Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello
Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
20 ore
Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’
Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Scienze
22 ore
Le ondate di calore pesano su corpo e mente
Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior
La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra
La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior
Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 
Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior
Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande
Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
© Regiopress, All rights reserved