laRegione
con-flavio-stroppini-nella-parigi-del-re-lucertola
Dallo Studio 2 alla forma podcast (© Rsi)
laR
 
18.12.21 - 15:34

Con Flavio Stroppini nella Parigi del Re Lucertola

Da fan di Jim Morrison prima e come drammaturgo poi, ha scritto ‘Un cane senza un osso’: il live del 3 luglio 2021 alla Rsi è ora negli store digitali

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Detto con le note ufficiali, “è una celebrazione, un viaggio nel tempo, un auspicio giocato tra voce, pianoforte, percussioni, chitarre, sintetizzatori, rumori e bisbigli. Un’esperienza intensa nella quale avvicinarsi alle ‘porte’”. Detto con le liriche di una canzone, “in questo mondo siamo stati gettati come un cane senz’osso”. Di ‘Riders On The Storm’, Flavio Stroppini si è preso un verso per scriverci e intitolarci un’opera drammatico-musicale dedicata al defunto leader dei Doors nel 50esimo della morte. Il tutto è andato in scena nello Studio 2 della Rsi di Besso, in collaborazione con la stessa Rsi. La ricorrenza non è esattamente quella odierna, perché il Re Lucertola (per gli Elii ‘Er Lucertolaro”) morì il 3 luglio del 1971. Oggi, pubblicata per la label parigina Another Music Records, registriamo la sola trasformazione di ‘Un cane senza un osso’ in show audio, o podcast, disponibile sui principali portali dedicati a questa forma di ascolto esplosa durante l’isolamento e divenuta appendice imprescindibile di forme alternative di comunicazione (i quotidiani, per esempio).

La ricorrenza del 50esimo, però, è stata rispettata in pieno. Quanto si ascolta su Spotify, Spreaker, Apple Podcast, Deezer, Podcastaddict e Podchaser è stato registrato dal vivo lo scorso 3 luglio da Riccardo Ruggeri (voce, chitarra elettrica, percussioni) nel ruolo di Morrison, con le musiche composte ed eseguite da Andrea Manzoni (Moog, synth, timpano, pianoforte a coda) e gli inserti sonori di Stroppini, anch’egli dal vivo, e con parti in olofonia (tecnica di registrazione e riproduzione sonora che simula le dinamiche dell’ascolto umano, per la quale è stata impiegata una ventina di microfoni). «L’idea era quella di mettere in scena Jim Morrison nella vasca da bagno di un appartamento di Parigi, nell’ipotetico suo ultimo flusso di coscienza», spiega il regista e autore ticinese. «Morrison si sentiva un poeta più che un rocker maledetto, com’è stato erroneamente dipinto nel film di Olver Stone, bellissimo ma che poco ha a che fare con il cantante. Qui abbiamo cercato di ricreare la sua visione del mondo, partendo dai sogni di bambino e arrivando fino all’ultimo».

Lunga canzone

Registrato da Claudio Kernen con Enea Adami e Gabriele Della Casa, montato, mixato e masterizzato da Yuri Ruspini, introdotto alla maniera del radiodramma (e con le voci di Margherita Coldesina e Matteo Carassini), ‘Un cane senza un osso’ – un po’ radiodramma già di suo – è una ‘lunga canzone’ che con l’incedere tipico della scrittura morrisoniana riporta ai giorni, ai pensieri e ai suoni dell’appartamento al terzo piano in Rue Beautrillis 17 a Parigi, nei giorni precedenti l’uscita di ‘L.A. Woman’, ultimo atto dei Doors con Morrison. Nelle stanze di questo palazzo del XIX secolo, ma pure nelle vie circostanti, Morrison scrisse una messe di appunti e poesie, anche abbozzate, ‘riscritte’ da Stroppini: «Ho affrontato quest’opera adattandomi allo stile dei Doors, senza l’utilizzo di citazioni, senza mai ricorrere a loro brani originali ma semmai ricreandoli, e senza servirmi di batteria e basso, cercando comunque di mantenere quello specifico clima». Tutto diventa più intimamente raccolto, senza che si perdano dinamiche e retrogusto rock. «Ho scritto leggendo biografie, cercando relazioni e significati tra le canzoni, lasciandomi trasportare da quest’onda sonora del cercar di far metafore agganciandosi solitamente ad acqua, aria e fuoco».

Di Flavio Stroppini regista teatrale e drammaturgo, dei suoi oltre trecento radiodrammi e podcast per Rete Due e dei suoi romanzi, qualcosa sappiamo. Andrea Manzoni, compositore produttore e performer (attualmente in tour con Michele Bravi), gli è assai vicino, in quanto fedele autore delle colonne sonore degli spettacoli di Stroppini. Riccardo Ruggeri – cantante di Lomé, Syndone e Lavatrici Rosse, ma anche performer e vocologo – ha vinto per due volte il Premio Demetrio Statos. A legare i tre, attualizzzando, è l’amore per Morrison: «Loro hanno iniziato a fare musica nei piano bar di Biella suonandolo, io da ragazzo volevo essere Morrison, prima di accorgermi che non so cantare e non so suonare nessuno strumento. Quello che so fare bene, invece, è invidiare qualsiasi musicista».

Chiudiamo con Stroppini, e con le arti visive. Sul proprio sito, la Rsi rende disponibile l’ascolto ma anche la visione di ‘Un cane senza un osso’, una doppia testimonianza del 3 luglio e insieme un ponte sul tempo che attraversa l’universo Morrison con la performance live allo Studio 2 e il suo audio originale, impreziosito però dal mix confluito nel podcast. «Abbiamo provato a mostrare tutte le potenzialità dell’audio oltre le normali applicazioni da podcast, e la risposta da parte del settore musicale a questo nostro viaggio sonoro di cinquanta minuti ci riempie di soddisfazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
5 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
9 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
16 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
17 ore
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
18 ore
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
18 ore
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
19 ore
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Spettacoli
1 gior
Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith
Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Danza contemporanea
2 gior
Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project
Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
© Regiopress, All rights reserved