laRegione
09.12.21 - 15:05
Aggiornamento: 17:56

Rsi: ‘Violazioni personalità, ma nessuna molestia sessuale’

Cinque i casi di violazione riscontrata, di gravità da lieve a media. Nulla di sistemico, a parte un intero settore in cui il clima di lavoro è ‘non sano’

rsi-violazioni-personalita-ma-nessuna-molestia-sessuale
I risultati (Keystone)

Novecento ore di lavoro per seicento pagine d’indagine, 39 casi segnalati di cui 18 divenuti inchieste. Risultato finale: cinque casi di violazione della personalità, di cui due casi relativi ad “azioni ostili”, 1 caso di messa in atto di licenziamento con modalità lesive della personalità, 1 caso di gestione lacunosa del conflitto e 1 caso di trasferimento di settore con modalità ritenute lesive della personalità “per il non aver tenuto conto dei problemi di conciliabilità famiglia-lavoro” (risalente a 15 anni fa circa). Nessun caso di mobbing o bossing, tanto meno di molestie sessuali. È la conclusione dell’inchiesta sulle presunte molestie alla Rsi, così come illustrata in conferenza stampa dal direttore della Rsi Mario Timbal, dall’avvocato Nora Jardini Croci Torti – al lavoro sulla gestione delle segnalazioni giunte al sito del Sindacato svizzero dei massmedia (Ssm) – e dall’avvocato Raffaella Martinelli Peter – coordinatrice del pool di quattro legali che ha condotto le inchieste.

I casi trattati, come riferisce Martinelli Peter, avevano a che fare principalmente con demansionamenti, ostacolo dell’avanzamento professionale e disparità di trattamento. Quanto alle cinque violazioni appurate, “si tratta di casi isolati, che non hanno connessione gli uni con gli altri”, ha concluso Martinelli Peter. Cinque casi all’interno dei quali “non abbiamo riscontato rilevanze sistemiche”, aggiunge l’avvocato, e la cui gravità va da lieve a media. Nessun licenziamento, dunque, ma “sanzioni eque e proporzionali da concordarsi con la sede centrale”, dice Timbal. Un rapporto specifico analizzerà un intero settore dell’azienda caratterizzato da particolari criticità, settore sulla cui identità vige il massimo riserbo da parte dell’azienda.

“Sono arrivato nel momento in cui la vicenda emergeva, ho letto di ‘paura diffusa di parlare’, di ’omertà’, di ‘cultura dello stupro’. Oggi non mettiamo parola fine a questa storia, ma si tratta di una tappa importante di un percorso”, dice Timbal. “Le vittime di lesioni non abbiano incertezze, la loro voce non viene ignorata, sapremo scusarci dove sbagliato e prenderci le nostre responsabilità”, conclude il direttore, ringraziando “chi ha avuto il coraggio di alzare la mano e segnalare il proprio disagio”.

‘Cultura aziendale in rapporto al rispetto delle persone’

Il Comitato del Consiglio regionale della Corsi (Ccr) dell’esito delle inchieste ricordando l’avere auspicato “l’avvio d’inchieste indipendenti volte ad appurare non soltanto i casi segnalati ma anche, più in generale, la cultura aziendale in rapporto al rispetto delle persone”, motivo per il quale oggi ritiene che “siano date le premesse per un’azione rigorosa e coerente volta a ristabilire un clima di fiducia fra l’azienda e i suoi collaboratori”. Affidando le sue parola a un comunicato, il Ccr – che intende seguire “con attenzione” l’applicazione delle indicazioni emerse dal complesso delle inchieste – assicura il proprio sostegno all’operato del direttore regionale Mario Timbal, “che dalla sua entrata in funzione ha dimostrato di operare con la necessaria fermezza”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
11 ore
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
12 ore
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
18 ore
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
19 ore
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
Società
1 gior
Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa
Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
Spettacoli
1 gior
Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno
Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
1 gior
Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi
La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
1 gior
La continua ricerca di Siddhartha
L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
1 gior
Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro
Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
© Regiopress, All rights reserved