laRegione
tra-libri-d-artista-e-fluire-valsangiacomo-in-biblioteca
Ti-Press
Mauro Valsangiacomo
laR
 
30.11.21 - 17:32
Aggiornamento : 17:59

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Per commemorare l’opera letteraria del poeta, scrittore e filologo classico svizzero Virgilio Masciadri, prematuramente scomparso nel 2014, Ulrich Suter, fondatore del Seetaler Poesiesommer, assegna dal 2016 l’omonimo premio culturale internazionale. A Beromünster, nel Canton Lucerna, Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo ha appena ritirato quello dell’edizione 2021, riconoscimento che va al costante promotore di poeti e poesia, artista, pittore, scultore e ideatore delle Antenne per la pace, mantello ideale di postazioni di antenne che diffonde la pace, da Chiasso al S. Gottardo, opera tuttora in fase di realizzazione.

Di Valsangiacomo e con Valsangiacomo, fondatore di alla chiara fonte – “Agenzia culturale ed editoriale senza scopo di lucro che pubblica piccoli libri di poesia e altre indagini letterarie”, dal sito ufficiale – si parlerà all’interno dell’incontro/mostra ‘Vals - La mia idea di libro. Da Fluire ai libri d’artista condivisi copyleft’, giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano nella Sala Tami della Biblioteca cantonale, con interventi di Pedro Medina Reinón, Luca Saltini e del protagonista stesso, «uomo che si è occupato di arte ed editoria insieme», come lui si definisce. L’incontro avrà come ‘scenografia’ l’attitudine di alla chiara fonte, sin dalla sua fondazione, il suo muoversi sul terreno del no-profit, ma anche l’esperienza di ‘Fluire’, iniziata lo scorso anno, ‘rivista di pura poesia’ realizzata con la stessa logica dei libri d’artista ‘copyleft’ (liberi da copyright), stampabili (come la rivista) con la stampante di casa e oggetto dell’aspetto più espositivo dell’evento.

Bene comune

«Il libro d’artista – spiega l’autore – si definisce per la propria unicità, per la qualità artigianale e per la firma dell’artista. Nel caso di questi ‘copyleft’, la cosa viene leggermente traslata: pur essendo i libri immaginati come libri d’arte, effettivamente stampabili in poche copie firmate, qui vengono proposti sul web per venire offerti, per così dire, attraverso un costo che è il tempo di vita che il compratore mette a disposizione per poterlo realizzare». E per l’estrema facilità con la quale sono stampabili e ‘costruibili’, il prezzo/tempo richiesto non è per nulla eccessivo: «È chiaramente un’operazione simbolica e soprattutto non commerciale. È, anzi, un’operazione che cerca di spezzare l’abitudine per la quale una cosa assume valore se ha anche un valore commerciale. L’idea che sta alla base di tutto questo, in me come artista, è anche quella di provare a restituire un valore che non sia soltanto quello monetario». Valsangiacomo cita alcune recenti mostre, ansiose di far sapere il valore della merce venduta, «cosa bella finché si vuole, ma pare che l’arte non sia tale se non rientra dentro parametri capitalistici, cosa di per sé non sbagliata tranne quando un grembo materno diventa oggetto di compravendita, e così una foresta, o i beni comuni privatizzati. Un’idea che sta dietro questo modo di pensare, come chiara fonte, è che poesia, cultura, arte siano un bene comune e come tale debbano essere rispettati, ritrovando un senso di naturalezza non necessariamente riconducibile al valore commerciale».

Libri d’arte, per un attimo, a parte. A un anno di distanza, «‘Fluire’ è qualcosa di sorprendente. Di un sito si possono contare le visite, quanto tempo i visitatori vi restano, minuti sufficienti per capire che il contenuto viene letto, e i numeri sono sorprendenti. La poesia è un ambito particolare e chi vi si collega è lì non per altro motivo se non l’interesse per la poesia». Poesia che è «in salute, sempre specificando da quale punto di vista si parte per affermare questo. Noi partiamo dall’idea che la poesia abbia una sua dimensione antropologica inseparabile dall’uomo. L’uomo è anche poesia, o meglio, l’uomo non può essere senza la poesia, elemento che lo caratterizza. Di fatto, se ne scrive molta». Perché? «Non saprei, e nemmeno potrei dare una definizione precisa di poesia. Però, in questi vent’anni ho imparato che c’è un demone che coglie le persone e le invita a dedicare del tempo a scrivere cose che ritengono importanti. È una possessione che serve per vivere meglio, per sentirsi più completi. Di poesia ne viene prodotta tanta ed è anche, probabilmente, una reazione a quanto si percepisce di compromesso, non autentico e non naturale» (per informazioni: sblu-segrsbt@ti.ch, tel. 091 815 46 11).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biblioteca lugano mauro valsangiacomo poesia premio virgilio masciadri
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
1 ora
Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due
La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Società
1 ora
Un cinema itinerante per i bimbi ucraini
In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Culture
2 ore
Quando il cinema racconta la storia e taglie le speranze
Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra.
Spettacoli
11 ore
Cyrille Aimée: ‘vivo il momento presente, come gli zingari’
La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
16 ore
Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’
I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
16 ore
Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso
Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
1 gior
‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi
Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
1 gior
Fabio Andina vince il Prix du public Rts
L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
2 gior
Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini
Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Musica da camera
2 gior
Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria
Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
© Regiopress, All rights reserved