laRegione
Musica
26.11.21 - 15:45

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’

tina-turner-dottore-honoris-causa-in-storia-e-filosofia
Keystone
All’anagrafe, Anna Mae Bullock

La cantante di fama internazionale, con passaporto rossocrociato, Tina Turner, riceverà il dottorato honoris causa dell’Università di Berna il prossimo 4 dicembre. Stando alla laudatio, la cantante – nata negli Usa il 26 novembre 1939, ma trasferitasi in Svizzera oltre 25 anni fa, dapprima a Zurigo e poi a Küsnacht (Zh) – si è affermata anche come donna in un settore precedentemente dominato dagli uomini e ha lasciato il segno in molte persone con la sua autenticità e il suo carisma artistico. Con la sua arte Tina Turner ha inoltre “mostrato un esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione”. Per questi motivi l’Università di Berna le conferisce il dottorato honoris causa della facoltà di storia e filosofia. La regina del rock non sarà però presente di persona per ricevere il riconoscimento il prossimo 4 dicembre in occasione del Dies accademico dell’ateneo bernese, si legge in una nota odierna.

Tina Turner che vive a Küsnacht, in una villa in riva al lago, ha ottenuto la cittadinanza svizzera nell’aprile del 2013 e nel luglio seguente ha sposato il suo compagno, il produttore musicale tedesco Erwin Bach. L’eroina di ‘Simply The Best’ e ‘We Don’t Need Another Hero’ aveva dichiarato prima del matrimonio: “Sono molto felice in Svizzera e mi sento a casa. Non potrei immaginare un luogo migliore in cui vivere”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
SALUTE
3 ore
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
4 ore
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
7 ore
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
7 ore
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
9 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
11 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
13 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
© Regiopress, All rights reserved