laRegione
carine-bachmann-alla-guida-dell-ufficio-federale-della-cultura
Keystone
Carine Bachmann
24.11.21 - 16:00
Aggiornamento: 17:53
Ats, a cura de laRegione

Carine Bachmann alla guida dell’Ufficio federale della cultura

Nominata oggi dal Consiglio federale, sostituirà Isabelle Chassot (Alleanza del Centro), eletta al Consiglio degli Stati per il canton Friburgo

Carine Bachmann, attualmente alla guida del Dipartimento della cultura e della transizione digitale della Città di Ginevra per i Verdi, sarà da febbraio la nuova direttrice dell’Ufficio federale della cultura (Ufc). Nominata oggi dal Consiglio federale, sostituirà un’altra donna, Isabelle Chassot (Alleanza del Centro), eletta al Consiglio degli Stati per il canton Friburgo. L’interim, precisa una nota odierna del Dipartimento federale dell’Interno (Dfi), è assicurato dal direttore supplente Yves Fischer.

Carine Bachmann, 54 anni e madre di tre figli, dirige dal 2011 il Dipartimento della cultura e della transizione digitale della Città di Ginevra. In questa funzione sovrintende ai musei, alle biblioteche e al sostegno all’arte della città ed è a capo di 1’400 dipendenti. Stando alla nota, Bachmann conosce molto bene il mondo culturale, politico, associativo e amministrativo e vanta eccellenti competenze gestionali sia a livello nazionale che internazionale.

La futura ‘mente’ dell’Ufc ha iniziato la carriera professionale come programmatrice del Festival internazionale del film, del video e dei nuovi media Viper di Lucerna e come responsabile della comunicazione e addetta ai progetti di varie organizzazioni non governative. Ha inoltre fondato e diretto Cimera, un’organizzazione attiva nella cooperazione e nella promozione della pace nel Caucaso e nell’Asia centrale.

Bilingue francese-tedesco, Carine Bachmann ha conseguito il master in psicologia sociale, scienze del cinema e diritto pubblico internazionale all’Università di Zurigo e il certificato di studi avanzati in economia e diritto all’Istituto di alti studi in amministrazione pubblica di Losanna.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carine bachmann ufficio federale cultura
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
2 ore
La confessione di Costa-Gavras
L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
9 ore
Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère
Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Spettacoli
12 ore
Steve Martin dice addio alla carriera di attore
L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
12 ore
Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?
Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Piazza Grande
15 ore
Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’
È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
17 ore
Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa
‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
19 ore
Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio
‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
20 ore
La normalità non binaria dell’adolescente Robin
A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
23 ore
Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera
La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
1 gior
Suoni e visioni di Laurie Anderson
Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
© Regiopress, All rights reserved