laRegione
daniele-dell-agnola-due-sorelle-e-la-luna-nel-baule
Daniele Dell’Agnola
Libri
laR
 
17.11.21 - 08:08
Aggiornamento : 15:43

Daniele Dell’Agnola, due sorelle e ‘La luna nel baule’

È in tre lingue il nuovo romanzo dello scrittore, musicista e docente ticinese, nato da due profonde ‘paginette’ dell’80enne Jolanda Giovanoli

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Non ho nulla di speciale. Mi chiamo Jolanda. Ho chiesto a un amico narratore di aiutarmi a scrivere due paginette di memorie che avrei voluto lasciare alle mie due figlie. Solo che ho iniziato a parlare… lui ascoltava e io parlavo. E la storia non finiva più”. Nel 2019, a settantanove anni e un cuore che è “come un tamburo che fa un corteo di carnevale”, chiuso dopo 54 anni il suo ristorante Val d’Arca a Stampa, in Bregaglia, Jolanda Giovanoli chiede a Daniele Dell’Agnola, scrittore, musicista e docente ticinese, di raccogliere suoi istantanei ricordi di vita, cose mai raccontate perché non ne aveva mai avuto il tempo. Le due paginette sono diventate quella “storia che non finiva più”, come narra l’incipit di ‘La luna nel baule’, l’ultimo romanzo di Dell’Agnola, cinque anni dopo ‘Anche i bruchi volano’ (Gabriele Capelli).

‘Voglio vuotare il mio sacco’

«Ero in produzione con il Teatro Sociale, come musicista, con Margherita Saltamacchia per ‘Il fondo del sacco’», racconta l’autore. «Ascoltavo la voce di Margherita, la voce dell’opera, e in quel momento mi si presenta Jolanda dicendomi che avrebbe voluto svuotare lei il suo sacco, affidandomi un’oralità che mi sono ritrovato a trasformare in una pagina letteraria». Jolanda coinvolge la sorella Vera, “una vita tanto bella, ma difficile, ho sofferto con lei in silenzio”, racconta la donna in un’intervista su lanostrastoria.ch, svelando parte di un racconto personale, che diventa collettivo e include gioie e tragicità, ma che ha soprattutto la forza delle piccole cose, come rubare la fragole dall’orto di Alberto Giacometti, vicino di casa, o spiare nel suo atelier la sua “giostra di mostri abbozzati” (e anche romperli, “a pensarci c’era da prenderci tutti a sberle…”). In un’alternanza tra passato e presente, le ‘paginette’ di Jolanda coprono quattro generazioni di una famiglia bregagliotta la cui storia corre parallela agli avvenimenti storici. Con una particolarità che fa del libro un caso pressoché unico: ‘La luna nel baule’ è pubblicato dalla Pro Grigioni italiano e Armando Dadò editore in tre lingue: italiano, tedesco (a tradurre è Chasper Pult) e romancio (Anna-Alice Dazzi Gross).

«Mi sono subito accorto che i frammenti orali appartenevano a una voce profonda. Jolanda, col tempo, mi ha raccontato altri brevi episodi. Non è una narratrice, ma mi ha fornito occasionalmente esperienze di vita del suo quotidiano», da integrarsi nella ‘missione’ complessiva: «Le parole chiave di questo libro sono osservare il contesto della Bregaglia, le persone, i dettagli; ascoltare Vera e Jolanda per qualche mese, per poi trasformare nel gioco narrativo, in immagini, questa esperienza. Mi trovo per la prima volta a lavorare su del materiale reale, a trasformare in un mondo possibile, come la letteratura fa» – spiega Dell’Agnola. «Sino a oggi avevo lavorato sulla fiction, cogliendo sì dall’esperienza degli altri in quanto docente, ma qui c’è un aspetto ancor più delicato, perché nel libro si toccano anche i drammi di una persona, di una famiglia. Un lavoro delicato, e un’esperienza che mi sta insegnando qualcosa».

Itinerante

‘La luna nel baule’ ha un’altra particolarità. Porta con sé un apparato didattico creato appositamente per le scuole secondarie di primo e secondo grado, affidato allo scrittore e docente della Supsi, dove Dell’Agnola si occupa di letteratura, narrazione e didattica nella formazione delle future e dei futuri insegnanti della scuola elementare, e alla commissione letteraria della Pgi, presieduta dalla professoressa Tatiana Crivelli (Unizh). «L’apparato didattico prende il via domani mattina, quando entrerò per la prima volta con questo libro in tre classi di diversi licei zurighesi. Non so come la cosa sarà recepita, per me è tutto nuovo. Vorrei parlare alle studentesse e agli studenti di come ho lavorato con le parole, con gli oggetti, con la struttura narrativa. E mostrerò esempi di lavori simili svolti con miei allievi 15enni confrontatisi con le memorie dei propri familiari: nel 2019 hanno trasformato piccole interviste in piccoli racconti, che con la loro autorizzazione mostrerò come esempi di questo lavoro sulla parola».

Il centinaio di pagine scritte da Dell’Agnola, ci si metta anche il suo essere a proprio agio in ambiti teatrali, chiamano una versione teatrale che pare già scritta. Una lettura scenica in tre lingue si è già svolta lo scorso 2 ottobre in Bregaglia grazie alle attrici Ioana Butu (italiano), Sara Francesca Hermann (romancio) e Sarah Speiser (tedesco). «… tre attrici insieme strepitose! Sto preparando un altro adattamento con altre scelte, ma la via più praticabile pare proprio la lettura scenica. L’esperienza fatta come musicista con Margherita, e con Laura Curino in ‘Natasha ha preso il bus’, per esempio, mi porta in questa direzione, al limite tra la lettura a libro e la rappresentazione, con un vantaggio anche in ottica di trilinguismo».

Dai margini al centro

Detto che in due mesi la prima tiratura di ‘La luna nel baule’ – ‘Der Mond in der Truhe’, ‘La glina en l’arcun’, per completezza d’informazione – è stata venduta, e detto anche che la prima ristampa esce oggi, le ultime parole sono per Vera e Jolanda. «In una comunità in cui tutti noi abbiamo paura di dire, ci troviamo davanti a due donne cresciute ai margini e poste al centro della narrazione, come protagoniste, cosa che ritengo non scontata e atto che presuppone molto coraggio. Da parte mia, per la delicatezza che mi si è richiesta, e da parte loro. Jolanda ha anche dovuto lottare, facendo una profonda riflessione prima di aprirsi, in una comunità nella quale nessuno, di norma, si mette al centro a raccontare la propria storia». Per Daniele Dell’Agnola è «un piccolo seme della letteratura che porta al centro qualcosa che è ai margini. Del potere ci ricordiamo tutti, di queste storie no ed è interessante che la parola lasci un segno».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
daniele dell‘agnola jolanda
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
6 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
10 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
17 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
19 ore
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
19 ore
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
20 ore
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
20 ore
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Spettacoli
1 gior
Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith
Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Danza contemporanea
2 gior
Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project
Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
© Regiopress, All rights reserved