laRegione
Letteratura
14.11.21 - 09:39
Aggiornamento: 20:56

Addio a Wilbur Smith, signore dell’avventura

Autore di 49 romanzi, tradotti in più di 30 lingue, lo scrittore si è spento sabato a Città del Capo. Aveva 88 anni

di Ansa/Red
addio-a-wilbur-smith-signore-dell-avventura
Twitter

Una penna da 140 milioni di copie e 49 romanzi venduti nel mondo, tradotti in più di 30 lingue. Wilbur Smith, il signore dell’avventura com’è stato chiamato in vita, è morto sabato scorso a Città del Capo, in Sudafrica, all’età di 88 anni. “Se n’è andato in modo inaspettato, dopo una mattinata di lettura e scrittura con al fianco la moglie Niso”, si legge sul sito ufficiale. Smith lascia i suoi lettori nell’Antico Egitto, ove è ambientato l’ultimo suo romanzo ‘Il nuovo Regno’, scritto a quattro mani con lo scrittore e giornalista inglese Mark Chadbour, storia d’intrighi di palazzo in una terra, quella egiziana, che da sempre ha affascinato Smith, da questi definita “crocevia di continenti, fondamenta della storia della civiltà”. O anche “là dove tutto è successo”.

Zambiano, naturalizzato sudafricano e di origini britanniche, il nome d’arte preso da Wilbur Wright, uno dei fratelli pionieri del volo aereo; il padre, Herbert, lavoratore della lamiera e rigoroso uomo di disciplina, la madre Elfreda incline all’arte. Wilbur Addison Smith era nato il 9 gennaio del 1933 a Broken Hill nell’allora Rhodesia del Nord, spinto sin da giovanissimo proprio dalla madre alla lettura di CS Forester, Rider Haggard e John Buchan. La laurea in Scienze commerciali, una breve carriera da contabile e poi la scrittura soltanto, avente come soggetto ciò che Smith conosceva meglio: foresta, animali, montagne, l’oceano, gli indigeni, da ‘Il destino del leone’, primo atto del Ciclo dei Courtney, sino alla fine, autobiografia inclusa (‘On Leopard Rock, 2018).

Un ultimo messaggio ambientalista

La morte di Smith, tra gli autori più prolifici di sempre, giunge poco prima dell’arrivo di ‘Fulmine’, in uscita il 25 novembre, seguito di ‘Tempesta. Le avventure di Jack Courtney’, il suo primo libro per ragazzi per quella che avrebbe voluto essere l’inizio di una nuova serie e si è rivelato essere invece il suo testamento, salvo capire se nel cassetto dello scrittore esistano ulteriori capitoli da pubblicarsi postumi. “Scrivere ai ragazzi mi dà la possibilità di lanciare alla nuova generazione, la più sensibile all’ambiente, un messaggio a favore della conservazione della Terra e di amore per la Natura. Le cose vanno cambiate subito, già da ora”, aveva dichiarato a Repubblica, elogiando l’avventura come “modo migliore per conoscere il mondo e se stessi” e i bambini “spontaneamente più avventurosi degli adulti” e tutti “scrittori in erba”, costruttori di un mondo “di cui noi siamo gli eroi, e in cui, armati di una spada immaginaria, sconfiggiamo i cattivi”.

Dai pirati alla guerra civile, all’apartheid

Quella dei Courtney, dapprima rifiutata dagli editori sudafricani ed europei agli esordi dell’autore, è la saga più lunga che sia mai stata scritta, e ‘Le avventure di Jack Courtney’, nelllo specifico, ne inauguravano un nuovo filone dedicato ai membri più giovani di quella famiglia, protagonista di avventure in ogni parte del mondo, anche incrociandosi con altre famiglie (i Ballantyne) di generazione in generazione e attraverso tre secoli, dall’alba dell’Africa coloniale alla guerra civile americana all’era dell’apartheid in Sudafrica. Geograficamente parlando, oltre che nell’Antico Egitto, nei 49 romanzi pubblicati a oggi, Smith ha trasportato i suoi lettori dalle miniere d’oro del Sudafrica ai tesori sepolti nelle isole tropicali, dai pirati dell’Oceano Indiano alla Parigi della Seconda guerra mondiale, dalle Americhe all’Antartico e poi in India. Ma con Taita, l’eroe della tanto amata serie egiziana, schiavo dotato di grandissima intelligenza, infinita curiosità e ingegno multiforme, a identificarsi nel suo autore più di altri personaggi. ANSA/RED

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Sogno o son Festival
1 ora
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
17 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sanremo
19 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
20 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
20 ore
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
21 ore
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
22 ore
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)
Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
© Regiopress, All rights reserved