laRegione
a-martina-clavadetscher-va-il-premio-svizzero-del-libro-2021
Keystone
07.11.21 - 13:01
Aggiornamento: 16:22
Ats, a cura de laRegione

A Martina Clavadetscher va il Premio svizzero del libro 2021

Lo Schweizer Buchpreis, premio rivolto a scrittori svizzeri di lingua tedesca, è stato consegnato all’autrice del romanzo ‘Die Erfindung des Ungehorsams’

Martina Clavadetscher, classe 1979, è stata insignita oggi del Premio svizzero del libro, edizione 2021, per il suo romanzo “Die Erfindung des Ungehorsams” (L’invenzione della disobbedienza), hanno indicato gli organizzatori in un comunicato. Il concorso letterario, contrariamente a quanto suggerisce la denominazione, Schweizer Buchpreis, è rivolto unicamente a scrittori confederati di lingua tedesca.

La premiazione è avvenuta oggi a Basilea nell’ambito del Festival della letteratura “Buch Basel”, l’anno scorso invece si era rinunciato a una cerimonia in pubblico a causa della pandemia. Il premio è dotato di 30’000 franchi.

Il libro di Clavadetscher narra le vicende di tre donne in tre realtà diverse: sono tutte alla ricerca della verità e sono tutte, senza sospettarlo, collegate tra loro. La giuria ha motivato l’attribuzione del riconoscimento sottolineando che la scrittrice «fonde l’arte narrativa con i mezzi della poesia e del dramma», scrivendo un «testo audace».

Il Premio svizzero del libro, quest’anno assegnato per la quattordicesima volta, è stato istituito dall’associazione LiteraturBasel e dall’associazione svizzera dei librai ed editori (SBVV), che propriamente difende gli interessi dei due settori nella Svizzera tedesca e romancia nonché nel Liechtenstein.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
libro martina clavadetscher premio svizzero schweizer buchpreis
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
1 ora
La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli
L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Spettacoli
8 ore
In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain
Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
22 ore
‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet
Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
1 gior
Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto
È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Culture
1 gior
Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’
Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
1 gior
Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto
Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
1 gior
Sean Ardoin: il cajun nelle vene
Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Spettacoli
2 gior
In 20mila per il concerto-riappacificazione fra Fedez e J-Ax
Piazza Duomo ha ospitato ‘LoveMi’, l’evento gratuito di beneficenza organizzato dalle due star a favore dei bambini con patologie neurologiche complesse
Spettacoli
3 gior
Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde
Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
3 gior
Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta
L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
© Regiopress, All rights reserved