laRegione
huntertones-con-shayna-steele-al-gatto-e-supergroove
Shayna Steele
Jazz Cat Club
02.11.21 - 10:33
Aggiornamento: 15:33

Huntertones con Shayna Steele, al Gatto è ‘supergroove’

La stella nascente dell’R&B fatta brillare dagli Snarky Puppy e la vigorosa band di Brooklyn dal vivo ad Ascona lunedì 8 novembre alle 20.30

Si mettano insieme la stella nascente dell’R&B con una band di Brooklyn che ha i fiati come elemento distintivo – e che si spende indifferentemente e con pari successo tra jazz e funk, soul e hip hop, rock e R&B – ed ecco Shayna Steel con gli Huntertones. È l’appuntamento di lunedì 8 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto, nuovo tassello della stagione del Jazz Cat Club qui fatto di energia e vitalità.

Gli Huntertones, sound vigoroso e coinvolgente, si reggono sulle solide basi di musicisti che vantano esperienze importanti con artisti del calibro di Stevie Wonder, Ed Sheeran, Snarky Puppy, Ricky Martin e Jon Batiste. Ad Ascona si presentano con una frontline di fiati coadiuvata da chitarra, basso e batteria. Nel dettaglio, sul palco del Gatto suoneranno Dan White (sax), Chris Ott (trombone e beatbox), Joshua Hill (chitarra), Adam DeAscentis (basso), John Hubbell (batteria).

Più volte ospite di grandi festival anche in Europa, Umbria Jazz, tra i tanti, la formazione collabora dal 2019 con Shayna Steele, vocalist newyorkese la cui voce, così ha scritto il London Jazz News, “sprigiona abbastanza energia da illuminare il West End”. Dopo una gavetta di otto anni a Broadway e sei a supporto di artisti come Bette Midler, Rihanna e Moby, Shayna Steele balza all’attenzione del mondo nel 2014, quando Michael League degli Snarky Puppy la sceglie per l’album ‘Family Dinner Volume 1’, facendole interpretare una sua canzone, ‘Gone Under’, primo singolo estratto dall’album della band vincitrice di Grammy. La cantante pubblica poi un album a suo nome, ‘Rise’, che raggiunge il terzo posto nella classifica jazz di iTunes negli Stati Uniti nel 2015. Nel 2019 segue ‘Watch Me Fly’. Dopo lo stop pandemico, Steele torna a percorrere la strada che la sta portando tra le grandi del jazz e del soul di sempre.

Prenotazione raccomandata scrivendo a info@jazzcatclub.ch. I biglietti sono in vendita a 30 CHF (15 CHF studenti) alla cassa serale, dalle 19. Non si accettano carte di credito. I biglietti prenotati vanno ritirati entro le 20. Entrata con Pass Covid o test negativo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona brooklyn huntertones jazz cat club shayna steele teatro del gatto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
6 ore
Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère
Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Spettacoli
9 ore
Steve Martin dice addio alla carriera di attore
L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
10 ore
Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?
Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Piazza Grande
12 ore
Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’
È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
14 ore
Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa
‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
16 ore
Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio
‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
18 ore
La normalità non binaria dell’adolescente Robin
A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
20 ore
Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera
La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
23 ore
Suoni e visioni di Laurie Anderson
Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
1 gior
‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro
Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
© Regiopress, All rights reserved