laRegione
28.10.21 - 18:02
Aggiornamento: 18:23

Il tempo tra scienza e filosofia

Un fisico e tre filosofi per il ciclo di incontri organizzato dal Litorale e dall’Istituto di studi filosofici di Lugano

il-tempo-tra-scienza-e-filosofia

“Che cosa è, allora, il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; se dovessi spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so”. Non si poteva che partire da questo celebre passo delle Confessioni di Agostino d’Ippona, per introdurre un ciclo di incontri sul tempo. Solo che nell’ultimo millennio e mezzo di cose, sul tempo, ne abbiamo imparate, come si scoprirà nei tre appuntamenti organizzati dal Litorale Usi in collaborazione con l’Istituto di studi filosofici.

Il primo incontro si terrà oggi alle 18 al Quartiere Maghetti di Lugano, dove si trova il Litorale Usi, con Cesare Alfieri, il giovane fisico che cura l’iniziativa, in dialogo con Damiano Costa sull’esistenza del tempo e dell’eternità. Gli appuntamenti successivi saranno il 19 novembre con Emiliano Boccardi, professore all’Universidade Federal da Bahia (Brasile) sul perché sembra che il tempo scorra inesorabile in un’unica direzione, e il 3 dicembre con Claudio Calosi, professore all’Università di Ginevra, ragionerà infine sui paradossi con cui ci confonde la relatività.

L’iniziativa vuole avere un taglio aperto e dialogico: i temi saranno raccontati più che spiegati e discussi con i presenti. Chiunque, con o senza conoscenze di fisica e filosofia potrà partecipare attivamente.

Per motivi organizzativi è gradita l’iscrizione: litorale@usi.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
storia
1 ora
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
3 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
20 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
2 gior
‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi
Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
© Regiopress, All rights reserved