laRegione
29.10.21 - 14:01
Aggiornamento: 14:40

Cartoline dall’immediato futuro in mostra a Mendrisio

Fino al 7 novembre, ‘Postcard from the Immediate Future’, esposizione collettiva dei diplomati Usi-Accademia di architettura negli ultimi 25 anni

cartoline-dall-immediato-futuro-in-mostra-a-mendrisio
Caleidoscopio umano (© Luca Borlenghi, Courtesy AMA-Accademia Mendrisio Alumni)
+14

È aperta fino al 7 novembre a Mendrisio, Palazzo Canavée, in una forma originale come può essere una mostra di cartoline, e in una forma dinamica come può essere il tornarsene a casa con una di esse, e magari spedirla. Una delle oltre 30mila cartoline stampate dalle Grafiche Veneziane, cento esemplari per ognuna delle oltre 300 immagini fornite dagli ex alunni che hanno frequentato l’Accademia di architettura a Mendrisio-Usi nei suoi 25 anni di vita, chiamati a dare un cenno visivo di sé, diventato infine esposizione collettiva.

La mostra si chiama ‘Postcards from the Immediate Future’, prima tappa di un progetto che si propone di diventare itinerante e la più recente delle iniziative della neonata associazione AMA – Accademia Mendrisio Alumni presieduta da Francesco Di Gregorio, architetto parmigiano diplomatosi a Mendrisio nel 2010: «La mostra nasce in occasione dei 25 anni dalla fondazione dell’Accademia con la volontà di ritrovare la comunità degli architetti diplomati», spiega a laRegione, idealmente a nome degli oltre 2’400 alunni, oggi professionisti, transitati da Mendrisio da oltre sessanta diversi Paesi del mondo. «AMA nasce dagli ideali dei fondatori dell’Accademia, proiettandoli nell’imminente futuro, andando a costituire una massa critica che possa agire e operare all’interno della società civile con una visione umanista e fortemente incentrata su di un’idea di architettura come arte, che però si confronta con la realtà quotidiana e con le sue contraddizioni».

Il capitale umano

La fotografa Letizia Battaglia in dialogo con Mario Botta, fondatore dell’Accademia di architettura di Mendrisio e presidente onorario di AMA, lo scorso 9 ottobre a Parma; ancor prima, novembre 2020, l’incontro con l’artista Arcangelo Sassolino; l’incontro ‘L’essere umano e la città. Il paesaggio urbano e spirituale nel cinema di Abel Ferrara’, con il regista a Mendrisio nel maggio scorso, occasione che ha generato il suo concerto a Locarno durante l’ultimo Film Festival. Sono i primi eventi di questo anno zero dell’Associazione: «Il mio impegno – continua Di Gregorio – è stato quello di creare un’infrastruttura capace poi di rimanere nel tempo e adattarsi a diverse necessità, con il Ticino come radice e punto di partenza ma con l’obiettivo di portare la comunità anche fuori da Mendrisio, fuori dall’ambiente accademico dove già la comunità esiste. Stiamo lavorando per portare la mostra in altre location internazionali proprio perché vogliamo far conoscere il capitale umano che l’Accademia ha formato. Dopo 25 anni, crediamo che i tempi siano maturi».

‘Postcards from the Immediate Future’, in questo senso, «è una prima vendemmia dalla quale raccoglieremo i frutti, andando a potenziare nei prossimi anni i profili diversificati; nasceranno delle pubblicazioni, si aggiungeranno altri eventi. Attraverso questa mappatura abbiamo iniziato a costruire un primo caleidoscopio umano». Rappresentato in cartolina: «È il formato che consente l’espandibilità, che facilita la mobilità di questa mostra, pensata e programmata per diverse capitali d’Europa. La cartolina è un formato che ricorda l’idea del viaggio, dello scambio. In quanto ‘postcard’, è un tornare alla matericità dei moderni post, segno che il tempo torna. Ed è un mezzo che ci permette di contaminare contesti magari difficilmente raggiungibili».

Call for contribution

‘Postcards from the Immediate Future’ «è una sorta di punto di ripartenza per rimettere in contatto tutta la comunità di studenti laureatisi in questi 25 anni a Mendrisio. Da qui nasce l’idea della cartolina, un modo simbolico della possibilità per i vari membri della comunità, non solo svizzero italiani, ma da tutto il mondo, di rimanere in contatto». Con Giacomo Ortalli, curatore della mostra insieme a Fabrizio Ballabio, entriamo nel merito di questa «call for contribution assolutamente democratica, aperta a tutti», dove ognuno degli ex alunni è stato invitato a contribuire con un’immagine che rappresentasse nel migliore dei modi «la propria traiettoria professionale, sia essa un edificio realizzato, un oggetto di design, una fotografia, un disegno, un libro, un plastico…». O anche un gruppo di persone, come nella cartolina di Alfredo Vitiello in questa pagina: «Tutto quanto scaturisce da queste immagini è una conferma di uno degli obiettivi con i quali fu fondata l’Accademia, ovvero quello di formare non solo architetti e professionisti capaci, ma anche intellettuali critici, in grado di aprirsi gli occhi, di porsi buone domande, ignorando anche le formule e cercando le relazioni tra le cose, soprattutto le relazioni rinnovate tra le discipline. Non ci sono solo immagini che rappresentano forme, ma anche tutto ciò che ha a che fare con il mondo dell’architettura».

Dall’esposizione all’indagine

La dinamicità di ‘Postcards from the Immediate Future’ include la facilità di trasporto della mostra, a partire dalla struttura portante, basata su profili d’alluminio montabili e smontabili in poche ore, e che una volta smontati occupano una superficie di 2,80 metri per 60 centimetri, design creato da altri due ex alunni, Barbara Mazza e Claudio Cortese. Altra dinamicità viene dall’aver chiesto ai partecipanti, con l’immagine, una breve biografia, l’anno dell’avvenuto diploma e un contatto professionale dello studio, gesto che ha fatto della mostra una banca dati a uso strettamente interno: «La chiamerei un’indagine, nata dai contributi che abbiamo ricevuto e dalla banca dati del Servizio Usi Alumni, sulla composizione della comunità di contributori, il cui 50% proviene dall’Italia, il 25% dalla Svizzera e il restante 25% da altre parti del mondo. In molti, anche non svizzeri, hanno deciso di rimanere in Svizzera, fondando qui la propria attività».

Un ultimo dato interessante per gli organizzatori, legato agli obiettivi di chi ha creato questa scuola: «Il 40% dei partecipanti alla mostra – conclude Ortalli – ha scelto di fondare la propria attività in collaborazione con altri ex alunni. Ora che si è conclusa l’era dell’archistar, dei grandi nomi, è sempre più raro decidere di lavorare in solitaria, e questa percentuale è significativa di un luogo, Mendrisio, nel quale si stabiliscono relazioni che restano nel tempo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
3 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
5 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
11 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
13 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved