laRegione
come-sopravvivere-a-una-mamma-siciliana-anche-ad-ascona
Il figlio di Milano
Teatro San Materno
25.10.21 - 21:40
Aggiornamento : 22:03

Come sopravvivere a una mamma siciliana (anche ad Ascona)

Martedì 26 e mercoledì 27 ottobre, ‘Aspettando Manon’, spettacolo scritto da Luca Mazzone tratto dal libro di Alberto Milazzo. In scena, Giuseppe Lanino

Manon vive al civico 72 di viale Ortigia a Palermo, conduce una vita di uncinetto, gossip con le amiche e sfide a chi ha i figli migliori. Manon di figli ne ha due e li sognava avvocato uno e medico l’altro, e invece il destino ha riservato loro, ha riservato a lei, tutt’altro; destino che apre una crepa profonda e, nonostante tutto, divertente sulle certezze della donna e sulla sua infelicità.

‘La morale del centrino’, romanzo di Alberto Milazzo, palermitano trasferitosi a Milano esattamente come uno dei figli del suo romanzo ("Il figlio di Milano”, appunto), è diventato per il teatro ‘Aspettando Manon’, drammaturgia di Luca Mazzone, Giuseppe Lanino in scena per una versione beckettiana dell’opera di Milazzo, una produzione Teatro Libero di Palermo al Teatro San Materno di Ascona martedì 26 e mercoledì 27 ottobre alle 20.30. «Quella che esiste tra noi e il San Materno è una lunga collaborazione», ci dice Mazzone, direttore del teatro siciliano, fresco di viaggio che lo ha portato in Ticino. «Condividiamo produzioni reciproche, grazie anche al Festival Presente/Futuro, progetto di mobilità internazionale che si occupa di promuovere la giovane creatività emergente, garantendo residenze, ospitalità in altri teatri e in altri spazi. Tiziana Arnaboldi ha aderito, pertanto ospitiamo anche danzatori, laddove i progetti sono focalizzati sulla danza, e noi veniamo a presentare produzioni di drammaturgia contemporanea che è la nostra vocazione primaria».

Di Manon, qualcuno ha scritto che “si friggerebbe anche la colazione”, attestato di sicilianità, e forse più: «È un colore legato alle figure materne del sud», continua Mazzone. «Si dice spesso che nel nord Italia resiste il retaggio del patriarcato; io mi ritrovo sempre a dire che, in realtà, da questo punto di vista la Sicilia è sempre stata un passo avanti, perché le madri e quindi le donne hanno più potere nelle dinamiche familiari di quanto ne abbiano i mariti, e dunque gli uomini. La figura di Manon è emblematica, in quanto madre che ha generato un figlio maschio e che, in qualche modo, regola la di lui vita». Con le parole del romanzo: “Se tu vuoi fare l’autore, io come minimo sono coautrice della tua intera esistenza”, detto a un figlio che fugge a Milano per lavorare nel teatro, «gioco ambivalente – l’autorialità – sul significato della parola». L’altra metà del titolo del romanzo, d’altra parte, dice il resto: «‘Come sopravvivere a una mamma siciliana’ è un titolo forte sì, ma anche carico di sarcasmo».

Denunciare con leggerezza

Lo spettacolo ha già toccato diverse regioni d’Italia: «Le dinamiche siciliane sono più accese, come i nostri paesaggi, aspri ma con contrasti molto forti. Allo stesso modo, le relazioni hanno un tocco di passionalità in più e il rapporto madre-figlio del racconto è anch’esso fatto di passione e tonalità accese», forti anche di un tema che si muove lungo l’intera storia, presente e attuale: «L’omotransfobia, il rapporto di Manon con l’omosessualità del figlio, giocato comunque con ironia e leggerezza, in modo sottile come solo i siciliani riescono a essere. In Sicilia c’è un proverbio che recita così: “La migliore parola è quella che non si dice”, emblematico del modo di relazionarsi, e cioè quei silenzi carichi di senso più di quanto riescano a essere le parole». Pur in maniera «non violenta, emerge chiaro il problema dell’accettazione nei confronti della tematica del coming out».

Tecnicamente parlando, «il libro è un racconto in prima persona, con una sua dimensione di scrittura teatrale già abbastanza evidente, anche se con una ricca dotazione di rimandi, immagini, racconti che s’intrecciano». Diventato monologo – «Uno dei modi migliori per rendere costruire un personaggio solido e forte come quello del figlio» – ‘Aspettando Manon’ è ricondotto a una scrittura teatrale giocata sull’assenza: «Mentre il libro offre anche parti ideologiche di narrazione tra madre e figlio, a teatro invece un personaggio così forte come Manon non poteva che essere atteso, non poteva che farsi attendere». E in questo caso, unica anticipazione concessaci, «l’attesa è quella di una cerimonia molto, molto importante...». (informazioni: www.teatrosanmaterno.ch)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona luca mazzone milano sicilia teatro libero palermo teatro san materno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
6 ore
È morto il batterista degli Yes Alan White
Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
9 ore
La ‘Danger zone’ di Top Gun
Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
16 ore
Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher
Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Sulla croisette
18 ore
Cannes, Elvis e gli altri
Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
18 ore
Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu
Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
19 ore
Il massimo di diversità nel minimo spazio
‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
19 ore
È morto l’attore Ray Liotta
Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Musica
1 gior
Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards
Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Spettacoli
1 gior
Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith
Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Danza contemporanea
2 gior
Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project
Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
© Regiopress, All rights reserved