laRegione
Teatro San Materno
06.10.21 - 19:37

‘Signé Picasso’ tra danza, lingua dei segni e voce

Con Olivier Calcada e Lucie Lataste sulle tracce del celebre dipinto di Picasso. In scena sabato 9 ottobre alle 20.30

signe-picasso-tra-danza-lingua-dei-segni-e-voce

Sabato 9 ottobre alle 20.30, il Teatro San Materno di Ascona ospita ‘Signé Picasso’, esplorazione del dipinto Guernica tra danza, lingua dei segni e voce con Olivier Calcada e Lucie Lataste, ‘guide’ danzanti di un viaggio diretto da Marie Dompier sulle tracce del celebre dipinto di Picasso attraverso i Pirenei rivisitando una Spagna in guerra e rivelando la foga creativa del pittore nel suo studio.

Lucie Lataste è un’attrice, ballerina e creatrice multidisciplinare con laurea avanzata in filosofia dell’arte. Attrice e progettista, ha conosciuto Tiziana Arnaboldi nel 2004 a Teatrodanza, una compagnia che la accompagna nella sua ricerca di linguaggi. Laureata in traduzione della lingua dei segni, nel 2009 ha fondato la compagnia Danse des Signes mescolando la lingua dei segni francese con la danza, con la poesia di Boris Vian, l’opera di Carmen o ‘Hiroshima, mon amour’ di Marguerite Duras. Oggi, dalla coreografia alla recitazione, attraverso l’insegnamento della danza in lingua dei segni all’Università di Tolosa Jean Jaurès, Lataste continua le sue scoperte verso un teatro che unisce l’energia del movimento alla potenza del segno.

Olivier Calcada, traduttore, giornalista e presentatore, formato all’università Jean-Jaurès Toulouse, ha lavorato per 10 anni nella società Websourd traducendo quotidianamente per tutti i settori, scientifico, politico, culturale, istituzione, informativo. Nel 2010 nasce la sua vocazione: per 3 anni, integra i laboratori di teatro animati da Alexandre Bernhardt e Martin Cros al teatro Le Grand Rond di Tolosa.

Il teatro è aperto per passanti e curiosi fino all’8 ottobre dalle ore 15 alle 17 (per partecipare agli eventi proposti al Teatro San Materno è necessario avere un certificato Covid valido o un tampone negativo e presentare una carta d’identità. Ulteriori dettagli su www.teatrosanmaterno.ch).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
42 sec
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
2 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
8 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
10 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
22 ore
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved