laRegione
certificato-covid-le-perplessita-dei-bibliotecari
Archivio Ti-Press
30.09.21 - 18:18

Certificato Covid, le perplessità dei bibliotecari

Le biblioteche pubbliche devono fare la loro parte contro la pandemia, ma le limitazioni sono accettabili solo temporaneamente

“I bibliotecari devono garantire la fornitura di servizi equi senza discriminazione e il diritto di tutte le persone di accedere all’informazione”. Così si legge nel Codice etico per bibliotecari e professionisti dell’informazione svizzeri: questo principio è compatibile con la richiesta del certificato Covid per accedere agli spazi delle biblioteche? No, rispondono le associazioni professionali dei bibliotecari: il certificato Covid introduce un controllo all’ingresso delle biblioteche e rischia quindi di aumentare le disuguaglianze, di deteriorare l’accoglienza del pubblico, di allontanare alcuni utenti e di generare situazioni di conflitto.

Tuttavia le biblioteche pubbliche devono fare la loro parte nello sforzo per combattere la pandemia e pertanto è possibile accettare queste limitazioni ma “solo per un lasso di tempo strettamente limitato”, cercando nel frattempo di minimizzare i disagi organizzando ad esempio attività all’esterno delle biblioteche. Diventa quindi imperativo che l’obbligo di presentare il certificato sia revocato appena possibile e, se questo non fosse possibile, le associazioni si attiveranno per negoziare con le autorità il trasferimento delle biblioteche pubbliche al settore “verde” che non prevede l’uso del certificato Covid.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biblioteche certificato covid svizzero covid pass
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
2 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
5 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
8 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
10 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
10 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
11 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
22 ore
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
23 ore
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
1 gior
Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’
Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
L'intervista
1 gior
Tre uomini nel ‘Delta’
Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
© Regiopress, All rights reserved