laRegione
un-murale-per-celebrare-ascona-e-new-orleans-sister-cities
Giole Pozzi
Celebrazione di suoni e colori
+2
22.09.21 - 12:23
Aggiornamento: 15:22

Un murale per celebrare Ascona e New Orleans, ‘Sister cities’

L’opera di 180 metri quadrati sulla facciata dell’autosilo comunale è stata commissionata alle valmaggesi Kler e SoFreeSo: sabato 25 settembre l’inaugurazione

Quaranta metri di lunghezza per quattro e mezzo d’altezza. Chiara e Sofia Frei (in arte Kler e SoFreeSo), “amiche e sorelle” valmaggesi attive da oltre 10 anni come grafiche nello studio di famiglia a Cevio, hanno realizzato l’opera di street art che sancisce il gemellaggio ufficiale tra Ascona e New Orleans, visibile sulla fu anonima facciata dell’autosilo comunale. Il murale è simbolo dell’accordo di collaborazione tra il Borgo e la culla del jazz, che verrà firmato il prossimo 25 settembre, contemporaneamente all’inaugurazione del lavoro delle sorelle Frei.

La tastiera di un gigantesco pianoforte, le sagome dei musicisti in festa. “Sin dal primo sopralluogo – raccontano le due artiste – è subito risultato evidente che la struttura stessa dell’edificio si prestasse a dar vita a un’enorme tastiera da pianoforte, che era sempre stata lì, nascosta e camuffata nel grigio del cemento”. Nel murale la regolarità geometrica in bianco e nero dei tasti è interrotta da grandi pennellate di arancione, su cui spiccano le silhouette di musicisti, di persone in festa e la sagoma dell’iconico lampione di Bourbon Street con due cartelli che recano il nome di Ascona e New Orleans. “Le sagome si amalgamano fra loro creando un’unica grande figura che sta a ricordare quello che annualmente succede durante JazzAscona: persone e mondi diversi che s’incontrano e creano un universo unico e magico”.

La festa si tiene sul piazzale dell’autosilo comunale dalle 16 alle 18, alla presenza delle autorità asconesi e di Rosine Pema Sanga, direttrice dell’Ufficio delle relazioni internazionali della Città di New Orleans, in rappresentanza del sindaco LaToya Cantrell. Dopo i saluti ufficiali, sono previsti l’inaugurazione del murale, un aperitivo popolare con distribuzione di jambalaya e una parte musicale con la partecipazione di una ‘Sister Cities Band’, band simbolicamente composta da musicisti di New Orleans – il batterista, direttore d’orchestra e collaboratore musicale di JazzAscona, Adonis Rose, il trombettista Adrian Ross e la giovane cantante Lemetria Dillon – insieme ai ticinesi Matt Zschokke alla chitarra e al banjo, Corry Knobel alla chitarra, Leo Marti al basso, Mirko Roccato al sax e Andi Appignani all’organo hammond.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona jazz jazzascona kler murales new orleans sofreeso
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
28 min
Il sesso, i sessi, in concorso
Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
L’intervista
3 ore
La confessione di Costa-Gavras
L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
10 ore
Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère
Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Spettacoli
13 ore
Steve Martin dice addio alla carriera di attore
L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
14 ore
Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?
Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Piazza Grande
16 ore
Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’
È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
18 ore
Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa
‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
20 ore
Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio
‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
22 ore
La normalità non binaria dell’adolescente Robin
A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
1 gior
Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera
La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
© Regiopress, All rights reserved