laRegione
Cinema
09.08.21 - 12:32
Aggiornamento: 14:52

Festival Diritti umani Lugano, per riprendere il contatto

Nei Cinema Corso e Iride, ma con finestra d'emergenza online. Dal 13 al 17 ottobre, coi primi titoli che vanno da Srebrenica agli algoritmi che ci regolano la vita.

festival-diritti-umani-lugano-per-riprendere-il-contatto
Da ‘Quo Vadis, Aida?’, di Jasmila Žbanić

Dal 13 al 17 ottobre 2021, con la volontà di svolgersi in presenza, se le condizioni lo permetteranno. Il Film Festival Diritti Umani Lugano (Ffdul) torna rinnovato, confidando sulla discussione e lo scambio diretto quali importanti strumenti di divulgazione, crescite e riflessione sugli aspetti inerenti i diritti umani. “La nostra speranza è che si possa riprendere il contatto in presenza con il nostro affezionato pubblico e, soprattutto, con gli allievi delle scuole, forzatamente assenti nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria”, sostiene Antonio Prata, direttore del Ffdul. “Per noi il messaggio e il dialogo con i più giovani restano un obiettivo prioritario e tra gli intenti principali del Festival, sin dalla sua nascita”.

Con il Cinema Corso, casa del Ffdul oramai da sei anni, e il Cinema Iride a mantenere la centralità del Ffdul a Lugano, nel perdurare dell'incertezza sanitaria il festival ha comunque predisposto la piattaforma internet www.festivaldirittiumani.stream, assicurando lo streaming dei film e dei dibattiti qualora il Festival non possa avvenire in presenza. Sospesi, invece, gli eventi collaterali, così da concentrare le forze sul ritorno del pubblico in sala.

Da Srebrenica agli algoritmi

Con i flussi di distribuzione cinematografica condizionati dalla pandemia, ma nell'accresciuta attualità dei diritti umani in un momento storico che si presta ancor più ora a disuguaglianze e abusi di potere, il Ffdul inizia a raccontare partendo da due titoli visti in grandi contesti cinematografici mondiali come Sundance, Venezia o selezionati per gli Oscar. Il film di finzione ‘Quo Vadis, Aida?’, di Jasmila Žbanić (Bosnia, Austria - 2020) ci riporta a Srebrenica, nei giorni terribili del massacro, monito visivo dell'importanza di raccontare un passato geograficamente e temporalmente non lontano. Con ‘Coded Bias’ di Shalini Kantayya (GB,USA,Cina - 2020), il Ffdul pone attenzione sulle nuove tecnologie, grazie a un film che mostra la manipolazione degli algoritmi che infulenzano e controllano la nostra quotidianità.

Sotto la direzione di Antonio Prata e la presidenza di Roberto Pomari, e fortemente voluto dalla Fondazione Diritti Umani di Lugano, il Ffdul rinnova inoltre le collaborazioni con associazioni e ong, Amnesty International e Medici Senza Frontiere in testa. Il Film Festival Diritti Umani Lugano, inoltre, ha costituito nel 2015 il network nazionale dei Film Festival e Forum sui Diritti Umani, insieme a FIifdh di Ginevra e Human Rights Film Festival Zurich. Oltre confine, collabora con il Festival dei Diritti Umani di Milano.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
3 ore
A Carlo, il Conservatorio in Festival
È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
3 ore
Ulisse Artico solo fra i ghiacci
Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
6 ore
Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’
Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
L’intervista
16 ore
Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo
Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
18 ore
Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire
Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
19 ore
‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza
Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Culture
1 gior
Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli
A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior
Niente tour europeo per Ozzy Osbourne
Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior
Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici
È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior
Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’
Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
© Regiopress, All rights reserved