laRegione
sono-quattro-i-giovani-vincitori-di-unpublished-photo-21
‘War Notes’, Mouneb Taim (© 2021Mouneb Taim/UP21
Musec
22.07.21 - 14:44
Aggiornamento: 16:39

Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21

Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022

Assegnati i premi del concorso per giovani fotografi UP21 promosso dal Musec e dalla Fondazione culture e musei di Lugano, in collaborazione con 29 Arts in progress gallery di Milano. Sono quattro i vincitori premiati dalla giuria internazionale presieduta dal fotografo tedesco Han Georg Berger (e composta anche da Eugenio Calini, Francesco Paolo Campione, Lorenza Castelli, Caterina De Pietri, Paolo Gerini, Giovanna Palandri, Giovanni Pelloso) e riunita al Musec. Quattro su oltre 160 candidature con netta predominanza di artisti asiatici, individuati all'unanimità dopo una prima scrematura che ha portato i finalisti a 17. Le opere dei quattro vincitori saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022. Agli stessi, il Musec dedicherà un’agile pubblicazione nella quale saranno presentate le motivazioni della giuria e un profilo biografico e critico. 

Vincitori ex aequo del 1° premio, consistente in una borsa di 5mila franchi, sono il fotografo vietnamita Khanh Bui Phu e il giovanissimo fotografo siriano Mouneb Taim. Il primo, classe 1987, ha presentato il progetto ‘Make a nomadic living on the water ecosystem’, il racconto dei pescatori nomadi della Regione vietnamita di Lam Dong confrontati allo stile di vita moderno; il secondo, classe 2001, ha presentato il progetto ‘War Notes’, documento di vita quotidiana durante la recente guerra in Siria. Al terzo posto, ex aequo anche in questo caso, il fotografo indiano Avinash Mishra – il suo ‘The Colors Empire’ è un reportage realizzato in bianco e nero durante la cerimonia dei colori di Mathura – e il cinese Li Zhang, che nel progetto ‘When I was a Child’ ha condotto un’indagine introspettiva sulla sua infanzia rielaborando attraverso lo scanner e la macchina fotografica vecchie immagini scattate dal nonno.

Il premio speciale assegnato dalla Artphilein Editions di Lugano, consistente nella pubblicazione di un prestigioso volume, è andato al fotografo vietnamita Khanh Bui Phu. La giuria ha inoltre segnalato con una speciale menzione i due fotografi del Bangladesh, Ahmed Rayhan e Shifat Shifatunnabi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fotografi musec unpublished photo up21
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
3 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
9 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
14 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
16 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
17 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
© Regiopress, All rights reserved