laRegione
svizzera-c-e-voglia-di-cultura-nonostante-la-pandemia
Ti-Press
08.07.21 - 16:19
Aggiornamento: 16:43
Ats, a cura de laRegione

Svizzera, c'è voglia di cultura nonostante la pandemia

La popolazione è favorevole a un sostegno pubblico al settore e non vede l'ora di riprendere le visite culturali senza timori

Un terzo della popolazione svizzera desidera riprendere le visite culturali senza timori. Lo rivela un sondaggio, secondo cui inoltre la maggioranza degli intervistati è favorevole a un sostegno pubblico al settore della cultura.

Questo terzo sondaggio commissionato dall'Ufficio federale della cultura (UFC) e dal Segretariato generale della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (SG CDPE) condotto dall'agenzia L'Oeil du Public (Suisse) è stato realizzato in aprile su un campione rappresentativo di 1'200 persone in tutta la Svizzera, indica una nota odierna dell'UFC.

Voglia di uscite culturali

La popolazione, rispetto a settembre 2020, è più propensa a riprendere le visite culturali. Il 30% si dice pronto a ritornare nei luoghi culturali senza alcuna preoccupazione. Il 33% desidera riprendere le visite rimanendo prudente e facendo molta attenzione alle misure sanitarie.

I risultati del sondaggio indicano inoltre che ciò che più è mancato alla popolazione è stato vedere spettacoli dal vivo, quali concerti o teatro (61%). In seconda posizione col 59% le visite a zoo e parchi d'attrazione.

Le manifestazioni in presenza sono preferite a quelle in streaming, fatto che mostra l'importanza dell'aspetto sociale. Il 40% ha infatti indicato che ciò di cui più ha avvertito l'assenza è il piacere di uscire e di fare un'attività.

Interesse moderato per l'offerta digitale

Le proposte digitali durante il lockdown rimangono contrastanti: da una parte ci sono i film e le serie TV in streaming che hanno riscosso un successo immenso (89%), mentre le visite virtuali interessano soltanto un terzo della popolazione.

Le offerte digitali suscitano un interesse soltanto moderato e a lungo termine una "non voglia", questo anche tra il pubblico culturale.

Pandemia e budget culturale

L'impatto della pandemia sul budget per la cultura rimane significativo. Il 36% indica di voler ridurre le spese per le visite culturali (in settembre 2020 era il 55%). Inoltre soltanto il 55% di chi possiede un abbonamento intende rinnovarlo (in autunno era ancora il 69%).

Confederazione e Cantoni hanno preso dei provvedimenti per arginare l'impatto economico della pandemia. La popolazione sostiene in gran parte queste misure, soprattutto nella Svizzera italiana e in Romandia, mentre gli svizzeri tedeschi sono più propensi ad un sostegno di tipo privato come la raccolta fondi o l'aumento dei prezzi di entrata. Il 64% è a favore di un aumento delle sovvenzioni pubbliche per la cultura ed il 61% di un prolungamento di queste misure.

Istituzioni culturali colpite dalla crisi

Parallelamente è stato effettuato un sondaggio rivolto alle istituzioni culturali, a cui hanno partecipato in 398. I risultati indicano che la pandemia le ha colpite fortemente. Il 79% di esse, biblioteche escluse, ha dovuto ricorrere al lavoro ridotto e/o all'indennità per perdita di guadagno. Vi è stato anche un calo di più di un terzo nel numero di abbonamenti nel 41% delle istituzioni.

Per quanto riguarda l'offerta digitale, il 47% l'ha ampliata durante la pandemia e il 45% desidera mantenerla o allargarla. Le biblioteche si mostrano molto dinamiche: il 75% proponeva offerte digitali già prima della crisi, l'80% intende mantenerle o ampliarle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid cultura svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
In concorso
46 min
Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande
Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
47 min
Il dolore per il Bataclan si rinnova
Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 ora
‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’
Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
2 ore
Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela
‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
3 ore
La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda
Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Cinema
17 ore
Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche
La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
20 ore
Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione
Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Musica
21 ore
Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record
Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
21 ore
Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana
Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
22 ore
Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel
Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
© Regiopress, All rights reserved