laRegione
BENCIC B. (SUI)
2
PEGULA J. (USA)
0
fine
(6-3 : 6-3)
lac-en-plein-air-dall-emergenza-alla-consuetudine
Culture
15.06.21 - 17:150
Aggiornamento : 18:00

Lac en plein air, dall'emergenza alla consuetudine

Potrebbe divenire appuntamento estivo fisso: nel frattempo, dal 6 luglio al 10 settembre, l'Agorà torna a essere punto di riferimento culturale all'aperto

Parola di Michel Gagnon, direttore: «Al Lac c'è odore di riapertura totale, e il Lac en plein air è il percorso che vi conduce». L'offerta è ricca come sempre: musica, d'autore e world, strumentale e cantata, classica contemporanea e sperimentale; teatro, incontri, conversazioni, danza, e un'appendice per famiglie. A cambiare sono le facce. Quelle dei moltissimi artisti che arriveranno a Lugano, dal Ticino e dall'estero, naturalmente, ma anche le facce di chi sta dietro a questa stagione estiva, che tradiscono un entusiasmo che nemmeno le mascherine di una conferenza stampa di presentazione riescono a celare. Quel «negativo trasformato in opportunità» (parole di Roberto Badaracco, parole della Città), l'escamotage dell'estate 2020, torna in una forma assai vicina alla normalità. Interdisciplinarmente e variegatamente en plein air (anche in piazze limitrofe), frutto dell'interazione tra Lac e LuganoMusica, Osi e Masi. «Trentasei serate distribuite quasi tutte nel teatro dell’Agorà – spiega Carmelo Rifici, direttore artistico del Lac – ma con un pensiero più completo, ragionato con anticipo, sulla scia del successo della scorsa edizione. Non solo musica e lettura: abbiamo aperto allo spettacolo». Con un fil rouge, «il ritorno al popolare, alla tradizione, un messaggio importante da dare dopo la pandemia». 

Tra gli altri...

A cominciare dal teatro, a cominciare dall'‘Odissea’ diretta da Luca Spadaro, con Margherita Coldesina, Mirko D'Urso, Cristina Zamboni e Massimiliano Zampetti, primo atto della stagione, il 6 luglio. Di venerdì 9, Davide Enia e la Sicilia antifascista di ‘Maggio '43’; di sabato 10, l'Antropolaroid’ di Tindaro Granata, che per il decennale dello spettacolo dà spazio a giovani artisti, in questo caso al personalissimo ‘Antropolaroid’ di Emili Tiburzi, in ‘Ciumachella’. Il teatro sarà di casa con i ticinesi Antonio Ballerio e Tatiana Winteler, protagonisti di ‘Ceneri alle ceneri’ di Harold Pinter; di casa è anche Emanuele Santoro nel ‘Caligola(s)concerto’. Al teatro, ancora, è affidata la chiusura della rassegna estiva, il 9 e 10 settembre con l'anteprima assoluta di ‘Sogno di una notte di mezza estate’ diretto da Andrea Chiodi, episodio che coincide con ritorno nella Sala Teatro. Ad ‘aprire le danze’ in nome del flamenco non contaminato, sarà sabato 17 luglio Israel Galván nel suo ‘Solo’; il 28 luglio, la compagnia A.N.I.T.A. diretta da Adriano Mauriello danzerà Astor Piazzolla; sabato 21 agosto, Africa e Occidente in ‘MBIRA’ di Roberto Castello.


Dan Tepfler, ‘Natural Machines’ (Pdm)

Imponente il cartellone della musica, aperto dalle ‘Natural Machines’, libere improvvisazioni su Disklavier del franco-americano Dan Tepfler; il 22 luglio, ‘Blackstar - Letter to Bowie’, tributo del trombettista Giovanni Falzone al Duca Bianco; il 23 luglio è dei violini primitivi dei Violon Barbares, fusione di tradizioni francesi, bulgare e mongole. Il trio Servillo-Girotto-Mangialavite porta in scena ‘L'anno che verrà’, l'omaggio a Lucio Dalla del 24 luglio. Musica catalana il 29 luglio in ‘Clamor’, con Maria Arnal e Marcel Bagés; musica estone con le 20enni Ruut dell'omonimo duo, venerdì 30. Raiz, già leader degli Almamegretta, è protagonista di Musica Mediterranea Immaginaria (31 luglio); Maria Mazzotta, già voce del Canzoniere Grecanico Salentino, è la protagonista di ‘Amore amaro’ (5 agosto). Il 6 agosto, Paolo Angeli (che ha fatto innamorare Pat Metheny) incontra Marco Mezquida.


Paolo Angeli

Per LuganoMusica, il 14 luglio, l'omaggio alla musica tradizionale armena di Levon Chatikyan con l’Ensemble France Varpet; il giorno dopo, le atmosfere di fine '800 del Salon Passion dalla Tonhalle di Zurigo; sabato 28 agosto, l’Ensemble Kapelle Nogler con danze engadinesi e traditional appellenzesi. E poi c'è l’Osi, attesa il 24 agosto nell’omaggio a Stravinskij e il giorno dopo nell’anticipazione del progetto ‘Tracce’, futuro ciclo dedicato a Chaikovski. Il primo settembre, in formazione cameristica, un primo omaggio a Piazzolla; il secondo, il 6 e 7 settembre, in Piazza Luini con Orchestra al completo. In ambiti cantautorali, il 24 agosto Paolo Conte festeggia i 50 anni di ‘Azzurro’ in Piazza Riforma; nella stessa piazza, il giorno dopo, Davide e i De Sfroos.

L'arte parla nelle quattro ‘Conversazioni d’autore’ del Masi: Marc Bauer e Luca Maria Gambardella (8 luglio), Salvatore Vitale, Premio Bally 2020 (16 luglio), Monica Bonvicini e Paolo Mazzarello (26 agosto) e Albert Oehlen (27 agosto). Da segnalare, infine, il weekend per le famiglie del 4 e 5 settembre, caratterizzato da una collaborazione col Festival internazionale di narrazione di Arzo e, di sabato sera, dal ritorno di Antonio Catalano.


Paolo Conte (Keystone)

La purezza del ‘popolare’ per Carmelo Rifici

«Devo dire che l'entusiasmo non lo abbiamo mai perso, anche in questo periodo di chiusura abbiamo sempre lavorato con grande felicità, abbiamo creato progetti digitali. Il Lac non si è mai fermato, il grande successo di ‘Lingua Madre’ ne è la testimonianza. Chiaramente, vedere nuovamente persone affluire al Lac a noi porta tanta gioia, che è tutto in questo Lac en plein air», dice alla ‘Regione’ Carmelo Rifici, direttore artistico del Lac. La parola del giorno, e quella dell'estate, sarà ‘popolare’: «Fare teatro tradizionale, musica tradizionale non significa fare qualcosa che sia soltanto di festa, per quanto contemplata. Il tango, il flamenco, le musiche africane, balcaniche, armene che porteremo saranno serate che andranno alla ricerca degli inizi del popolare, più pure di quanto siamo abituati a conoscere quando andiamo a una festa di paese o a una sagra, dove fruiamo la sua parte più consumistica. Al Lac andremo a portare l'esperienza interessante che il pubblico può amare, ospitando gli artisti migliori e di pregio». L'Agorà, da soluzione di emergenza, potrebbe a questo punto diventare una consuetudine estiva? «Ce lo auguriamo. Per adesso, l'Agorà è un ottimo spazio che ci dà la sensazione di essere comunque in un luogo intimo e raccolto, conservando la piacevolezza dello stare all'aria aperta. Speriamo diventi una tradizione».


Carmelo Rifici (Ti-Press)

Programma completo e aggiornato su www.luganolac.ch

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Libri
2 ore
'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico
Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Culture
18 ore
A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro
Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Libri
23 ore
Obama-Springsteen, dal podcast al libro
'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Musica
1 gior
Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'
È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
1 gior
Amy, sono già dieci anni
Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Gallery
Musec
1 gior
Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21
Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Locarno Film Festival
2 gior
Leopard Club Award a Kasia Smutniak
Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
2 gior
Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti
Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
2 gior
Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie
Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
2 gior
C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival
Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile