laRegione
Svizzera
1
Turchia
0
1. tempo
(1-0)
Italia
0
Galles
0
1. tempo
(0-0)
BRENGLE M. (USA)
0
GOLUBIC V. (SUI)
0
1 set
(3-1)
SAMSONOVA L. (RUS)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-1 : 6-3)
premio-svizzero-del-libro-per-bambini-a-martin-panchaud
Culture
16.05.21 - 13:490

Premio svizzero del libro per bambini a Martin Panchaud

L’illustratore e autore ginevrino ha vinto con il romanzo a fumetti ‘Il colore delle cose’

illustratore e autore ginevrino Martin Panchaud ha ricevuto il premio svizzero del libro per bambini e ragazzi alla 43.ma edizione delle Giornate letterarie di Soletta, apertasi ufficialmente oggi.

Il suo romanzo a fumetti "Die Farbe der Dinge" (Il colore delle cose) è "un'opera d'arte di grande originalità, fresca e sfacciata, che sconvolge le abitudini di lettura del pubblico, quanto a testo e immagini. Con la sua giocosa visualità e un ritmo narrativo tipico dei media, questa graphic novel piacerà soprattutto agli adolescenti", spiega la giuria.

Le figure, rappresentate come cerchi colorati, si muovono sul fondo bianco e in campi stilizzati; delle righe sottili li collegano con le battute di dialogo. Nel racconto s'inseriscono infografiche, vedute panoramiche e parti di mappe. Bisogna prima abituarsi, sottolinea un comunicato stampa dell'Istituto svizzero Media e Ragazzi (ISMR).

"Die Farbe der Dinge", pubblicato nel 2020 da Edition Moderne, è stata scelta fra un centinaio di opere di una sessantina di editori. Il premio, di 10'000 franchi, è promosso dall'Associazione svizzera dei librai e degli editori (SBVV), dall'ISMR e dalle Giornate Letterarie di Soletta.

Martin Panchaud, nato a Ginevra nel 1982, è grafico, autore e illustratore. Vive a Zurigo. Nel 2016 ha pubblicato un adattamento illustrato lungo 123 metri di Guerre stellari Episodio IV, per il quale ha ricevuto riconoscimenti da diverse istituzioni culturali europee.

2500 franchi ciascuno sono andati agli altri quattro candidati: Marcel Barelli di Losanna ("Bestiaire helvétique"), Fabian Menor di Ginevra ("Élise"), Eva Roth di Vienna ("Lila Perk") e Micha Friemel e Jacky Gleich di Monaco di Baviera ("Lulu in der Mitte").
 
 

TOP NEWS Culture
Musica
9 ore
'I Wanna Be Your Slave': i Måneskin nella Top 10 britannica
Mai nessuna band o solista italiani tra i primi dieci singoli di Gran Bretagna. L'impresa la fanno i quattro di ‘Zitti e buoni’ (ma non con ‘Zitti e buoni’)
Spettacoli
21 ore
Piano City Milano, il grande abbraccio collettivo della Decima
Cento concerti in tre giorni, tremila in 10 anni, e una sola regola 'rigidissima': il pianoforte. A colloquio con Ricciarda Belgioioso, co-direttrice artistica
Arte
1 gior
Riscoprire le opere di Antonio Ciseri
In occasione del bicentenario della nascita del pittore, è stato realizzato un itinerario che attraversa diverse località ticinesi
Musica
1 gior
Final Step, per riconnetterci è uscito ‘Disconnections’
Con Matteo Finali tra le storie musicali (anche di famiglia) di un album che è un invito a riprenderci i suoni delle nostre vite (reali).
Culture
1 gior
A Leontica tutte le strade portano alla pozza
Per tutti coloro che arrivano in paese seguendo le tracce lasciate dal romanzo di Fabio Andina, domenica 27 giugno s'inaugura Il Sentiero del Felice (siamo tutti invitati)
Società
1 gior
Addio Lugano bella, la storia dell’anarchico Pietro Gori
Gli ideali politici di un uomo che rifiutava la violenza e la scienza della devianza di Lombroso: intervista allo storico Massimo Bucciantini
Società
1 gior
34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile
Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"
Spettacoli
2 gior
Ceresio Estate, omaggio ‘celestiale’ a Luciano Sgrizzi
Intervista a Davide Macaluso, la cui celesta sarà protagonista del concerto di lunedì 21 giugno a Carabbia
Culture
3 gior
Al musicologo Lorenzo Bianconi il Premio Guido Adler
L'importante riconoscimento è conferito al più importante musicologo ticinese dalla Società Internazionale di Musicologia
Cinema
3 gior
Spike Lee tra le palme è il poster di Cannes
Sulla Croisette, in bianco e nero, il regista comunica l'impazienza di tornare a guardare i film.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile