laRegione
laR
 
27.04.21 - 18:03
Aggiornamento: 19:14

Il frammentato mondo dei musei svizzeri

Pubblicata la statistica annuale sulle istituzioni museali: cresce il divario tra piccoli e grandi musei. Ma ancora non si sa l'effetto della pandemia

di Ivo Silvestro
il-frammentato-mondo-dei-musei-svizzeri
Musei di storia naturale tra i più popolari (Ti-Press)

Una situazione stabile, quella dei musei svizzeri, ma attraversata da alcune divisioni: tra regioni linguistiche, tra grandi istituzioni con numerosi visitatori e realtà più piccole, tra pubblici di età e livello di istruzione diversi. È il quadro che emerge dell’annuale rilevazione dell’Ufficio federale di statistica iniziata nel 2015 e che, con i dati relativi al 2019 appena pubblicati, permette di tracciare un quadro dell’evoluzione degli ultimi cinque anni.

Sostanziale stabilità, si è detto: il numero di musei attivi in Svizzera è rimasto praticamente lo stesso, e lo stesso vale per il numero di oggetti conservati e le giornate di apertura. Del resto, come si ricorda nel rapporto, “il museo è un’istituzione attiva sul lungo periodo” e i dati analizzati si riferiscono, come detto, al 2019: non tengono quindi conto della pandemia che ha tenuto chiusi i musei diversi mesi. Per una fotografia degli effetti del Covid-19 sui musei occorrerà attendere ancora un anno; di più per capire se e come sono cambiate le abitudini dei visitatori verso un’istituzione culturale che, almeno finora, si è dimostrata tra le più popolari e diffuse.

Negli anni presi in considerazione, infatti, oltre un quarto dei Comuni svizzeri ospitava almeno un museo sul proprio territorio; per un confronto, solo il 7 per cento aveva una sala cinematografica sul proprio territorio. Alta anche la percentuale di visitatori tra la popolazione – che però è oggetto di un’altra ricerca, quella sulle abitudini culturali, e ha un approccio un po’ diverso includendo oltre ai musei veri e propri anche esposizioni e gallerie – è alta: più del 70 per cento delle persone ha frequentato un’istituzione museale.

Stabilità ma, come accennato, anche disparità. Una prima riguarda le dimensioni delle istituzioni: abbiamo da una parte un numero relativamente contenuto – una sessantina – di musei a forte affluenza di pubblico, aperti per buona parte dell’anno, molto attivi nell’organizzare attività ed eventi e dall’altra parte una maggioranza di piccole istituzioni, aperte in media 80 giorni l’anno (meno di due giorni a settimana). Si tratta di un dato già noto; la novità è che il divario è in crescita: negli ultimi cinque anni si è infatti registrato un forte aumento dei visitatori (+2 milioni di ingressi, per un totale di 14,2 milioni) imputabile quasi esclusivamente ai grandi musei. Guardando ai tipi di museo, a fare più visitatori sono quelli di scienze naturali con circa 22mila visitatori in media nel 2019 (con un marcato aumento rispetto al 2015); seguono i musei d’arte e quelli archeologici che ogni anno attirano circa ventimila visitatori; per i musei regionali e locali la media si situa sui 1700 ingressi.

La cosiddetta “coda lunga” – il 71 per cento dei musei svizzeri contava meno di 5mila ingressi nel 2019, mentre solo il 5 per cento superava i 50mila – composta perlopiù da musei regionali e locali non arriva minimamente ai livelli dei pochi grandi. Questo divario, come accennato, non riguarda solo i visitatori ma anche altri aspetti della vita dei musei, dai giorni di apertura alle visite guidate agli eventi quali inaugurazioni, conferenze o proiezioni. 

Questa situazione ha un interessante riflesso sulle tre regioni linguistiche. Se il numero di musei presenti rispecchia grosso modo la popolazione – il numero di istituzioni museali pro capite è più o meno lo stesso in tutta la Svizzera – la composizione cambia radicalmente: i musei regionali e locali sono diffusi soprattutto nella Svizzera tedesca (circa il 37 per cento del totale, contro il 32 a livello nazionale), mentre nella Svizzera italiana c’è una particolare presenza di musei d’arte. In Romandia si registra invece una maggiore quota di musei a forte affluenza di pubblico rispetto alle altre regioni linguistiche, causa (o effetto?) di una maggiore frequentazione di musei: il 74 per cento dei romandi ha visitato un’istituzione museale contro il 70 per cento della Svizzera tedesca e il 66 di quella italiana.

Infine, differenze nel profilo dei visitatori: non solo le persone con livello di formazione di scuola dell’obbligo frequentano meno i musei di chi ha proseguito gli studi, ma la loro percentuale è scesa negli ultimi anni. Per contro non vi sono differenze di genere o età nella frequentazione di istituzioni museali, anche se cambiano leggermente il tipo di museo frequentato: le donne preferiscono maggiormente i musei d’arte, gli over 60 quelli regionali e locali e la fascia 30-44 anni i musei di scienze naturali e tecnici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Arte
4 ore
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
22 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
1 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
2 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
2 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
2 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
© Regiopress, All rights reserved