laRegione
grant-benson-e-la-dany-sulle-onde-di-morcote-un-anno-dopo
Grant e La Dany 'a bordo'
Radio Morcote International
07.04.21 - 19:140

Grant Benson e La Dany sulle onde di Morcote (un anno dopo)

La Radio Caroline del Ceresio, nata nell'aprile 2020 come ‘salvagente’ per il lockdown, oggi vanta 16mila contatti al dì. A colloquio coi fondatori.

È sempre bella da raccontare la storia di Radio Morcote International, che il prossimo 9 aprile festeggia il suo primo compleanno. Grant Benson e La Dany (Daniela Moroni) li avevamo incontrati nell’aprile del 2020, in pieno smarrimento da lockdown combattuto a colpi d’ironia anti-reclusione – “La radio è nata come un gioco tra noi due, per non accoltellarci”, raccontava lei, professionista del settore marketing-eventi – ma con l’intento del servizio pubblico – “Siamo imprigionati, sì, ma in una gabbia d’oro. Penso a chi abita nei palazzi di Lugano, Bellinzona, Milano. Siamo dei privilegiati, e anche per questo, con questa radio, abbiamo voluto restituire qualcosa alla comunità” – raccontava lui, storica voce di Rtl 102.5, Radio 105, NumberOne e Montecarlo e soprattutto Radio Caroline, la prima radio pirata in onda dalle acque internazionali del Mare del Nord dal 1964 per aggirare l’accoppiata Bbc-major discografiche, duopolio sordo al rock giovane che, grazie anche alle radio pirata, avrebbe cambiato la storia della musica.

Romantiche coincidenze

«Compiamo gli anni nei giorni in cui nasceva Radio Caroline», ci racconta Grant un anno dopo, in un insieme di romantiche coincidenze che hanno nell’acqua il loro elemento naturale. «Ma anche lo spirito è lo stesso, la voglia di rinascere». Rinascita per la quale Grant chiama in causa Ronan O’Rahilly (scomparso lo scorso luglio), inventore di Radio Caroline, «colui che mi ha insegnato a superare le tempeste, quelle del Mare del Nord e della Bbc, e oggi quelle della pandemia». Altra romantica coincidenza: Radio Caroline nacque il 28 marzo del 1964, a quasi 56 anni esatti dalla sua erede.

Chiediamo a Grant se lui e La Dany si sarebbero aspettati che quella musicale ‘terapia di coppia’ sarebbe durata un anno. E al netto di una preliminare constatazione – «A dire la verità, ciò che non ci saremmo mai aspettati era che saremmo stati ancora in lockdown dopo un anno» – la risposta è la seguente: «È vero, il tutto è iniziato come un gioco, ma ci siamo accordi quasi subito che non lo sarebbe stato per molto, dalla reazione degli ascoltatori, dal loro numero e da un ragionamento legato al vile denaro: quando hanno iniziato a chiamarci alcune aziende della zona, anche grosse, per fare pubblicità, abbiamo capito che la passione stava diventando business».

Così racconta Grant i giorni degli esordi, quelli che «dopo una settimana, per l’impegno preso con realtà locali che ci garantivano la possibilità di durare almeno un anno, eravamo ormai ‘obbligati’, detto in senso positivo, a durare almeno un anno». La Dany aggiunge: «Abbiamo preso un impegno anche con gli ascoltatori, che subito ci hanno ascoltato dalla Svizzera, dall’Italia e da tanti altri paesi, anche via social: l’emozione che pensavamo di trasmettere, l’hanno trasferita loro a noi. Lo dico da non radiofonica: speravo che il nostro contributo iniziale potesse aiutare a superare il momento di difficoltà, ma l’aiuto ce l’hanno dato anche loro».

‘Un piccolo uragano’

Lungo tutto l’anno di vita, Radio Morcote si è diversificata: Grant offre i suoi servigi pomeridiani a Radio 3i, la Dany ha incrementato i suoi incarichi di ufficio stampa, la radio cura la programmazione del centro commerciale di Grancia. «Sono costole della stessa azienda», spiega Grant, «ma sempre un’azienda di famiglia». E sempre più lontana dal concetto di gioco. La Dany: «Credo che dietro al gioco si sia sempre intuita la professionalità, che ci ha ripagati. Oggi il lavoro e i numeri ci danno ragione. I numeri, le aziende, la stessa stampa. E anche il non essere entrati nel settore per spintonare le altre radio. L’abbiamo sempre detto: ci piace essere complementari, non vogliamo lottare contro nessuno, lo spirito è semmai quello di collaborare». Professionalità che fa di Radio Morcote International, ancora radio digitale, un’emittente da 16mila contatti settimanali. Numeri importanti: ancora gestibili a conduzione familiare? Grant: «Ci sono mille cose che vorremmo fare e che non riusciamo per mancanza di ore. Spesso ci vengono proposte iniziative, collaborazioni che dobbiamo posticipare, ma che piano piano cerchiamo di accogliere. È un piccolo uragano in quello che doveva essere il mio anno sabbatico e invece non credo di avere mai lavorato così tanto come in questi dodici mesi». Lavoro che ha portato al programma jazz di Chris DiMatteo da Los Angeles, ogni domenica sera («Qualcosa di fantastico per una struttura piccola come la nostra»), a Bruno Indelicato di sabato mattina da Zurigo («Metà in italiano e metà in Schwitzerdütsch»), a Dj Romo da Basilea, Enda Caldwell da Dublino, a Fsn, l’agenzia stampa statunitense che si occupa delle news, e ai da poco aggiuntisi esperti di rock-memorabilia Claudio Mollekopf ed Eros Girardi, la già rocking.tv Estella Patelli e il giovane Oliver Pepper.

‘Semmai alle Hawaii’

Cita un’indagine Rsi di febbraio, Grant, secondo la quale il 30% degli svizzeri si collega alla radio tramite indirizzo I.P.: «L’incognita di dover diventare un giorno FM è risolta. Per gioco, o per sbaglio, abbiamo intrapreso la strada giusta. E tocco ferro mentre lo dico». La Dany: «Abbiamo creato una comunità di appassionati della radio. Lo vedo sui social, dove esistono realtà da 2 milioni di contatti che non finiscono negli ascolti della stessa radio». Insomma, Radio Morcote è cresciuta: non è che adesso si sposterà in città? «Semmai alle Hawaii!», risponde Grant, scherzandoci sopra, ma deciso a non tradire le aspettative di pubblico e piccoli e grandi investitori: «Morcote ci ha dato la prima spinta. il bar, il ristorante, l’ufficio turistico». E chiude con un paragone: «Ti dico Radio Montecarlo, che si chiama così anche se la maggior parte delle trasmissioni partivano e partono da Milano. Allo stesso modo, noi avremo sempre il cuore, se non il piede, a Morcote» (www.radiomorcoteinternational.com). 

Sabato 10 aprile, Grant Benson e La Dany saranno ospiti di Generi di conforto, il podcast de laRegione, su www.laregione.ch/generidiconforto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Musica
7 ore
Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)
Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
11 ore
La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi
Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
14 ore
Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte
Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
21 ore
Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)
È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Spettacoli
1 gior
Morto il rapper DMX, era in coma per overdose
Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Covid e Cultura
1 gior
'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'
A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior
Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio
'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior
Milena Folletti dice addio alla Rsi
Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Video
Culture
1 gior
Gran Premio svizzero d’arte a Descombes, Eppstein e Suter
L'architetto, la curatrice e l'artista destinatari del riconoscimento, consegnato a Basilea il 20 settembre prossimo insieme ai Premi svizzeri d'arte
Lac
1 gior
Condemi, lavoro registico tra linguaggio, spazio e sguardo
Per Lingua Madre, le ‘capsule per il futuro’ del Lac, la terza parte sarà online sabato 10 aprile dalle 9. A colloquio con il regista.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile