laRegione
21.03.21 - 12:34

Museo San Materno, mostra omaggio a Charlotte Bara

Aperta fino al 13 giugno 2021 nel luogo deputato alla danza fino al 1927, quando l’architetto Carl Weidemeyer costruì per lei il Teatro San Materno

museo-san-materno-mostra-omaggio-a-charlotte-bara
Il manifesto dell'evento

È aperta, e lo rimarrà fino al 13 giugno 2021, la mostra omaggio ‘Charlotte Bara (1901-1986) – Danzatrice dallo spirito ardente’, che inaugura la stagione espositiva 2021 del Museo Castello San Materno, casa della famiglia Bachrach dal 1919 e luogo deputato alla danza di Charlotte Bara fino al 1927, quando l’architetto Carl Weidemeyer costruì per lei il Teatro San Materno, sede anche della sua scuola di danza espressiva. La mostra, curata da Michela Zucconi-Poncini, si snoda attraverso una rassegna di 50 documenti conservati nel ricco Fondo consacrato alla danzatrice e per la prima volta ripercorre la carriera artistica di Charlotte Bara, giunta ad Ascona nel 1920: dagli inizi formativi nel 1915 a Bruxelles, proseguiti in Germania, nei Paesi Bassi e in Olanda, fino agli ultimi anni della maturità ad Ascona.

Nella prima sala, particolare attenzione è dedicata alla sua sfera personale (bozzetti e disegni della sua danza realizzati dall’amico di famiglia Carl Weidemeyer, un dipinto di Any Pohl, alcune locandine degli spettacoli al San Materno); la seconda stanza è dedicata alla danza e agli spettacoli all’estero, e ospita i costumi di scena della danzatrice, messi a disposizione dalla Fondazione Monte Verità di Ascona, e altre locandine degli spettacoli della danzatrice a Berlino, Bad Godesberg, Amsterdam, Rotterdam, Milano, Firenze, Venezia, Roma, Londra e Vienna, accompagnati dalle recensioni di stampa dell’epoca e da una selezione fotografica delle sue coreografie.

Chiude idealmente la mostra il documentario Le Passioni di Charlotte, per la regia di Roberta Pedrini, prodotto dalla Rsi nel 2018.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
2 ore
Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura
Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Cinema
7 ore
Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’
È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Società
14 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
3 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
3 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
3 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
3 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
© Regiopress, All rights reserved