laRegione
all-universita-di-torino-si-studia-l-assenza-di-mina
Dall'album ‘Olio’ (1999) - Wikipedia
Musica
19.03.21 - 19:43

All'Università di Torino si studia l'assenza di Mina

Rinviato lo scorso anno, il convegno internazionale giovedì 25 e venerdì 26 marzo sui canali web dell'ateneo, ospiti Ivano Fossati e Massimiliano Pani

Mina icona pop. Alla grande cantante, l'Università di Torino dedica un convegno internazionale giovedì 25 e venerdì 26 marzo, sui canali web dell'ateneo. A cura di Giulia Muggeo (docente di Storia del cinema all'Università di Torino), Gabriele Rigola (docente di Storia del cinema all'Università di Genova) e Jacopo Tomatis (docente di Popular music all'Università di Torino), il convegno 'Mina, la voce del silenzio: presenza e assenza di un'icona pop' si svolge nei giorni del suo 81esimo compleanno, dopo essere stato rinviato in occasione degli 80 anni.

Il convegno vedrà la presenza di studiose e studiosi da tutta Italia e relatori internazionali da Regno Unito, Australia e Francia, esperti di storia del cinema, di storia della musica, di semiotica, di moda e costume, di televisione. Parteciperanno anche Ivano Fossati, che ha accettato di raccontare il suo lavoro con Mina, e Massimiliano Pani, figlio della cantante e suo principale collaboratore dagli anni Ottanta. L'obiettivo è quello di mostrare la ricchezza e la varietà dei modi possibili di studiare la cultura pop.

Mina è un caso di studio unico: per la sua storia, per la sua ‘assenza’ che costringe anche a riflettere sulle modalità di funzionamento del divismo nel sistema mediale contemporaneo.

Leggi anche:

Mina Fossati, storie di buen retiro e splendido ritorno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assenza ivano fossati massimiliano pani mina torino università torino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
54 min
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
12 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
18 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
1 gior
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
1 gior
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
1 gior
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
© Regiopress, All rights reserved