laRegione
26.02.21 - 20:46
Aggiornamento: 21:38

Teatri italiani verso la riapertura dal 27 marzo

Riccardo Muti: ‘Una vittoria’. L'ok del Comitato tecnico scientifico vale per le sole zone gialle. Il maestro onorerà la ripresa con il requiem di Beethoven.

Ansa, a cura de laRegione
teatri-italiani-verso-la-riapertura-dal-27-marzo
Dario Franceschini (Keystone)

La data è simbolica: sabato 27 marzo. Teatri e cinema vanno verso la riapertura in Italia, nelle sole zone gialle, a partire dalla Giornata internazionale del Teatro. Un tweet pomeridiano del Comitato tecnico scientifico accoglie la proposta del Ministro della Cultura Dario Franceschini e il maestro Riccardo Muti festeggia “una vittoria”, certo che “le sale dei teatri siano i luoghi più sicuri”. L’Agi, Associazione generale dello spettacolo, accoglie la notizia “con speranza e sollievo”. Il sollievo dell’Associazione dei teatri privati, invece, è minore: “Impossibile ipotizzare una riapertura delle sale nei prossimi 30 giorni senza la certezza di un sostegno economico e operativo”. Tornando a Muti: “Non vedo l’ora”, dice il direttore d’orchestra. “Ho avuto la notizia della riapertura mentre stavo studiando la Messa solenne di Beethoven che eseguirò a Salisburgo nel prossimo festival, ero proprio sul brano del finale che recita ‘dona nobis pacem’, mi è sembrata la pace dell’anima che viene dalla cultura, dalla bellezza, dall’armonia”. Che sia solo un’apertura simbolica o l’inizio della rinascita, il maestro ci sarà: ”Il 27 marzo sarò al Massimo di Palermo con il requiem di Beethoven. E speriamo che sia un Requiem per il virus, un auspicio per il futuro. Io ne sono convinto: se lo spirito riesce a cibarsi, può più facilmente sconfiggere il virus. E quindi sì – conclude – Dona nobis pacem”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Teatro Sociale
7 ore
‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte
Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Spettacoli
18 ore
Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’
Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
1 gior
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
1 gior
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
2 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
2 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
2 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
2 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
© Regiopress, All rights reserved