laRegione
Jazz
laR
 
09.02.21 - 22:49
Aggiornamento: 10.02.21 - 13:53

Roberto Pianca, sette tracce di ‘Mono No Aware’

Vanno a formare il secondo capitolo del jazzista ticinese in forma di quintetto, collaborazione tra alcuni dei migliori giovani talenti svizzeri. L'intervista

roberto-pianca-sette-tracce-di-mono-no-aware
Roberto Pianca (foto: Marika Brusorio)

Rafael Schilt sax tenore; Glenn Zaleski piano; Stefano Senni contrabbasso; Paul Amereller batteria. E Roberto Pianca, chitarra e tutto quanto, compositivamente parlando, c'è ‘Mono No Aware’, album che ha una settimana di vita e va sotto il nome di Roberto Pianca's Sub Rosa. Nome di punta del jazz svizzero, dalla Scuola di musica moderna di Lugano al Conservatorio di Amsterdam, fino alle collaborazioni con Joey Baron, Russ Lossing, Pietro Tonolo, Savina Yannatou, John O’Gallagher e molti altri, Pianca si ascolta anche nei Third Reel con Masson e Maniscalco (due album per ECM), nel trio di Schilt (‘A Sound’), nei meno jazzistici Rocky Wood. E più

Posticipato per motivi indipendenti dalla sua volontà (pandemia), ‘Mono No Aware’ è album che porta nel titolo un’espressione che visivamente richiama la lingua anglosassone come un inganno pareidolico (citando ‘Pareidolia’, traccia 4, l’illusione visiva che ci fa ricondurre a forme note oggetti o profili dalla forma del tutto casuale). ‘Mono No Aware’ – letteralmente ‘Il pathos delle cose’ – è concetto giapponese con il quale si esprime l'intensa partecipazione emotiva verso la bellezza della natura e della vita. «Ho scelto questo titolo – spiega Pianca – perché è una di quelle sensazioni che accompagnano tutti noi, quella sorta di malinconia che ognuno si ritrova a provare, almeno una volta nella vita, quando prende coscienza che ogni cosa ha un inizio e una fine».

Flusso di coscienza (parte II)

Pubblicato dall’indipendente italiana Honolulu Records, scritto a partire dal 2018, registrato nel 2019 nello Studio 2 della Rsi, mixato da Lara Persia e masterizzato da Giovanni Agosti a Milano – «Abbiamo separato soltanto la batteria, pochi overdub, mi piace sempre tentare il ‘buona la prima’, l’aspetto live del registrare, specifica il musicista – ‘Mono No Aware ’ è il secondo album di Pianca all’interno di Sub Rosa, formazione che riunisce alcuni dei più brillanti giovani jazzisti svizzeri in un flusso di pensieri contemporary jazz assai affollato nella traccia d’apertura ‘Double Aesthetics’ e in ‘Kintsugi ’ – che ospita uno dei più intensi solo chitarristici dell’album – per poi rarefarsi dalla metà in avanti. A partire dal ribattuto di pianoforte che apre proprio ‘Pareidolia’, nella quale Pianca inizia a dondolare la sua chitarra davanti a nostri occhi tentando (riuscendovi) una piccola ipnosi collettiva conclusa – passando per altra pareidolia nella bella ‘Mimetoliths’ traccia 6 – da ‘Ectoplasm’, creazione sonora a ottavi retta dal solo suo strumento. ‘Ectoplasm’ che sembra chiudere l’intero ‘Stream of consciousness’ partito da ‘Sub Rosa’, il flusso di coscienza che apriva l’album del 2017, primo atto dell’allora quartetto con Dan Kinzelman in luogo di Schilt e Luis Candeias in luogo di Amereller. ‘Ectoplasm’ nella quale «non c’è granché di trascendentale», specifica il suo autore, se non «indirettamente o inconsapevolmente un omaggio alla cinematografia di fantascienza che molto mi attrae, a cominciare da ‘2001 Odissea nello spazio’ per arrivare a ‘Blade Runner’, pellicole che hanno inciso nella mia ricerca sonora». Almeno relativamente ai lunghi riverberi dell’ultima traccia, per la quale il termine ‘fantascientifico’ è tutt’altro che fuori luogo.

L'inizio, la fine, l'inizio

Retto da un rapporto professionale importante, non di meno umano, ‘Mono No Aware’ esiste in digitale, ma è soprattutto l’album fisico di chi ha scelto di pubblicare in un momento di stallo, carico d’incognite sul quando e sul come della ripresa. Quanto al formato, «il disco fa parte del processo artistico del musicista, è il documento molto personale tramite il quale comunicare al mondo quanto sta accadendo in quel determinato istante nella tua vita artistica». Anche e soprattutto in questo particolare momento storico. Così vissuto: «Ho fatto di tutto per non lamentarmi troppo. È chiaro si tratti di una situazione pesante, drammatica, ma ho continuato a studiare, a portare avanti progetti, l’unico modo, a mio parere, per non lasciarsi condizionare da quanto sta accadendo». Guardando oltre il contingente: «Credo che virus e pandemia siano solo un coperchio tolto da una pentola che già bolliva da tempo. Fatto salvo il problema serio, sanitario, che va affrontato nel migliore dei modi, nel mondo della musica i segnali che le cose non andavano per il verso giusto erano molto chiari già da prima».

‘Mono No Aware’, comunque esiste e va ad alimentare il ponte di collegamento tra il prima e il dopo della musica, all'interno di una scena jazz svizzera che rimane viva come la si era lasciata. «Assolutamente, una scena viva che anche in Ticino ha ottimi musicisti. Sebbene le mie collaborazioni siano concentrate in particolare nell’area zurighese, continuo a percepire lo stesso senso di comunità tra musicisti elvetici». Un punto fermo su cui ricostruire, aggiungendoci il futuro vernissage allo Studio 2 di Besso, per ora senza pubblico, sempre sottostando ai tempi dettati dalla pandemia. Forse lo ascolteremo senza vedere, ma arricchiti dalla ciclica sensazione di ‘Mono No Aware’ che sta – ci si perdoni il ribattuto – in ‘Mono No Aware’, il bello del percorso di vita dell'improvvisazione, che nel jazz ha sempre un nuovo inizio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
6 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
8 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
14 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
16 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved