laRegione
retedue-alla-vigilia-della-plenaria-39-firme-e-un-grazie
Salviamo Rete Due (Ti-Press)
Rsi
13.01.21 - 16:380

ReteDue: alla vigilia della 'plenaria' 39 firme e un 'Grazie'

L'85% del corpo giornalistico, 3/4 del personale complessivo, esprimono la propria preoccupazione all'azienda e ringraziano per la mobilitazione pubblica

In tutto 39 firme, da consegnarsi in occasione della riunione plenaria del personale radiofonico prevista per domani, 14 gennaio 2021. Sono quelle di collaboratrici e collaboratori dei Rete Due, verificate e certificate dal Sindacato svizzero dei mass media (Ssm), sulla scia del dibattto pubblico apertosi attorno al progetto Lyra della Rsi, che prevede lo smantellamento del 'parlato' dalla Rete Due. I 39 tra collaboratrici e collaboratori di Rete Due – oltre 3/4 del suo personale complessivo, l'85% del corpo giornalistico – esprimono la propria preoccupazione alla Rsi e allo stesso tempo ringraziano per il sostegno pubblico con un documento, ivi riportato integralmente:

È con perplessità frammista a commozione che abbiamo finora seguito il dibattito pubblico avviato da La Regione Ticino, lo scorso 5 dicembre, attorno al futuro di Rete Due. Un dibattito che per la nostra realtà ha assunto proporzioni inusitate e inimmaginabili: per il numero di voci che a vario titolo si sono pronunciate; per la loro autorevolezza; per il moto popolare che ha trovato espressione spontanea attraverso una raccolta di firme senza precedenti; per un’interpellanza all’Assemblea federale partita dal Consiglio degli Stati. Questo sostegno ci commuove e ci onora, e rende giustizia al valore di un’idea di lavoro e di cultura che ha fatto la nostra storia, la storia della RSI, la storia della Svizzera italiana.

La ridefinizione dell’offerta radiofonica dell’azienda affidata al progetto Lyra implica, allo stato dei lavori, con l’annunciata riduzione dei contributi parlati al 10%, lo smantellamento dell’approfondimento culturale così come lo conosciamo e così come è garantito dalla vigente concessione radiotelevisiva del Consiglio federale alla SSR-SRG RSI. Ma, bene al di là delle incognite per il nostro lavoro che il progetto Lyra inevitabilmente presenta, se siamo perplessi è perché l’attuale situazione riflette un disinvestimento della SSR-SRG RSI verso l’offerta culturale che parte da lontano e che non accenna a fermarsi, né sul piano quantitativo né su quello qualitativo, e questo malgrado il plebiscito per il servizio pubblico sancito dal rifiuto dell’iniziativa “No-Billag” il 4 marzo 2018: a conferma basterebbe confrontare i palinsesti radiotelevisivi dell’ultimo decennio (l’investimento nel web non è ancora significativo). Se invece limitiamo la materia di osservazione al maggior vettore culturale della RSI, nel solo periodo 2016-2020 Rete Due ha affrontato i licenziamenti e i prepensionamenti forzati del 2016, che hanno causato un’emorragia di personale e di posti di lavoro non ancora cessata, con conseguenze dirette sull’offerta e sulla modalità di fruizione dei programmi; la rinuncia all’Orchestra della Svizzera italiana, al Coro della Radiotelevisione Svizzera e a I Barocchisti; e la recente fusione dei dipartimenti Cultura e Intrattenimento, di cui il progetto Lyra è la prima, importante emanazione.

A giustificazione, la direzione della SSR-SRG RSI ha sempre impugnato due argomenti inconfutabili, l’epocale mutamento in atto del mondo massmediatico e la concomitante, inesausta riduzione delle entrate pubblicitarie, che grava sugli ancora cospicui proventi del canone radiotelevisivo. Se, però, siamo perplessi è anche perché le dichiarazioni della direzione della RSI rilasciate a mezzi pubblici e privati tradiscono da una parte la volontà di sottrarre l’azienda alla fondamentale riflessione sulle responsabilità del proprio agire nel campo culturale, e dall’altra il tentativo di isolare Rete Due all’interno della stessa azienda, ponendola sul podio di chi, ora, agirebbe per mero elitarismo ideologico. Dalla sua fondazione, nei primi anni ’80, Rete Due si è sempre e unicamente mossa nell’alveo della divulgazione e della produzione di cultura, in ottemperanza al mandato della concessione radiotelevisiva che pone al centro dei suoi compiti l’approfondimento culturale, dando voce a quegli attori che, in Svizzera e all’estero, attraverso la cultura si esprimono, con particolare attenzione alla tutela dell’italianità nazionale. Rete Due si è sempre considerata, collegialmente, parte integrante della RSI e dell’offerta della RSI.

Per questi motivi Rete Due fa proprie le preoccupazioni e le richieste espresse il 16 dicembre scorso dal Comitato del Consiglio regionale della CORSI e desidera esprimere la propria riconoscenza a chi in queste settimane, apprezzandone il lavoro, l’ha sostenuta e continua a farlo.

Grazie!

TOP NEWS Culture
Novità
18 ore
(Aspettando) Generi di conforto, e ritrovando Erminio
Ogni venerdì, una rubrica online recupera 'pillole' dell'Erminio Ferrari appassionato di musica. Accompagnerà, 24 ore prima, il podcast
Culture
19 ore
Rsi, il progetto Lyra va avanti. Con le linee editoriali
Prosegue la revisione dell'offerta audio su cui comunque deciderà il nuovo direttore. Sparisce il rapporto 90/10 tra musica e parlato di Rete Due
Diretta
Spettacoli
20 ore
"Semplici parole", in streaming dal Teatro Sociale
Un teatro vuoto verrà riempito con 250 parole, emerse da commenti sui social ai post di Nucleo Meccanico. Flavio Stroppini ne leggerà per ore il significato
Musica
1 gior
Swiss Music Awards, premio alla carriera ai Patent Ochsner
Il riconoscimento alla band dialettale bernese per 'un lavoro caratterizzato da grande diversità, pur mantenendo sonorità inconfondibili '
Culture
1 gior
Gran Premio svizzero di letteratura 2021 a Frédéric Pajak
L'autore dirige la collana 'Cahiers dessinés^. La Biblioteca Braille e del libro parlato di Tenero ottiene il riconoscimento speciale di mediazione
Televisione
1 gior
Sospette molestie alla Rts: hanno testimoniato in 220
Il mese prossimo sono attesti i primi risultati delle indagini ed eventuali decisioni. 'No fretta, si lavora in modo rigoroso', comunica l'azienda.
Scienze
2 gior
Coronavirus: sviluppati nanoanticorpi che bloccano il virus
I nanoanticorpi bloccano l'ingresso del virus nelle cellule anche in caso di mutazione. Testati per ora su lama e alpaca, a breve sperimentazione sull'uomo
Culture
2 gior
Un Comitato per le Scuole delle arti sceniche ticinesi
Mirko D'Urso è l'ideatore del Comitato Sat, rappresentativo al momento di una quarantina di realtà. Una lettera aperta al Consiglio di Stato.
Spettacoli
2 gior
Il ‘dizionario minimo’ della pandemia al Teatro Sociale
Flavio Stroppini ci racconta il progetto ‘Semplici parole’: 250 termini per dare un senso a questi strani giorni. E per riempire il vuoto dei teatri
Musica
2 gior
'Pezzo di cuore': Emma-Amoroso, una canzone per due
Da 'Amici' ad amiche, unite dalla terra e ora da un brano scritto da Dardust che è anche un inno all'amore per se stessi, presentato alla stampa stamattina
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile