laRegione
il-giro-del-mondo-dei-pardi-di-domani
Fish Ball
Culture
07.08.20 - 06:000

Il giro del mondo dei Pardi di domani

CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno

Se il primo film segreto di  questo settantatreesimo Festival di Locarno è un vecchio film di Dino Risi, “In nome del popolo italiano” passato più volte anche in televisione, l'unica speranza di vedere cinema, oltre che nella retrospettiva, è dato dai Pardi di Domani. Il primo lotto di questi, cinque cortometraggi, è passato nella notte al PalaCinema e sarà replicato oggi nella stessa sala alle 15 (oltre che, in questo festival ibrido, online sul sito www.locarnofestival.ch).


Parcelles S7

Sono film che già ci fanno fare il giro del mondo, il primo a essere visto è “Parcelles S7” di Abtin Sarabi, una coproduzione tra Senegal, Francia e Iran che regala 28 minuti di immagini che sposano la poesia, sorrette da un poema che lentamente canta l'uomo e la sua fatica per vivere, il suo difficile rapporto con l’avara terra che strema e insieme regala gioia. Protagonisti sono i lavoratori che raccolgono la canna da zucchero, ma ancor di più protagonista è l’eterna ombra di quelle canne. Ben diretto questo documentario ha il merito del rispettare l'uomo e il suo lavoro.


Fish Ball

Secondo lavoro in questo programma il ruandese “Fish Bowl” di Ngabo Emmanuel: un film sul dolore, la tradizione, la gioventù e l'amore. Il regista ci presenta Emmanuel, un giovane artista con le treccine ben raccolte, siamo il giorno prima del funerale di sua madre. Intorno a lui amici, parenti e lei, la ragazza che gli piace, ricambiato. Lo zio gli chiede di tagliarsi i capelli per il funerale, di crescere, di abbandonare le sue svagate idee artistiche. Lui si ritira con lei, lei lo stringe a sè, ed è questa scoperta d'amore che gli regala la voglia di non cambiare, che lo aiuta a sedimentare quell’infinito dolore che è la perdita di una madre. Girato in modo rigoroso e attento, il film si avvale di due interessanti giovani attori.


Here, Here

Non convince pienamente il pur interessante “Here, Here” di Joanne Cesario. Il film filippino ci mostra il ventiduenne Koi appena rientrato dal college che non ha concluso per un pesante problema all’udito. Sono giorni tremendi per sua madre e anche per lui: non si hanno notizie di suo padre disperso in un incidente in un tunnel d’estrazione. A fargli compagnia è una ragazza, si sono simpatici, e mentre lei gli racconta delle ferite nel suo corpo lui immagina le profonde ferite imposte dall'uomo alla natura, mentre sogna di perdersi in quella miniera in cui suo padre è prigioniero. La regia si compiace del suo dire e troppe cose restano in superficie, manca la misura del corto.


Zarde Khaldar

Misura che ben riempie Baran Sarmad nel suo “Zarde Khaldar” (Spotted Yellow). Il corto iraniano racconta di una ragazza segnata da una fastidiosa macchia gialla sul viso e del suo amore per le giraffe, un film pieno di tenerezza e malinconia, dolce come un tramonto che adombra la notte.


History Of Civilization

Non spaventi il titolo “History Of Civilization” quello di Zhannat Alshanova non è un film sulla storia dell’umanità, ma sulla casualità del nostro quotidiano essere. Il film kazako infatti ci mostra il gioco del destino nel volere di una insegnante dell’università di Almaty, decisa a trasferirsi a Londra, lasciando i suoi allievi per questa nuova personale avventura. Succede che questi la coinvolgano in una serata d’addio, in cui lei finalmente li vede come una giovane generazione, capace di futuro, e allora… talvolta si possono anche disfare i bagagli, la regia è di buona mano, attori e attrici bravi.

E il nuovo cinema ritrova la sala al Festival di Locarno.

Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Culture
Arte
44 min
Jawlensky-Werefkin ad Ascona: amore e arte, amore dell’arte
Due percorsi esistenziali e artistici ricchi e tormentati in mostra al Museo comunale d'arte moderna di Ascona da domenica 20 settembre al 10 gennaio 2021.
Culture
19 ore
Fellini e la letteratura al Boschetto Parco Ciani
Sabato 26 settembre, giornata per il centenario della nascita del grande regista organizzata dall'Istituto di studi italiani e dalla Città di Lugano.
Culture
19 ore
Forrest Gump è orfano: addio allo scrittore Winston Groom
Dall'iconico romanzo, sei premi Oscar. L'autore del personaggio reso immortale da Tom Hanks è morto in Alabama all'età di 77 anni.
Arte
23 ore
‘What’s New?’ e Josephsohn, al Masi si torna a vedere l’arte
Il nuovo allestimento della Collezione Olgiati e le sculture dell’artista svizzero Hans Josephsohn completano l'offerta del Museo d’arte della Svizzera italiana
Libri
1 gior
Le 'Incursioni nella contemporaneità' di Roberto Falconi
Edito da Salvioni, il volume abbraccia le recensioni 2014-2019. Lunedì 21 settembre al Liceo di Bellinzona, ospite Jean-Jacques Marchand
Scienze
1 gior
La Terra ha la febbre: è l'estate più calda mai registrata
Il periodo tra giugno e agosto 2020 ha superato le stagioni torride del 2019 e del 2016. Lo fanno notare i climatologi statunitensi
Musica
2 gior
Jimi Hendrix, a 50 anni dalla morte il mito sfida il futuro
L'ultima notte, e un mistero che resta aperto. La tecnica mostruosa, i contratti capestro e l'avvicinamento al jazz. In quattro anni rivoluzionò la musica.
Cinema
2 gior
Jiří Menzel: per fare un film serve un 'cane bianco che abbaia'
Un ricordo del 'regista cecoslovacco della Nová Vlná', scomparso nella sua Praga. Il vuoto incolmabile di un autore onesto nel suo dire Cinema.
Spettacoli
2 gior
Emigrazione e radici: 'Trilogia di Belgrado' al Teatro Foce
Venerdì 18 e sabato 19 settembre, il testo di Biljana Srbljanovic nella versione del Centro Artistico Mat, con la regia di Mirko D'Urso.
Società
2 gior
Harry compie gli anni, ma la famiglia reale 'cancella' Meghan
Il messaggio della regina, diffuso dall'account di Buckingham Palace, mostra il solo principe in primo piano mentre sorride alla nonna Elisabetta II.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile