laRegione
non-devi-dimenticare-e-non-ti-dimenticheremo-maestro-morricone
Al pianoforte (Keystone)
Culture
06.07.20 - 19:190

Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone

È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.

La sua ultima composizione, 'Tante pietre a ricordare', sarà eseguita postuma a Genova per ricordare le vittime del crollo del ponte sull’autostrada. Lui Ennio Morricone, nato a Roma il 10 novembre 1928, è morto per le conseguenze di una caduta a casa nella notte tra il cinque e il sei di questo luglio. L’intero mondo del cinema e della cultura affranto si è speso nel ricordarlo, la gente, il suo pubblico ha pianto, ricordando le tante emozioni vissute ascoltando le sue musiche, spesso sopravvissute ai film di cui erano colonna sonora. Ben 520 ne conta IMDB da 'Morte di un amico' di Franco Rossi in cui risulta “uncredit” a 'The Canterville Ghost' di Kim Burdon ancora in Pre-production, contando 'La signora delle camelie' (1915) di Gustavo Serena, con Francesca Bertini cui ridiede il suono con le sue musiche nel 1992. Sempre IMDB ci ricorda altri 344 titoli in cui è stata usata anche la sua musica. Così, se anche vinse l’Oscar per il Quentin Tarantino di 'The Hateful Eight' (2015), lo stesso Tarantino usò sue musiche in 'Kill Bill' 1 e 2 e in 'Once Upon a Time... in Hollywood'. E le sue musiche sono servite anche ai Simpson!

Don Savio e l'avanguardia musicale

Chissà se pensava a tutto questo, agli Oscar e ai tanti Premi e Onorificenze, quando si procurava da  vivere come arrangiatore per il teatro di varietà e studiava tromba al conservatorio, diplomandosi nel 1946, con Umberto Semproni. O quando nel 1954, già compositore di musiche per teatro e arrangiatore per una serie di trasmissioni per la radio, si diplomava in Composizione con Goffredo Petrassi. Il primo, Semproni, era buon session man nelle jazz band romane, l’altro, grande compositore; entrambi segneranno il suo destino. O quando componeva brani come i suoi 'Quattro pezzi per chitarra' nel 1957 o la 'Serenata passacaglia per archi' l’anno dopo. Certo ripercorrendo la sua carriera si scopre dapprima il musicista impegnato e con il cinema come sostegno economico; Morricone passa infatti dai film di Luciano Salce a 'I basilischi' di Lina Wertmuller (1963), dalle commediacce di Castellano e Pipolo a farsi chiamare Don Savio per l’amico e compagno di scuola Sergio Leone con cui incomincia la via del successo con 'Per un pugno di dollari'. Ma ancora nel 1965 entra a far parte del Gruppo d’Improvvisazione Nuova Consonanza, perché non può rinunciare alla musica 'seria', all’avanguardia musicale che lo impegnerà per tutta la vita.

Segni d'umiltà

Nel 1975, già compositore per il cinema notissimo con le sue colonne sonore che sono prime nelle classifiche di vendita, oltre ai western di Leone e di altri, ha al suo attivo 'Uccellacci e Uccellini', 'Teorema' e 'Orgia' di Pasolini, 'La Battaglia di Algeri' e 'Queimada' di Pontecorvo, 'La Cina è vicina' di Bellocchio, 'I cannoni di San Sebastian' di Verneuil, il 'Galileo' della Cavani, 'Metti, una sera a cena' di Patroni Griffi, 'Sacco e Vanzetti' di Montaldo e un altro centinaio di titoli che lo confermano il miglior compositore italiano. Ebbene, in quel 1975 firma tra una decina di film 'Libera, amore mio!' di Bolognini, suona la tromba in uno straordinario disco di Luis Bacalov 'Desbandes' con Gato Barbieri solista e lui ordinatamente in un’orchestra con Dino Asciolla alla viola e Gianfranco Plenizio al piano. È un segno della sua umiltà, del suo rispetto verso la musica, del suo essere profondamente e onestamente musicista. Una scelta che lo porterà a scrivere un’opera lirica, 'Partenope' (1996), quattro concerti e altra musica per orchestra e solisti, e musica vocale con orchestra, tra cui una 'Via Crucis' e tanta musica da camera.

Il dolore e la bellezza del vivere

E anche canzonette, perché quella che è sempre stata una sua caratteristica è un sano umorismo di stampo illuminista. Ed ecco allora 'Pel di carota' per Rita Pavone, 'Se telefonando' per Mina, 'Here's to you' per Joan Baez (1962), 'Quello che conta' per Luigi Tenco e tante altre. E insieme a tanti altri film, per tv e documentari, per aiutare giovani autori, per confermare cammini radiosi, scrive anche 'Non devi dimenticare', per protestare contro il silenzio sulla strage del 2 agosto del 1980 a Bologna. Per questo è importante ricordarlo per il suo impegno verso il mondo, per non far dimenticare la Shoah, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Per questo nel suo ultimo scritto ha raccontato il dolore di spezzare con la sua morte un cammino d’amore con l’amata moglie. Se avesse potuto, avrebbe suonato il 'Silenzio' sulla propria tomba, con la sua amata tromba.

TOP NEWS Culture
Culture
9 ore
Scopriamo #Locarno2020 con Lili Hinstin
La direttrice artistica ci racconta questa insolita edizione, senza piazza e concorso ma con lo spirito del festival
Società
17 ore
Smile: sui social tutti con la mascherina
Nuova campagna di sensibilizzazione lanciata dall'Organizzazione mondiale della sanità.
Spettacoli
19 ore
Via alla quinta stagione della Casa di carta: sarà l'ultima?
Netflix annuncia con un tweet le riprese della serie televisiva spagnolo che ha avuto un successo straordinario.
Società
20 ore
Vuoi comprare un'isola? Servono 'solo' 10 milioni
Gallinara, oggi riserva naturale al largo fra le cittadine di Alassio e Albenga, nel Mar ligure, venduta a un magnate ucraino.
Culture
1 gior
Endorfine Festival a settembre: si comincia con Burioni
Il virologo italiano aprirà la 2ª edizione, ridisegnata nel programma e negli spazi. Spicca anche l'incontro tra Adriana Faranda (ex Br) e la figlia di Aldo Moro.
Società
2 gior
Fenomeno influencer a 80 anni indossando... abiti smarriti
Una coppia di Taiwan, titolare di una lavanderia, spopola nel web raggiungendo i 600mila follower.
Spettacoli
3 gior
Cinema, Venezia in cerca di un'identità possibile
Mancano i divi e le dive internazionali e Venezia con una trentina di film italiani riempie i tappeti rossi di protagonisti locali. A qualcuno basterà.
Musica
3 gior
'Bon Bones meets Twobones': è jazz nippo-ticinese
Sabato 8 agosto a Losone, sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo, l'oriente si fonde con la Svizzera in uno scambio musicale tra estremi del globo.
Arte
3 gior
Siamo tutti curatori: la Kunsthalle di Zurigo riapre. A tutti
Una mostra senza opere d’arte, ma con idee per altre possibili mostre, un’esposizione dentro l’esposizione ci spiega la curatrice Seline Fülscher
L'intervista
3 gior
La cura Cristicchi
Durante il lockdown ha scritto due poesie e un album intero. A colloquio con il cantautore, domenica 2 agosto al LongLake Festival Lugano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile