laRegione
11.06.20 - 19:00
Aggiornamento: 20:54

Locarno Festival, le porte di Open Doors si aprono online

Intervista a Sophie Bourdon, responsabile del progetto che da diciotto anni va alla scoperta delle cinematografie emergenti

di Ivo Silvestro
locarno-festival-le-porte-di-open-doors-si-aprono-online

Anche Open Doors, la sezione del Festival di Locarno che da diciotto anni va alla scoperta delle cinematografie emergenti, sarà online in questo strano 2020, all’interno della nuova iniziativa “For the Future of Films” che quest’anno prenderà il posto del tradizionale festival estivo.

I punti fermi di Open Doors rimangono comunque gli stessi: focus su una regione – il Sud-est asiatico, con 8 progetti e 9 produttori provenienti da Laos, Cambogia, Thailandia, Vietnam, Myanmar, Indonesia, Malesia, Filippine e Mongolia –, l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di una scena cinematografica collaborativa indipendente e due diversi contenitori, lo Hub (piattaforma per la coproduzione internazionale) e il Lab (training per produttori creativi), e alcuni film dai Paesi focus accessibili a tutto il pubblico nei giorni del festival, dal 5 al 15 agosto.

Un’edizione online rappresenta «un cambiamento molto importante, che presenta molte sfide» ci spiega Sophie Bourdon, responsabile Open Doors nonché viceresponsabile di Locarno Pro. «Solitamente accogliamo le delegazioni di Open Doors con i vari registi e produttori che arrivano a Locarno nel contesto del Festival… adesso dovremo trasmettere online le specificità del nostro festival, il nostro “tocco” particolare, la nostra identità, anche senza l’atmosfera di Locarno, senza le proiezioni in Piazza Grande…».

Insomma, mantenere anche online lo spirito di Locarno.

Dobbiamo restare un festival libero, responsabile, aperto sul mondo: Open Doors vive soprattutto sull’incontro, sullo scambio culturale. Ma penso avremo anche delle opportunità: se a livello di pubblico il periodo estivo è ideale, a livello professionale a volte non è facile per i professionisti venire a Locarno durante le vacanze, senza dimenticare le distanze geografiche. Online potremmo pensare di coinvolgere un pubblico più ampio, persone che hanno sentito parlare del Festival di Locarno ma che non sono mai venute perché il periodo non andava bene o perché il viaggio era troppo lungo.

Penso che quest’anno potremmo far scoprire ad ancora più persone la ricchezza del Festival di Locarno e di Open Doors.

L’online può essere positivo.

Sì. È un cambiamento: l’esperienza di un film in sala e online non sarà mai la stessa, ma penso che sia importante approfittare il più possibile della situazione. A seconda di come andrà, in avvenire potremmo avere, per i professionisti, un’edizione ibrida con un’edizione fisica, con l’incontro con registi e produttori, e per chi non può essere presente una versione online.

In Europa e in Nordamerica il mondo del cinema, dalle sale ai set, si è fermato a causa della pandemia. È avvenuto anche nei Paesi che Open Doors segue?

L’Asia conosce regolarmente delle crisi sanitarie, dei virus che si diffondono e questo è stato, se vogliamo, un vantaggio: la popolazione è già pronta a cambiare abitudini, a “funzionare diversamente” a livello individuale e collettivo. Non voglio dire che sia meno dura, anche perché si tratta di Paesi la cui economia si basa in buona parte sul turismo, ma la crisi ha forse colpito meno a livello psicologico, ha sconvolto meno le persone.

Nella regione di cui parliamo, il Sud-est asiatico, ci sono grandi differenze tra un Paese e l’altro, nelle strutture sanitarie e nella disponibilità finanziaria. Ma sono Paesi con un’energia notevole, una popolazione molto giovane: per molte persone sarà difficile andare avanti, ma credo ci siano le risorse per reagire.

Pensando al cinema, un’importanza differenza rispetto all’Europa è che nella maggior parte dei casi il cinema non è sostenuto, o lo è in minima parte, dalle autorità nazionali: il finanziamento pubblico non è determinante come da noi e lo stesso vale per le misure di aiuto previste per questa crisi sanitaria, il che rende la situazione ancora più complicata che da noi. Il fatto che non si sia annullata l’edizione di quest’anno di Open Doors è un segnale importante, un sostegno per il cinema di questi Paesi.

Tra i progetti selezionati quest’anno, anche un film d’animazione, opera del regista filippino Avid Liongoren. Queste produzioni sono in genere onerose: si tratta di un segno di crescita?

Sì, per Open Doors selezionare un film d’animazione è una prima. Ma non è nostra intenzione partire in questa direzione, perché come detto si tratta di film particolari per le competenze richieste, per i costi e i tempi di realizzazione – e ci sono già festival e altre iniziative dedicate all’animazione.

Abbiamo scelto questo film per come affronta un tema ancora tabù come l’omosessualità e a noi interessa mostrare la ricchezza creativa di un Paese dove c’è il potenziale non solo per documentari o film drammatici, ma anche per delle buone commedie o, come è il caso, per film d’animazione.

Open Doors ha lo scopo di scorprire cinematografie emergenti. Eppure non mancano registi con lavori selezionati da importanti festival internazionali: possibile che anche per loro ci sia ancora ‘bisogno’ di Open Doors?

È il mercato cinematografico che funziona così. È vero che il digitale ha semplificato alcuni aspetti, creato nuove possibilità e abbattuto alcuni costi, ma realizzare un film resta caro e come già detto in molto casi non ci sono fondi pubblici o sono molto bassi. E ogni progetto è un discorso a sé: non è perché il film porta la firma di qualcuno di conosciuto che la gente dà soldi senza sapere di cosa si tratta, chi ci lavora. E questo è vero non solo per i Paesi del sud del mondo, ma anche per l’Europa.

Come Open Doors inoltre puntiamo molto sullo scambio culturale, sull’incontro di altre tradizioni

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Sogno o son Festival
8 min
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
2 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
18 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sanremo
20 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
20 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
21 ore
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
22 ore
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
23 ore
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)
Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
© Regiopress, All rights reserved