laRegione
Ognuno a casa sua
18.04.20 - 13:00
Aggiornamento: 13:18

Leo Pusterla e Terry Blue, Londra può attendere

La quarantena del cantautore. I risvolti negativi, un mini-tour britannico saltato, e quelli positivi: 'Esercizio e registrazione'. In mezzo, buone letture.

leo-pusterla-e-terry-blue-londra-puo-attendere
Home recording

Virtualmente di casa in casa per farci gli affari degli altri. Ma solo musicalmente ('Ognuno a casa sua', settima puntata)

Pronto, a nome e per conto del Collettivo Terry Blue, a fare le valigie per Londra atteso da un mini-tour di concerti tra pub e music hall, Leo Pusterla è un altro di quelli costretti ad arrestare il suo treno in corsa. «La scelta é stata presa poco prima della pioggia di decreti ma, in quanto musicista e forse e soprattutto in quanto futuro, speriamo, infermiere, mi sono e sono stato convinto dalle persone a me vicine del fatto che la responsabilità individuale in un momento così particolare debba venire prima di tutto, anche prima delle occasioni che ci sembrano ‘irrinunciabili’. Tutti, anche se purtroppo sappiamo non essere del tutto vero, stanno sacrificando qualcosa in questo periodo e credo sia fondamentale».

La quarantena dei Terry Blue ha comunque risvolti positivi. «Non essendo al momento sufficientemente formato per dar man forte ai colleghi, dei quali vorrei sottolineare la fondamentale importanza, infermieri, medici, assistenti di cura e via dicendo, sto lavorando assiduamente alla stesura del nostro album. Da quando stare a casa é diventato un dovere, approfitto di questo tempo per concentrarmi sull’esercizio e sulla registrazione». Il tempo trascorre anche leggendo «Seamus Heaney, ‘Traversare l'inverno’, un regalo di mio padre», ascoltando «l’ultimo EP di Tatum Rush, o per l’ennesima volta i dischi dei miei artisti preferiti». 

«Vedo molti live-streaming e molti messaggi di coraggio e sostegno comunitario, cosa di cui sono davvero felice. Ho vinto una certa disabitudine alla cosa e ho le mie ‘Covid Session’», che Pusterla definisce «molto casalinghe e alla buona». Così come è bello che siano. Session che sono anche l’occasione per conoscere Eleonora Gioveni, nuova costola di Terry Blue (Continua...).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
4 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
7 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
13 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
14 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved