laRegione
Fotografia
08.09.22 - 21:38

I nonni raccontano le storie. La storia di tutti

Da sabato 10 settembre, nel nucleo di Arogno si potrà visitare la mostra ’Na vita intréga, che dà valore alla memoria del passato

i-nonni-raccontano-le-storie-la-storia-di-tutti
© Flavia Leuenberger Ceppi
Poulette

"La mía víta l’è stáia inscí: cambiaréss pòch o nagótt dal tütt". "Ma piaséva mía la scöla, mi séva cuntént da laurá". "Vöia da fann e un zicch d’alégría: l’è inscí che summ náia innánz". "Ma saréss piasüü stüdiá, ma ghéva mía da danée". "Cugnuséva nagótt d’áltru e alóra cára grázia véss cuntént da quéll ché ghéva". I nonni sono custodi di una lingua – che ha tutta una sua componente sociale ed è a perciò ricettacolo di usanze, mestieri, oggetti antichi (lo dice molto meglio Luigi Meneghello in Maredè, maredè) – e di una storia, fatta soprattutto di fatica e lavoro. Un bagaglio che rischia di andare perso, se non fosse per l’atto di resistenza di coloro che con iniziative di vario tipo provano a salvaguardarle. L’ho presa larga, ma il discorso sulla memoria è il nocciolo di ’Na vita intréga. Ritratti di arognesi; titolo della mostra allestita sulle facciate del nucleo del comune della Val Mara con le fotografie di Flavia Leuenberger Ceppi. La fotografa è stata coinvolta nel progetto della Commissione culturale del Municipio, che ha lo scopo di aggiungere nuovi contributi all’Archivio della Memoria (iniziato una decina di anni fa). «Un’iniziativa culturale e anche uno strumento per salvaguardare la nostra storia attraverso la raccolta di testimonianze orali, fotografie e documenti», ha chiarito Daniela Jeanmaire, membro della commissione.

L’esposizione, sbrighiamo le informazioni di servizio, sarà inaugurata sabato 10 settembre, al richiamo di «becchiamoci» alle 15 in Piàza Valécc (il riferimento è al becco dello stemma comunale) e sarà visitabile per circa un mese, fino al 9 ottobre prossimo.

‘Un zicchinín da stória’

«Il progetto fotografico è stato avviato circa due anni fa, poi però è stato rallentato dalla pandemia. Il lavoro si è fatto un po’ critico, perché gli anziani erano fra le categorie a rischio, quindi gli incontri per lungo tempo non sono stati possibili per le restrizioni», ha raccontato Flavia. Prima della realizzazione vera e propria, la Commissione culturale si è impegnata a prendere contatto con gli anziani nati prima del Quaranta (compreso) del secolo passato per spiegare il concetto del progetto e chiedere quindi adesione. «Le persone che ho conosciuto avevano voglia di aprirsi, avevano piacere nell’incontro», ha ricordato la fotografa. Insieme ai ritratti, il progetto prevede la raccolta di interviste, materiale prezioso per (ri)costituire la memoria di paese. «Non si tratta né di nostalgia né di celebrazione – ha subito messo in chiaro Daniela –. L’obiettivo è dare valore a ogni storia rispettando l’individualità, raccogliendo nel tempo le testimonianze, che andranno ad arricchire ulteriormente l’Archivio della Memoria. L’idea dei ritratti invece è piuttosto recente». All’inizio, s’era pensato di procedere sistematicamente: «Le foto sarebbero state scattate "a-catena-di-montaggio" in un set fotografico, uguale per tutti». Qui subentra il coronavirus che ha imposto un altro piano d’azione secondo cui ogni partecipante ha proposto il luogo in cui desiderava essere fotografato: «Spesso è avvenuto nelle case, nei giardini, nei loro luoghi familiari», le ha fatto eco Flavia. Un valore aggiunto che ha dato naturalezza e spontaneità.

Guardando oltre la mostra, si stanno progressivamente raccogliendo le interviste che, oltre a fornire materiali preziosi per la pubblicazione, verranno caricate nell’Archivio della Memoria. «Se per le foto non c’è un tema specifico, il contenuto dei colloqui verte su scuola e mestiere», ha quindi proseguito Daniela. A questa parte del progetto hanno partecipato anche gli ottuagenari che non hanno voluto farsi fotografare. In futuro, fotografie e narrazioni tratte dalle interviste saranno pubblicate in un volume, che corrisponde alla seconda fase dell’iniziativa. «Queste storie permetteranno di ricostruire l’epoca del conflitto e del dopoguerra». L’idea di base è contestualizzarle nel filo della storia con la maiuscola.

Poulette e gli altri

Fino agli ultimi decenni dell’Ottocento, si legge sul sito comunale, gli arognesi portarono avanti un’economia di sussistenza, che faceva sì che la comunità fosse autosufficiente. Arriva poi parte dell’industria orologiera e molte famiglie si specializzarono in quel campo. La doppia economia, agropastorale e industriale, determinò i rapporti sociali, politici, economici e transfrontalieri del paese. Oggi, Arogno conta mille anime, di queste quasi un’ottantina sono nate dal 1940 andando a ritroso, e quarantasei di loro hanno acconsentito ad aprire le loro case e farsi fotografare. Il formato è quadrato, «per ciascuno ho utilizzato una pellicola con dodici scatti a colori», ha specificato la fotografa. Gli anziani sono o un po’ schivi o sulle prime un po’ diffidenti, «per entrare in contatto, abbiamo infatti usato un approccio delicato. Dopo che la Commissione ha presentato loro il progetto e la mia figura, mi sono fatta avanti. Una volta fissati gli appuntamenti, sono iniziate le visite a casa. Avevano voglia di aprirsi» e l’assenza di un tema specifico ha dato grande libertà: «Le persone non si sono sentite nella condizione di dover mostrare qualcosa in particolare, mettersi in posa. Fare ritratti per me è sempre molto stimolante, soprattutto tornare a farli dopo il confinamento», ha confessato Flavia, che vive ad Arogno da tre anni.

L’occhio

Nata a metà anni Ottanta, Flavia, dopo la formazione allo Csia, ha lavorato per alcuni anni nel laboratorio di Adriano Heitmann, dopodiché si è lanciata nella professione come indipendente, viaggiando anche molto. L’avevo intervistata nel 2015 e come allora porta avanti i progetti commissionatile e quelli personali; come allora il suo interesse è raccontare, in punta di piedi, le persone attraverso ritratti a colori, andando alla ricerca dell’essenza (quasi una rivelazione della luce). Un lavoro portato avanti negli anni continuando a sperimentare con la fotografia analogica maneggiando una Rolleiflex, apparecchio utilizzato anche per questo progetto, il cui intento – nella sua interezza – è documentare, custodire e valorizzare il patrimonio storico intangibile, come lo sono le storie e le vicende narrate oralmente da chi ha vissuto finora otto decadi, attraversando i grandi cambiamenti sociali e non solo. Un atto doveroso e bello nei confronti della memoria individuale, ma soprattutto collettiva.

Dimenticavo, le citazioni in dialetto in attacco sono estrapolate dalle testimonianze raccolte dagli anziani arognesi che hanno preso parte all’iniziativa.

www.arogno.ch e www.flavia-leuenberger.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
La recensione
9 ore
Vivian, Edward e Pretty Bryan
Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
13 ore
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
22 ore
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
1 gior
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
2 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
2 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
2 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
2 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
3 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
3 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
© Regiopress, All rights reserved