laRegione
29.06.22 - 18:57

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia

Ansa, a cura di Clara Storti
e-morto-sam-gilliam-famoso-per-le-sue-tele-drappeggiate
Keystone
Una visitatrice scopre l’opera senza titolo di Sam Gilliam esposta ad Art Basel nel 2018

Sam Gilliam era diventato famoso per i suoi "drapes", tele drappeggiate appese al soffitto e alle pareti, ma anche per essere stato il primo artista afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia, nel 1972. Il pittore è morto sabato a Washington, all’età di 88 anni. Il decesso dell’artista nato a Tupelo – in Mississippi – nel 1933 è stato annunciato oggi dalle gallerie che lo rappresentavano, la Pace di New York e la David Kordansky di Los Angeles. Non molti anni fa, l’artista aveva anche partecipato ad Art Basel, era il 2018.

Gilliam è stato doppiamente un’anomalia, come ha ricordato il ‘New York Times’. Come artista afroamericano è stato per lungo tempo ignorato ai vertici del mondo dell’arte, che ne ha riconosciuto la figura solo tardivamente, sebbene l’incarico alla Biennale veneta risalga al 1972. È stato inoltre un devoto dell’astrattismo, creando opere che non contenevano messaggi apertamente politici, a differenza degli altri artisti di origini africane del suo tempo.

Con le sue opere drappeggiate e coloratissime, fin dagli anni Sessanta e Settanta aveva liberato le tele dalla geometrica linearità del telaio, influenzando artisti di successive generazioni tra cui David Hammons, Jessica Stockholder e Rashid Johnson.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Ticino7
8 min
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
11 ore
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
14 ore
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
22 ore
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
1 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
1 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
© Regiopress, All rights reserved