laRegione
02.06.22 - 08:25
Aggiornamento: 16:40

Jean Arp, ‘Sono nato in una nuvola’

Per lo scultore, pittore e poeta, fu tema centrale e non più sfondo. La mostra è aperta a Locarno-Solduno fino al 30 ottobre 2022

jean-arp-sono-nato-in-una-nuvola
Anche metafore della vita

È aperta sino al 30 ottobre 2022 presso lo spazio espositivo della Fondazione Marguerite Arp a Locarno-Solduno la mostra ‘Sono nato in una nuvola - Jean Arp’, a cura di Simona Martinoli. Proprio così – "Sono nato in una nuvola" – scriveva Arp nella poesia ‘Strassburgkonfiguration’ (Configurazione strasburghese, 1932), uno dei suoi numerosi testi dedicati al tema della nuvola, che per l’artista (come anche per Magritte od Oppenheim) è tema centrale, entità in divenire continuo, non più mero sfondo alla pittura di paesaggio. Dalla poesia (tra le sue raccolte più celebri ‘Die Wolkenpumpe’, La pompa delle nuvole, 1920) alle opere d’arte, la nuvola è oggetto di sculture, rilievi e stampe intitolati ‘Coupe de nuage’, ‘Tranches de nuage’ o ‘Palette de nuages’.

Una sezione della mostra è riservata alla nuvola come metafora della vita, quella di Arp stesso segnata dalla presenza delle due mogli, Sophie Taeuber-Arp e Marguerite Arp-Hagenbach. Nell’anno in cui si commemorano i 100 anni dal matrimonio tra Jean e Sophie e i 120 anni dalla nascita della creatrice della Fondazione, l’unione tra omaggi reciproci rivela il profondo legame tra personalità che hanno segnato la storia dell’arte e del collezionismo del XX secolo. In mostra vi sono opere di Jean Arp, Sophie Taeuber-Arp, ma anche di Alexander Calder, Marcel Jean, Frederick Kiesler, Hans Richter.

Durante la stagione espositiva, un’installazione artistica ideata da Nicola Colombo e Monica Sciarini di Studio Nephos, autori di simili installazioni a livello internazionale, è posta nella parte terrazzata del giardino, un appezzamento che sale verso i monti Brè e Cardada. Nuvole di nebbia naturale costituiscono la scenografica coulisse e il fil rouge degli eventi di questo anno speciale. Se nella sala espositiva il movimento delle nuvole è catturato in opere d’arte e testi poetici, all’esterno è privilegiato l’effimero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
14 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
21 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved