laRegione
06.03.22 - 21:55

Il raccolto di Rolando Raggenbass al Museo d’arte di Ascona

Quaranta opere ripercorro tutte le fasi del percorso creativo dell’artista ticinese, dagli anni Ottanta alla morte avvenuta nel 2005

il-raccolto-di-rolando-raggenbass-al-museo-d-arte-di-ascona
Senza titolo, 1982

Un omaggio all’artista ticinese Rolando Raggenbass, ripercorrendo attraverso quaranta opere tutte le fasi del percorso creativo dell’artista nato a Balerna nel 1950, dagli anni Ottanta al primo quinquennio del Duemila: l’esposizione, curata da Mara Folini, è in corso al Museo comunale d’arte moderna di Ascona fino al 15 maggio

"L’artista filosofo che si percepiva come un raccolto" recita il titolo completo della mostra: Raggenbass si era diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 1979 con una tesi su Paul Ricoeur e seguendo parallelamente i corsi di filosofia di Fulvio Papi all’Università di Pavia e la sua arte, scrive Mara Folini, è figlia "di quella condizione postmoderna straniata e straniante, nata dal disincanto dalle grandi ideologie moderniste (illuminismo, idealismo, marxismo, positivismo) e dalla cultura di massa che, sulle ceneri della drammatica crisi economica, politica e sociale degli anni Settanta avevano mostrato quanto l’ottimismo verso il futuro, la fiducia nel progresso delle avanguardie e i suoi valori". Questo si percepisce già nell’opera che apre il percorso espositivo: un Senza titolo edl 1982 in cui Raggenbass riprende la figura del funambolo come metafora dell’artista contemporaneo che vive con smarrimento le conseguenze della civiltà dei consumi. Negli anni Novanta l’artista si muove poi vero la quasi totale assenza di figurazione, con superfici astratte sempre meno frammentate salvo poi tornare nel tessuto vivo della corporeità per concludere, all’inizio degli anni Duemila, con la materia aggrumata deli ‘Elfimilza’, sculture "ambientali" dell’ultima produzione di Raggenbass.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
16 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
23 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
2 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
2 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved