laRegione
04.11.21 - 20:27

A grande richiesta riecco i nuovi-vecchi Abba

A 40 anni dalla separazione il gruppo svedese pubblica domani l’album ‘Voyage’ con dieci brani inediti tra vintage e spolverate di modernità

Ats, a cura de laRegione
a-grande-richiesta-riecco-i-nuovi-vecchi-abba
Oggi, 40 anni dopo

La leggendaria band svedese degli Abba, con all’attivo 400 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e successi senza tempo come Mamma Mia e il singolo di debutto Waterloo, giusto per citarne qualcuno, pubblica domani Voyage. Ci sono voluti 40 anni per farli tornare. Una pausa iniziata nel 1982 che ora sta per concludersi con l’uscita di un nuovo disco d’inediti. Un viaggio vero e proprio nella loro storia, con atmosfere vintage anni Settanta e una spolverata di modernità. Agnetha, Björn, Benny e Anni-Frid riprendono da dove si erano lasciati: nel disco tornano gli Abba che furono e che probabilmente i fan si aspettano, tanto che all’annuncio del nuovo album, con 80 mila pre-order in Gran Bretagna in tre giorni è stato infranto il record per un disco di Universal. Nelle dieci tracce echi di brani come Dancing Queen e S.O.S., come se il tempo si fosse fermato, tra ballad più intime (come I can be that woman) e brani più energici e ballabili. Non manca un pezzo dall’atmosfera natalizia come Little Things, che promette di fare concorrenza ai classici di dicembre.

E poi arriva il concertone tecnologico

Voyage è il primo album in studio degli Abba da The Visitors, uscito il 30 novembre 1981 (e arriva anche circa 50 anni dopo l’album di debutto Ring Ring, del 1973). Come tutti i dischi precedenti, anche Voyage è stato scritto e prodotto da Benny Andersson e Björn Ulvaeus, con le voci senza tempo di Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad. «È passato un po’ di tempo da quando abbiamo fatto musica insieme. Ci siamo presi una pausa dalla primavera del 1982 e ora abbiamo deciso di terminarla – racconta la band –. Dicono sia avventato aspettare più di 40 anni tra un album e l’altro quindi abbiamo registrato un seguito di The Visitors. Lo abbiamo intitolato Voyage perché è stato un viaggio in territori inesplorati». E poi aggiunge: «A dire il vero, l’ispirazione principale per tornare di nuovo in studio di registrazione viene dal nostro coinvolgimento nella creazione del concerto più strano e spettacolare che sia mai stato possibile immaginare». Il 27 maggio, infatti, prende il via Abba Voyage, il tecnologico concerto che vedrà le versioni digitali degli artisti cantare le loro hit con una band reale di dieci elementi in un’arena costruita appositamente, la Abba Arena, presso il Queen Elizabeth Olympic Park a Londra (nei primi tre giorni sono stati venduti oltre 250mila biglietti). «Saremo in grado di sederci tra il pubblico e guardare le nostre controparti digitali eseguire le nostre canzoni. Strano e meraviglioso allo stesso tempo!».

Una lunga assenza piena di successi

L’amore per gli Abba non è mai stato scalfito, nonostante la loro lunga assenza dalle scene e la loro separazione. Abba Gold, uscito nel 1992, ha recentemente superato la millesima settimana sul UK Album Chart, diventando il primo album della storia a raggiungere questo traguardo. Su TikTok, i contenuti con l’hashtag #ABBA hanno da poco raggiunto un miliardo di visualizzazioni, senza che il catalogo fosse ufficialmente accessibile sulla piattaforma. Nel 2010 gli Abba sono stati inseriti nella Rock N’Roll Hall of Fame e nel 2015 “Dancing Queen”, una delle loro canzoni più amate, è stata aggiunta alla Grammy Hall of Fame. Negli anni sono state molteplici le iniziative che li hanno omaggiati. L’ultimo ieri, nella loro Svezia, a Uppsala, funestato però dalla morte di due persone, quando un uomo è precipitato dal settimo piano su uno spazio aperto di una sala da concerto dove era in programma il concerto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
RICERCA SOCIALE
6 ore
Quella violenza che non guardiamo
Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Culture
22 ore
Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura
L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Distopie
23 ore
Mi chiamo Montag, brucio libri
Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
Scienze
1 gior
Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless
Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
2 gior
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
2 gior
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
2 gior
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
2 gior
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
2 gior
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
2 gior
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
© Regiopress, All rights reserved