laRegione
quando-poesia-e-arte-si-incrociano-e-lasciano-un-segno
Arte
06.07.20 - 06:200

Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno

Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei

Hanno ancora il profumo dell’inchiostro calcografico gli ultimi tre ‘quaderni’ per bibliofili pubblicati dalle Edizioni Hic et Nunc: un lavoro raffinatissimo in cui due esperienze di vita con due comuni passioni – poesia e arte – si incrociano e lasciano un segno del loro incontro. Ne è ideatore e curatore l’artista Samuele Gabai che giunge con questa alla sua terza edizione di “Quaderni in Ottavo”: ognuna delle quali è composta da tre eleganti libretti in cui, alle incisioni dello stesso Gabai, si alternano tre o quattro testi inediti di poeti contemporanei: con uno sguardo che si allarga dal Ticino alla vicina Italia, e che alle voci maschili ne accosta di femminili: da Anna Ruchat ad Antonio Rossi, da Franca Grisoni ad Alberto Nessi, da Antonella Anedda a Fabio Pusterla, Enrico Testa, Marco Ceriani e Sergio Givone.

Come nasce questa raccolta?

È un portato dell’attività incisoria ed è incominciata nel 1975 con ʻStabat Materʼ. Prima che iniziassi questa serie ho pubblicato edizioni bibliofile varie e libri d’arte con testi poetici. Con Antonio Rossi, nel 1989 realizzai il mio primo libretto calcografico, ʻGlyphéʼ; seguito poi da altri con testi di poeti quali Gilberto Isella, Giovanni Testori con ʻSegno della gloriaʼ, Leopoldo Lonati, Silvana Lattmann, Sergio Givone con ʻQualchecos’altroʼ, Mario Luzi, Dieter Schlesak e Alessandro Rivali.

Come sceglie i poeti?

Ho sempre amato leggere poesie, ho anche una discreta raccolta di testi poetici. Quanto agli autori c’è per me quasi sempre un rapporto umano, empatico, legato anche al loro interesse per l’arte visiva e il mio per le loro poesie. Per esempio, di Franca Grisoni avevo letto ʻCrus D’Amurʼ, scritto sull’opera dell’amato pittore Romanino; Antonella Anedda, apprezzata per l’opera poetica sua, mi è poi risultata anche laureata in storia dell’arte. I poeti sono assolutamente liberi di scegliere i loro testi inediti, anche indipendentemente dai miei lavori; da una parte le mie incisioni, dall’altra le loro poesie. Ed è per questo che ogni quaderno è sempre firmato dai due autori.

Perché l’incisione?

Viene da lontano. Risale al tempo dell’Accademia, a Brera (1969/73). È sempre stata una tecnica che mi “confaceva”, non certo per la “moltiplicazione dell’immagine” che questa tecnica permette, ma per la qualità del segno grafico, unico in sé, materico, un micro bassorilievo; qui il segno esce davvero dalla carta e può avere una forza tutta sua.

C’è un rapporto tra testi poetici ed incisioni?

Le immagini non sono illustrazioni per le poesie, sono precedenti ad esse, a volte anche di molto tempo. Credo sia un aspetto molto importante perché l’atonomia tra i due linguaggi, esclude l’intenzionalità di un “progetto-oggetto”; in questo caso il “Quaderno in Ottavo” è un’opera d’arte sinestetica - termine un po’abusato ma efficace - fatta di poesia e immagine. Naturalmente le immagini vanno viste e le poesie lette, è impossibile spiegare il sentire. Per esempio, Enrico Testa quando venne in studio si disse interessato alle mie ʻMater Matutaeʼ. Quando mi mandò le sue poesie impiegai un attimo a scorgere la sotterranea relazione con il mio immaginario, che poi mi si palesò attualissimo. Il nome di Davi Kopenawa, sciamano, poeta e cuore dell’ Amazzonia, accostato alle mie ʻGrandi Madriʼ è attuale, pensando al dramma brasiliano. Per ʻRuneʼ l’immagine della ʻCrapaʼ (un mio titolo ricorrente che sta per capo, cranio) del ‘99 corrisponde al senso della poesia: siamo tutti unici e irripetibili, anche se sommersi.

Un’edizione per bibliofili, impressa su carta in puro cotone, in trentacinque esemplari numerati di cui solo venti disponibili,oggi ha ancora senso?

La composizione del testo in carattere Garamond e la stampa tipografica sono di Rodolfo Campi. L’indispensabile Giuseppe De Giacomi ha stampato le immagini in calcografia, le copertine in serigrafia e curato la confezione presso la stamperia Hùrdega di Locarno. Ogni quaderno contiene quattro acqueforti. Oltre alla poetica e al concetto, c’è un gran lavoro artigianale, come ai tempi di Gutenberg. Sono rimasti in pochissimi professionisti a poter esercitare la stampa a caratteri mobili. Un tempo la bibliofilia era d’interesse diffuso anche fra persone meno abbienti; oggi langue ma non è scomparsa. C’è chi guardando un’immagine (quadro, disegno o incisione) nel PC pensa di conoscerla realmente, ma ha visto un falso. L’opera va vista dal vero – l’hic et nunc , il qui e ora – per scoprirne la qualità, il come è fatta, (il linguaggio) e il cosa (il senso). Credo che valga anche per la scrittura, un libro bello non è lo stesso in fotocopia.

Dietro ci sta un grande lavoro, un impegno e dei costi non indifferenti, ci si potrebbe chiedere se valga la pena…

Vero, me lo chiedo anch’io spesso, non lo so, li trovo belli e mi piace anche il lavoro con i collaboratori. È una chimera? Riguardo alla bellezza, rispondo con la frase di Albrecht Dürer “… cosa sia non so, quando c’è la vedo” e la poesia, quando è tale, aiuta…

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Culture
Culture
1 ora
Brevi cronache notturne, tra territori e poesia
Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
2 ore
Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz
Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
4 ore
Donne, voi siete il cinema
'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
4 ore
La malinconia della vita cavalca i pardi
Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
8 ore
Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa
Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
8 ore
Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'
Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
13 ore
Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening
La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
1 gior
Il giro del mondo dei Pardi di domani
CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
1 gior
E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...
A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
2 gior
Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole
La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile