laRegione
Lois Hechenkblaikner Ischgl
+4
Arte
27.06.20 - 11:200

Ischgl and more: il Masi riparte dal trash

Esposizione pop-up per la riapertura della sede del Lac del Museo d'arte della Svizzera italiana, con le moraleggianti fotografie di Hechenblaikner

“Ischgl and more”.
Ischgl è una località sciistica del Tirolo: 1’377 metri sul livello del mare, 1’593 abitanti, 1,4 milioni di pernottamenti all’anno. E questi numeri sono già un indizio di cosa ci sia, in quel “and more” che troviamo nel titolo nell’esposizione che riapre la sede del Lac del Museo d’arte della Svizzera italiana dopo la chiusura forzata per la pandemia, e dopo l’annullamento o il rinvio di alcuni progetti.
Mostra improvvisa – che è diverso da improvvisata –, realizzata prendendo alcuni degli scatti realizzati negli anni dal fotografo austriaco Lois Hechenblaikner, immagini recentemente raccolte in un libro e che raccontano, o meglio mostrano, il turismo di massa di Ischgl, fatto non tanto di neve e di sci, ma di feste, alcol, eccessi. Immagini che, con congruente sottofondo musicale, troviamo proiettate a coppie sulle pareti della sala; un allestimento significativo nella sua essenzialità ma tutto sommato marginale, rispetto alle immagini stesse e ai sentimenti che suscitano in chi le vede (come si può giudicare direttamente dagli esempi qui riprodotti e che non sono neanche tra i più “estremi”, per quanto alla fine abbastanza tipiche di certe mete turistiche o situazioni come i carnevali nostrani).

Ecco, quali sentimenti suscitano queste foto? Iniziamo col dire che non troviamo solo immagini di persone ubriache che festeggiano senza troppe inibizioni, anche se certamente queste sono le foto che più restano impresse. E del resto Hechenblaikner non ha fotografato solo Ischgl, ma anche di altre località turistiche del Tirolo, ma diciamo meno mondane – ma queste immagini, curiosamente, le troviamo proiettate in uno spazio separato.
Insomma, l’impressione è che si voglia turbare e scandalizzare lo spettatore. In realtà «ci sono persone che si sentono attratte, da queste foto; altre invece respinte» ci spiega il fotografo quando, conclusa la conferenza stampa, gli rivolgiamo qualche domanda. Perché – e questo è stato anche sottolineato dalla curatrice del progetto al Masi Francesca Benini – il lavoro di Lois Hechenblaikner vuole essere una documentazione, un resoconto a suo modo neutrale di una realtà esistente, senza giudizi o pregiudizi. «Sono come un contatore Geiger che registra gli estremi: a Ischgl non c’è solo questo, ma io voglio far vedere fino dove arriva questa idea di turismo, qual è il livello massimo raggiunto».

L’intento quindi è far riflettere: se poi si arriva a una condanna o a un rifiuto, non sono la condanna o il rifiuto di Hechenblaikner ma di chi guarda il suo lavoro. E questo è forse l’aspetto più interessante della mostra: questo suo apparente basarsi su un’idea incredibilmente ingenua della fotografia concepita come semplice riproduzione della realtà, senza filtri né distorsioni. Ma ovviamente Hechenblaikner non è ingenuo e si rende certamente conto che già solo il fatto di aver preso quelle fotografie e di averle prima raccolte in un libro e poi proiettate in un museo è un gesto che ha un significato che va ben la di là del semplice “registrare gli estremi come un contatore Geiger”.

L’obiettivo di Hechenblaikner non è semplicemente invitarci a riflettere su certi temi – il turismo di massa, la trasformazione del territorio che esso porta, la ricerca degli eccessi, il rapporto tra divertimento, piacere e dolore – ma anche indicarci come dobbiamo riflettere su questi temi. Ed è una riflessione essenzialmente basata sulla contrapposizione tra ciò che è originario e autentico e ciò che è corrotto e artificioso. Il che spiega l’utilizzo, in alcuni immagini, di un’estetica pornografica e voyeuristica: cosa di meglio per dare forma visibile alla corruzione? Hechenblaikner è nato e cresciuto in Tirolo, è evidentemente attaccato alla sua terra e forse si porta dietro quel rapporto di odio-amore verso gli stranieri (in questo caso tedeschi) tipico di molte regioni turistiche; comprensibile quindi che il suo approccio sia quello.

Ma si tratta di un approccio limitato, incapace di pensare al futuro perché si arena nella nostalgia per un passato che in realtà non è mai esistito, dall’idea di un paradiso perduto dal quale siamo stati scacciati e al quale sarebbe bello tornare.

Proprio la pandemia di Covid-19 esemplifica il limite di questo approccio: Ischgl è stato uno dei principali focolai della malattia, registrando il valore più alto al mondo di contagiati tra la popolazione – il 42,4% in base ai test sierologici presentati giusto ieri. Ora, come dobbiamo leggere questa informazione? Possiamo chiederci se ci sarà ancora posto, nella società post Covid-19, per un turismo non solo di massa, ma di ammassamento, pensando a possibili alternative. Oppure possiamo pensare al focolaio come una punizione divina per aver trasformato l’Eden in Sodoma. Inutile dire quale dei due fosse il sottotesto, quando durante la conferenza stampa si è accennato al focolaio.

L’esposizione si intitola “Ischgl and more”, perché si vuole andare oltre Ischgl e i suoi turisti. Ed è proprio lì il problema.

Guarda tutte le 8 immagini
TOP NEWS Culture
Spettacoli
2 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
2 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
2 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
Arte
3 gior
DE-PRESS-ME, una breccia artistica nella chiusura
Intrusione artistica benevola nei confini domestici sbarrati dall’emergenza sanitaria
Società
3 gior
Che la morte ci sia lieve (Pau come Nadia)
Donés, leader di Jarabe de Palo, che come la Iena Toffa ha raccontato in pubblico, fino in fondo, l’urgenza (e la bellezza) del vivere
Spettacoli
3 gior
Luminanza, un bando per il teatro contemporaneo
Alan Alpenfelt ci racconta il nuovo progetto di formazione per giovani autori di teatro, un “reattore per la drammaturgia contemporanea”
Arte
4 gior
L’orizzonte di Edward Hopper alla Fondazione Beyeler
Prolungata fino al 26 luglio la mostra che il museo di Basilea dedicata ai paesaggi del pittore americano
Spettacoli
5 gior
San Materno, la ‘Cruda bellezza’ della danza
Intervista a Isabel Lunkembisa, protagonista della prima attività estiva del teatro di Ascona
Arte
5 gior
Il ’bricoleur dell’anima’ Pietro Beretta a Casa Serodine
Si apre domani ad Ascona la mostra dedicata a Beretta, artista originale ed estroso, per non dire beffardo
Scienze
6 gior
Nello spazio c'è qualcosa di nuovo: Gliese 887
Scoperte due superTerre e una stella debole e fredda, la più brillante nana rossa visibile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile