laRegione
Arte
28.06.20 - 16:300

DE-PRESS-ME, una breccia artistica nella chiusura

Intrusione artistica benevola nei confini domestici sbarrati dall’emergenza sanitaria

Quattromila caselle della posta, presso domicili situati in specifici quartieri urbani del Ticino hanno accolto, nelle giornate di maggior tensione dovuta alla emergenza sanitaria della primavera 2020, una stampa accompagnata da un foglio di spiegazione.

Il titolo dell’iniziativa è DE-PRESS-ME e il testo contenuto nel foglio spiega:

In questo tempo di isolamento, di cui non vediamo la fine e di cui difficilmente sappiamo decifrare le conseguenze a lungo termine, facciamo appello all’arte affinché rientri nella vita delle persone in modo attivo e fisico. Come artisti del territorio abbiamo deciso di produrre e distribuire opere d’arte, per aprire una piccola breccia nella chiusura che, anche se necessaria, sta cambiando le nostre vite. Desideriamo rompere metaforicamente i confini chiusi delle nostre case attraverso un gesto, ripetuto e ripetibile, di invasione culturale dello spazio privato. La distribuzione è effettuata nel pieno rispetto delle direttive igieniche vigenti. DE-PRESS-ME. Libera Azione Artistica. Ticino 2020.

Ho omesso gli a capo presenti nella stampa del testo. L’opera d’arte distribuita è una stampa effettuata con una macchina a caratteri mobili, l’autore è il collettivo Libera Azione Artistica, il contenuto della stampa può essere una immagine o un testo, per esempio un testo di Pier Paolo Pasolini oppure una poesia scritta da qualcuno che fa parte del collettivo.

Non sappiamo chi abbia beneficiato del gesto. Lo sa chi lo ha ricevuto, se se ne è accorto. Cosa è successo? Gli artisti si sono riuniti presso uno stampatore e insieme hanno voluto contrastare il senso di vuoto, isolamento, incomprensione, indecisione e abbandono dei giorni definiti con il termine “confinamento”; hanno voluto sbloccare l’isolamento con un gesto formale e simbolico che è però anche fisico e materiale, di vicinanza, di relazione e di interazione tra cittadini: un po’ un abbraccio che rispetta l’ingiunzione della distanza di sicurezza. Provo a dire perché lo ritengo una delle cose più belle di questo periodo.

È formale e la sua struttura si inserisce all’interno dell’universo della stampa artistica. Si tratta di un universo specifico e significativo. Talvolta è considerato, a torto, una modalità espressiva minore o di supporto o di divulgazione di contenuti che si nobilitano altrove. È invece un modo e un mondo di produzione ricco di valore e caratterizzato da elementi peculiari: l’artista agisce non sul prodotto finale ma su uno strumento (la lastra) e vedrà il risultato del proprio lavoro soltanto dopo la stampa; la sua azione è filtrata dal procedimento di stampa e quindi l’artista ha un controllo contenuto sull’esito; l’opera d’arte non è unica perché esce da un procedimento di stampa, ha nondimeno le caratteristiche formali dell’opera. Vale la pena di precisare alcune di queste caratteristiche. In genere la stampa artistica passa attraverso un torchio, altre volte segue percorsi diversi (pensiamo, in Ticino, alle tecniche di Pam Mazzuchelli o di Reto Rigassi). In questo caso passa attraverso la macchina artigianale a caratteri mobili nella quale, in genere, i caratteri in piombo sono disposti in un cliché e poi messi in contatto con i fogli da stampare. In questo caso i caratteri mobili sono stati utilizzati per la stampa dei testi (in alcuni casi l’opera è un testo, come si diceva) mentre per produrre le immagini è stata utilizzata una lastra di materiale plastico fornita al collettivo dallo stampatore. Ogni artista ha quindi inciso la plastica o comunque ha operato su di essa in modo da selezionare l’inchiostro che una volta distribuito sulla lastra ha, attraverso la macchina, tradotto sul foglio l’immagine. Le varie componenti e passaggi del procedimento sono scarne: si è proceduto con ciò che era disponibile in stamperia e anche il formato del foglio stampato non risponde ad alcun criterio riconoscibile. L’iniziativa ha voluto essere frugale. Se ne vedono le conseguenze sul foglio stampato, una carta poco accogliente per l’inchiostro dove l’immagine ha dovuto impegnarsi per restare incisa. La componente formale dell’iniziativa quindi trascende gli aspetti fisici e la sostanzialità della fattura ne è un aspetto caratterizzante.

Non ammicca. Durante il periodo dell’emergenza sanitaria ci sono state forme di speculazione opportunistica. Un esponente dell’arte commerciale che si vende come artista socialmente impegnato ha imbrattato alcune mascherine e le vende dicendo che si tratta di una iniziativa umanitaria. A Milano, in piazza Duomo, campeggia una scritta che recita “andrà tutto bene”, forse in inglese e viene proposta come opera d’arte. Mi fermo qui. L’iniziativa Depressme non cerca il consenso ed è concentrata sul manufatto. Non si domanda se chi apre la cassetta della posta e trova la stampa reagirà e come reagirà. La stampa può essere stata stracciarla, usata come sotto piatto, incorniciata, apprezzata, disprezzata o incompresa. Non importa. Il testo di accompagnamento fa il proprio dovere.

È generoso e vi è anche una componente pedagogica nella iniziativa, gratuita e inutile come lo deve essere ogni opera d’arte, con l’ambizione di diventare ciò che è già: un gesto formalmente compiuto per rispondere a una esigenza espressiva nella quale esiste una fonte, una serie di passaggi filtranti, umani e tecnici e materiali, e una destinazione che può reagire o no, libera come lo è il collettivo che produce la proposta.

Io desidero che Depressme travalichi l’ambito della clausura sanitaria e prosegua la propria azione aggregando nel collettivo altre capacità produttive e spargendo ulteriormente la propria magnifica inutile gratuità.

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Culture
Scienze
10 ore
Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'
Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'
Scienze
10 ore
L'allarme dell'Onu: proteggere l'ambiente o presto altre pandemie
L'emergenza Covid-19 è solo l'ultimo esempio di zoonosi, un fenomeno in crescita e che può essere fermato solo proteggendo la fauna e l'ambiente
L'intervista
18 ore
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
1 gior
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
1 gior
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
1 gior
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
1 gior
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
1 gior
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
2 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile