laRegione
Arte
12.11.19 - 20:220

Lo spirito di via Nassa 54 torna con ArteperArte

La casa degli artisti di Lugano al centro dell'esposizione al Mercato coperto di Giubiasco, dal 16 al 24 novembre

«Sono convinto che la maggior parte delle persone non sa che via Nassa in quegli anni era una casa degli artisti» ha affermato, con un misto di orgoglio e nostalgia, in conferenza stampa Gabriele Tamagni. Del resto ad andare oggi nella via dello shopping luganese si trovano negozi uguali a Milano o Londra «e per ritrovare la via Nassa di allora bisogna guardare dal terzo piano in su». Oppure andare – dal 16 al 24 novembre, con vernissage venerdì 15 alle 18.30 – al Mercato coperto di Giubiasco, dove il tradizionale appuntamento con ArteperArte Flash sarà dedicato, appunto, a Via Nassa 54. questo luogo dove «gli artisti si sono trovati, hanno preso in affitto degli spazi e hanno iniziato a confrontarsi, a discutere – e anche a far festa» ha spiegato Gabriele Tamagni che quell’atmosfera l’ha vissuta: suo fratello Giancarlo era infatti uno degli inquilini di quella casa, insieme a Fernando Bordoni, Pier Giorgio Ceresa, Jimmy Ortelli, Sergio Piccaluga e Maria Pospisilova. Artisti che ritroveremo, appunto, al Mercato coperto di Giubiasco, sia con le loro opere, sia di persona – tranne Maria Pospisilova, scomparsa nel 1974.

«Sono convinto che la maggior parte delle persone non sa che via Nassa in quegli anni era una casa degli artisti» ha affermato, con un misto di orgoglio e nostalgia, ieri in conferenza stampa Gabriele Tamagni. Del resto ad andare oggi nella via dello shopping luganese si trovano negozi uguali a Milano o Londra «e per ritrovare la via Nassa di allora bisogna guardare dal terzo piano in su». Oppure andare – dal 16 al 24 novembre, con vernissage venerdì 15 alle 18.30 – al Mercato coperto di Giubiasco, dove il tradizionale appuntamento con ArteperArte Flash sarà dedicato, appunto, a Via Nassa 54. questo luogo dove «gli artisti si sono trovati, hanno preso in affitto degli spazi e hanno iniziato a confrontarsi, a discutere – e anche a far festa» ha spiegato Gabriele Tamagni che quell’atmosfera l’ha vissuta: suo fratello Giancarlo era infatti uno degli inquilini di quella casa, insieme a Fernando Bordoni, Pier Giorgio Ceresa, Jimmy Ortelli, Sergio Piccaluga e Maria Pospisilova. Artisti che ritroveremo, appunto, al Mercato coperto di Giubiasco, sia con le loro opere, sia di persona – tranne Maria Pospisilova, scomparsa nel 1974.

Un’esperienza che, come accennato all’inizio, in pochi ricordano: ma se di tracce in via Nassa ne sono rimaste poche, c’è un documentario realizzato nel 1969 da Chris Wittwer e Gualtiero Walter Schönenberger per la televisione svizzera, una testimonianza che durante l’apertura dell’esposizione sarà proiettato.Il filmato sarà l’unica testimonianza diretta di via Nassa 54: «Volutamente non abbiamo voluto ricostruire niente: sarebbe stato ingiusti tentare di farlo. Ma abbiamo mosso degli spazi, attraverso dei pannelli abbiamo creato delle zone che sono dedicate ai diversi artisti». In queste ambienti «l’artista ha il suo spazio, lo può gestire come vuole, sforando se vuole verso gli spazi di altri artisti proprio come avveniva lì, dove si attraversava una porta o si saliva una scala e avvenivano queste osmosi». Un allestimento a zone – «per i quadri, poi uno dei presenti è scultore e le sue opere saranno distribuite in tutto lo spazio» –che lascia la massima libertà al pubblico su come percorrere la mostra, come da tradizione di ArteperArte Flash che vuole portare l’arte contemporanea senza le ingessature dei musei. «Quindi entrate, trovate degli scomparti liberissimi, dove potete circolare, dove potete interpretare, farvi le vostre idee, portare via le vostre emozioni e confrontarvi con gli artisti» la conclusione di Gabriele Tamagni. IAS

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS Culture
Netflix
11 ore
Quella volta che Lars e Sigrit andarono all'Eurovision
Un 'islandese' Will Ferrell ne ha per tutti, americani inclusi, in una deliziosa parodia-tributo al concorso canoro europeo più kitsch di sempre.
Gallery
Arte
14 ore
Biennale Val Bregaglia, giochi semantici naturali
Artisti misurati con la cultura del luogo e con la sua storia. Gli interventi di Roman Signer, con la grande torre, e Alex Dorici, col pertugio nelle antiche mura
Società
1 gior
Covid-19, Robert De Niro quasi sul lastrico
La pandemia ha inferto un grave colpo ai business dell'attore americano, la catena di ristoranti Nobu e il Greenwich Hotel
Culture
1 gior
Task Force Culture: 'Un segnale forte e unanime'. Con risultati
Le associazioni culturali accolgono con soddisfazione l’apertura da parte del Consiglio federale (Cf) della consultazione sulla legge Covid-19
Scienze
1 gior
Lo spazzino dello spazio 'made' in Svizzera
ClearSpace, la sart-up del Politecnico federale di Losanna, vuole lanciare la sua navicella nel 2025
Musica
1 gior
La cantautrice ticinese Julie Meletta torna con 'Middle May'
Pubblicato oggi su tutte le piattaforme di streaming il nuovo singolo, in attesa del primo EP in uscita quest'inverno
Scienze
2 gior
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
2 gior
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
2 gior
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
2 gior
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile