laRegione
diego-erba-due-lingue-a-scuola-sono-troppe-forse-per-i-docenti
Benedetto Galli
Culture
04.05.17 - 19:01
Aggiornamento: 11.12.17 - 18:18
a cura de laRegione

Diego Erba: ‘Due lingue a scuola sono troppe? Forse per i docenti…’

Insegnare una lingua nazionale o l'inglese? È questa la domanda che molti cantoni si stanno ponendo, partendo dal presupposto che introdurre più di una lingua straniera nei primi anni di formazione sia troppo oneroso per gli allievi.

Diego Erba, per anni responsabile della Divisione scuola del Canton Ticino e coordinatore del Forum per l'italiano in Svizzera, è perplesso da questa giustificazione: «La nostra esperienza, e anche numerosi studi, dimostrano il contrario: prima si impara una lingua, meglio è, e l’apprendimento si una lingua è di aiuto per altre lingue… e poi basta pensare a quante persone non di lingua madre italiana ci sono in Ticino: albanesi, portoghesi che non hanno difficoltà a imparare l’italiano e il francese».
Il problema, o almeno il vero problema, non sembra quindi essere l’eccessivo carico degli allievi «ma – prosegue Erba – sapere se i docenti sono in grado di insegnare più lingue durante le scuole elementari, e credo che le obiezioni che vengono soprattutto dai docenti della Svizzera tedesca sia appunto questo, di dover insegnare tedesco, francese e inglese…». Insomma, la vera riflessione che dovrebbero fare le autorità «riguarda le condizioni di insegnamento nelle scuole» conclude Erba.

L'intervista completa sul giornale di domani.

TOP NEWS Culture
Musica
9 ore
Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati
In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Spettacoli
1 gior
Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco
Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
1 gior
‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’
David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Scienze
1 gior
Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo
Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
2 gior
Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione
La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
2 gior
Il regista britannico Peter Brook è morto
Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Scienze
2 gior
Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici
Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
2 gior
Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia
A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
2 gior
Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’
Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
3 gior
Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo
Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
© Regiopress, All rights reserved