laRegione
Ajoie
4
Olten
6
fine
(2-4 : 1-1 : 1-1)
Visp
4
La Chaux de Fonds
1
fine
(0-1 : 1-0 : 3-0)
Turgovia
1
Langenthal
2
2. tempo
(0-1 : 1-1)
Ajoie
LNB
4 - 6
fine
2-4
1-1
1-1
Olten
2-4
1-1
1-1
 
 
1'
0-1 MADER
1-1 POUILLY
5'
 
 
 
 
9'
1-2 HORANSKY
 
 
10'
1-3 GERBER
 
 
15'
1-4 MADER
2-4 DEVOS
17'
 
 
 
 
38'
2-5 BAGNOUD
3-5 HAZEN
39'
 
 
4-5 BIRBAUM
56'
 
 
 
 
60'
4-6 CHIRIAEV
MADER 0-1 1'
5' 1-1 POUILLY
HORANSKY 1-2 9'
GERBER 1-3 10'
MADER 1-4 15'
17' 2-4 DEVOS
BAGNOUD 2-5 38'
39' 3-5 HAZEN
56' 4-5 BIRBAUM
CHIRIAEV 4-6 60'
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:59
Visp
LNB
4 - 1
fine
0-1
1-0
3-0
La Chaux de Fonds
0-1
1-0
3-0
 
 
13'
0-1 HASANI
1-1 RITZ
37'
 
 
2-1 VAN GUILDER
48'
 
 
3-1 STURNY
59'
 
 
4-1 RITZ
60'
 
 
HASANI 0-1 13'
37' 1-1 RITZ
48' 2-1 VAN GUILDER
59' 3-1 STURNY
60' 4-1 RITZ
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:59
Turgovia
LNB
1 - 2
2. tempo
0-1
1-1
Langenthal
0-1
1-1
 
 
14'
0-1 KUMMER
 
 
25'
0-2 KELLY
1-2 MEROLA
29'
 
 
KUMMER 0-1 14'
KELLY 0-2 25'
29' 1-2 MEROLA
Ultimo aggiornamento: 18.11.2018 19:59
Reza Khatir
Cinema Corso
Culture
10.10.16 - 06:000

Conclusa la terza edizione del Film Festival Diritti Umani di Lugano

Tempo di bilanci...

Dopo cinque intensi giorni di proiezioni e incontri al Cinema Corso, si è chiusa domenica sera la terza edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano. Un’edizione all’insegna del consolidamento e del rinnovamento, che ha visto la presenza in sala – prima delle due ultime proiezioni – di oltre tremila spettatori, cui si aggiunge il pubblico della mostra e dell’evento musicale Raving Iran.


Quattro i cardini del Film Festival 2016. La centralità data all’aspetto cinematografico, sottolineato dall’aggiunta di “film” nel nome dell’evento. La forza del dibattito come risorsa e necessità per dare seguito alle suggestioni fornite dai film. I giovani, che sono autori, soggetti e pubblico privilegiato della proposta della manifestazione (oltre 1'500 gli studenti presenti da 26 istituti del Cantone). Infine, la ferma convinzione della necessità di una riflessione sul valore della dignità umana.

Particolarmente apprezzata da spettatori e ospiti la scelta del luogo che ha ospitato questa edizione, il Cinema Corso, splendida cornice architettonica ed elemento indispensabile per riaffermare il legame indissolubile fra il festival e la città che lo ospita.

Olmo Giovannini e Antonio Prata, condirettori del festival hanno dichiarato: “Dare continuità a un evento giovane ma già solido come il festival era una responsabilità importante; quanto abbiamo vissuto in questi cinque giorni ci ha ampiamente ripagati di tutti gli sforzi intrapresi. È stata un’emozione grandissima vedere così tanta gente riunirsi in quel luogo magico che è il Cinema Corso, dando vita a un’atmosfera di incontro e dialogo che ha permesso di confrontarsi in maniera realmente arricchente sul tema fondamentale dei Diritti Umani. I film, con le loro storie intense, e gli ospiti e protagonisti presenti al festival, sono stati la chiave d’accesso privilegiata che ha permesso di entrare in profondità nei diversi argomenti, poi discussi e indagati negli intensi momenti di dibattito in sala. Temi e discussioni ai quali vogliamo fortemente dare una continuità attraverso una presenza durante tutto l’anno, declinata in diversi appuntamenti di proiezione e riflessione. Un caloroso ringraziamento va inoltre ai partner della manifestazione, alla Fondazione Diritti Umani e a tutto lo staff che ha lavorato intensamente in questi mesi”.


L'appuntamento è per l'anno prossimo con la 4a edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano!

 

Tags
umani
diritti umani
festival
diritti
edizione
film
film festival
festival diritti umani
festival diritti
film festival diritti
TOP NEWS Culture
© Regiopress, All rights reserved