laRegione
associazione-ines-combattere-l-assistenzialismo
Culture
29.03.16 - 08:570
Aggiornamento : 15.12.17 - 17:10

Associazione INES - Combattere l'assistenzialismo!

INES è il nome dell’organizzazione non governativa che opera in Argentina da circa dieci anni; il suo nome ha una duplice ragione: «Così si chiama la suora conosciuta durante il primo viaggio che ci ha ispirati con il suo amore verso il prossimo», racconta Richard Haeni. Ma Ines è anche, forse soprattutto, acronimo dei quattro punti cardinali dell’associazione: Incontro, Nascita, Emozioni, Speranza. Un pomeriggio, incontriamo Richard che, oltre a ricoprire la carica di presidente dell’Ong, è insegnante di matematica e dottorando in storia a Basilea: a lui chiediamo di raccontarci l’associazione. INES è giovane! Il suo comitato è composto da quasi trentenni e, ad oggi, conta cinque membri (non retribuiti) in compagnia di circa 120 soci: «Aconfessionale e apartitica», vede metaforicamente la luce nell’ottobre del 2005. Un’iniziativa spontanea nata dopo l’esperienza di un mese di volontariato a Merlo (città nella periferia di Buenos Aires), organizzato dalla Conferenza Missionaria della Svizzera italiana e vissuto anche da quel gruppo di giovani «favorevole alla costituzione di un’associazione di aiuto. Un impulso dato dal confronto di forte impatto con la realtà di disagio», che non ha lasciato spazio all’indifferenza. «Il senso pressante di giustizia sociale ha acceso la scintilla di INES, che, nel suo piccolo, cerca di cambiare alcune situazioni di malessere sociale, cercando di migliorarle con interventi puntuali… Perseguendo ideali di uguaglianza, giustizia a tutela della dignità umana». I progetti «partono dai bisogni delle comunità», dal confronto con chi vive la realtà, prendendo quale punto di partenza per la loro concezione quanto emerge da analisi e discussioni, e si concentrano su bambini, adolescenti e giovani adulti, promuovendo educazione e formazione professionale, senza dimenticare sostegno psicologico e sociale. La realtà sociale e giovanile, in particolare in alcune zone, è molto dura: «I ragazzi sono lasciati a loro stessi; spesso vivono in famiglie numerose, senza una figura paterna o, quando ci sono, con genitori con problemi d’alcolismo oppure violenti». L’intervento per e con i ragazzi è dunque necessario, affinché abbiano la possibilità di affrancarsi da un circolo vizioso e pensare al proprio futuro. Una panetteria contro il disagio Il progetto in corso è la “Panadería del Isauro”, nel quartiere di San Telmo a Buenos Aires, cui INES ha iniziato a interessarsi entrando in contatto con il Centro Educativo Isauro Arancibia, grazie al lavoro svolto da un’antropologa, ingaggiata affinché trovasse un progetto cui partecipare. «L’atelier di panificazione era già avviato dal Centro Educativo: un corso per giovani (dai 15 ai 30 anni) che vivono situazioni di strada (spesso senza documenti, confrontati con la violenza e l’illegalità; oppure alle prese con lavoretti saltuari) non hanno mai avuto l’occasione di frequentare la scuola primaria. L’idea è stata ampliare l’offerta, anche grazie alla voglia dei ragazzi di poter fare e imparare di più». Attraverso il progetto si vuole trasmettere regolarità nella frequentazione, puntualità e responsabilità verso gli impegni presi: «Bisogna insistere molto, seguirli e spronarli». Dopo, però, arrivano anche i motivi di soddisfazione: i ragazzi sono contenti (inviano fotografie e scrivono messaggi) e, anzi, avrebbero il desiderio di poter fare di più. «In particolare, questo progetto funziona molto bene: propone un servizio di catering, richiesto anche da istituzioni che organizzano eventi». Questa dinamica è molto importante affinché si raggiunga «l’obiettivo di sviluppare un progetto d’impresa che non faccia leva sul pietismo»; dinamica dalla quale i ragazzi devono liberarsi. Professionalità è quindi la parola chiave nella politica del progetto, che ha come punto di arrivo (ma insieme di partenza) lo sviluppo di una concezione di micro-impresa.

Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Culture
Scienze
8 min
Anche il solo suono della parola ‘virus’ aumenta lo stress
Una ricerca pubblicata su Psychological Science, rivela che il suono della parola stessa potrebbe avere l'effetto di aumentare la pressione sanguigna
Culture
4 ore
Il nuovo Finzi Pasca a settembre, 'sorprendente ma accessibile'
'Potrebbe inaugurare la nuova stagione del Lac', ha rivelato l'artista ticinese. 'Rispondiamo alla crisi in modo creativo'
Televisione
4 ore
'Lugano città del futuro', il Consiglio del pubblico critica 'Falò'
L'organo della Corsi: 'Mortificati dibattito, pluralità d'idee e qualità dell'analisi'. Tema 'affidato alla sola voce di un attore economico del settore'
Culture
5 ore
Percento culturale: tra i talenti della danza, una ticinese
Mara Peyer è tra i sei danzatori e danzatrici che si sono divisi gli oltre 86mila franchi assegnati da Migros in un concorso forzatamente online.
Cinema
5 ore
Recitò in 'Novecento': morta Carlotta Barilli
Fu al fianco di Totò e Vittorio Gassman. E di Gerard Depardieu, nel capolavoro di Bertolucci. Assieme a Paolo Bonacelli fondò la Compagnia del Porcospino
Culture
8 ore
Le storie del lago di Lorenzo Sganzini
Da Gandria a Riva San Vitale a Valsolda, itinerari tra arte e storia nel volume 'Passeggiate sul lago di Lugano'
Locarno Film Festival
1 gior
Pardi di domani, detto con una sola parola: 'Internazionali'
Online e in sala, d’oro e d’argento. ‘Meno film, ma non meno belli’. A colloquio con Charlotte Corchète, responsabile del comitato di selezione.
Scienze
1 gior
Coronavirus, c'è la 'spia' dei casi gravi. L'immunità? Non dura
Gli interferoni potrebbero essere la chiave per evitare il degenerare dell'infezione. Gli anticorpi, invece, spariscono dopo qualche mese
Culture
1 gior
Vasi Comunicanti: ai confini della realtà (e del Ceresio)
Al via la seconda edizione. Piccoli eventi ripetuti piuttosto che grandi eventi, per creare un'unica, misteriosa e curativa 'Storia di lago' itinerante
Cinema
2 gior
Kelly Preston ha perso la guerra contro il cancro, aveva 57 anni
L'attrice americana e moglie di John Travolta è deceduta a causa del tumore al seno, contro cui lottava da due anni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile