laRegione
03.12.22 - 13:56
Aggiornamento: 04.12.22 - 15:27

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona

i-verdi-liberali-almeno-due-deputati-in-gran-consiglio
Ti-Press
Da sin. De Savelli, Marini, Boër, Beretta Piccoli e Mobiglia (Ti-Press)

Obiettivo minimo: entrare in Gran Consiglio con due deputati. «E pensiamo che con questa lista ci siano i presupposti per raggiungerlo», dice alla ‘Regione’ Stefano Dias, co-presidente del Partito verdi liberali Ticino, anzi da oggi presidente (Marco Battaglia, che con Dias ha condiviso fin qui la guida del Pvl, ha lasciato la carica per motivi professionali). La lista cui allude Dias è quella, appena approvata a Bellinzona dall’assemblea del partito, per il Consiglio di Stato: cinque candidati che figureranno infatti anche nella squadra che il prossimo 2 aprile correrà per il parlamento. Gli aspiranti ministri e aspiranti deputati sono Mirco De Savelli, Sara Beretta Piccoli, Massimo Mobiglia, Cinzia Marini, Claudio Boër.

‘Stiamo crescendo’

I Verdi liberali ticinesi ci credono. Ci crede per primo Mobiglia, fondatore della sezione cantonale del Pvl svizzero, della quale è stato anche presidente. «Questa è la volta buona», afferma. Sbarcare in Gran Consiglio «con almeno due deputati è possibile». Certo, con cinque «si farebbe gruppo parlamentare e si entrerebbe così nelle commissioni, dove si prendono le decisioni che poi vota il plenum del parlamento». Fare gruppo parlamentare: traguardo piuttosto ambizioso per un partito che in Ticino, a differenza di oltre Gottardo, deve ancora consolidare la propria presenza. «Ma anche con uno, due o tre deputati ci faremo sentire», assicura Mobiglia, architetto, alla testa del Wwf della Svizzera italiana, nonché consigliere comunale a Minusio. «A livello locale avevamo prima delle ultime elezioni comunali soltanto un rappresentante del nostro partito: oggi i consiglieri comunali sono undici. E stiamo crescendo", rileva Mobiglia.

Nella lista per il governo non è solo l’ex presidente dei Verdi liberali Ticino a essere politicamente attivo a livello locale. De Savelli, classe 1995, economista e fondatore di una startup, è consigliere comunale a Cadempino: nella squadra che corre per il Consiglio di Stato è il rappresentante dei giovani verdi liberali. Beretta Piccoli, igienista dentale, già granconsigliera per il Ppd, è in Consiglio comunale a Lugano. Marini, manager medico, è stata consigliera comunale a Maroggia e Comano. Professore di ingegneria meccanica, Boër è tra i fondatori della Supsi di cui è stato anche vice presidente. Inoltre è stato console a Shangai ed è esperto nel settore energetico e nelle nuove tecnologie.

Finora quarantaquattro candidature per il legislativo

In via di definizione la lista per il Gran Consiglio. «Al momento – fa sapere Dias – abbiamo quarantaquattro candidature». Per ora sedici donne e dieci membri dei Giovani verdi liberali Ticino. Fra i candidati al parlamento ci sono, come detto, i cinque in corsa per il Consiglio di Stato.

Energia e ambiente, economia, salute e società e mobilità: sono i macro temi al centro della programma politico del Pvl cantonale. Fra le priorità, indica il partito in una nota, "maggiore efficienza energetica, stoccaggio di energia, innovazione economica e insediamento di startup con condizioni fiscali attrattive". E ancora: "Migliorare la conciliabilità famiglia e lavoro, combattere l’aumento dei costi della salute, sostenere la mobilità elettrica e migliorare l’infrastruttura ciclabile". La campagna elettorale dei Verdi liberali Ticino in vista delle ‘cantonali’ 2023 è lanciata. Lo slogan? "Nuova energia per il Ticino. Noi ci siamo!".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
40 min
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
1 ora
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
2 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
5 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
6 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
7 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
7 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
8 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
9 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
12 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
© Regiopress, All rights reserved